Apri il menu principale

Buddy DeFranco

clarinettista, compositore e direttore d'orchestra statunitense

BiografiaModifica

Di origini Italiane, iniziò a suonare il clarinetto nel 1935 a soli 12 anni per aiutare il padre cieco a mantenere la famiglia molto povera che viveva nel sud di Philadelphia. A 16 anni era già un musicista che viaggiava per tutti gli Stati Uniti con varie band. La sua carriera si sviluppò in quella che è considerata l'epoca d'oro del jazz swing e delle big band, che vedevano spesso come leader i clarinettisti Artie Shaw, Benny Goodman e Woody Herman.[2] In seguito fu il primo a dedicarsi col suo strumento al bebop e alla musica di Charlie Parker, divenendo con Tony Scott uno dei pochi clarinettisti in quel genere della storia del jazz. Fu anche il primo ad usare il clarinetto basso nel jazz con straordinari risultati.[3][4]

Tra le sue collaborazioni più importanti si ricordano quelle con Count Basie, Sonny Clark, Tal Farlow. Dal 1966 al 1974 fu leader della Glenn Miller Orchestra. Ha anche suonato con George Shearing, Gene Krupa, Charlie Barnet, Art Tatum, Oscar Peterson Terry Gibbs Art Blakey Tommy Gumina e molti altri, realizzando numerosi album come leader. Gli è stata dedicata una bellissima biografia contenuta nel libro: A Life In The Golden Age of Jazz. Si cimenta come organizzatore del Festival Jazz per giovani talenti Buddy De Franco Jazz Fest e nel 1996 come didatta ed insegnante dando alle stampe il suo metodo Hand in Hand with Hanon per l'apprendimento del clarinetto jazz. Insieme all'amico Tony Scott è considerato il più grande clarinettista jazz di tutti i tempi.

DiscografiaModifica

(da en.wiki)

NoteModifica

  1. ^ Jazz clarinetist great Buddy DeFranco dead at 91
  2. ^ Artie Shaw 1936-1946 | Jazzit, su jazzit.it. URL consultato il 26 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2012).
  3. ^ [1][collegamento interrotto]
  4. ^ Tony Scott, star del clarinetto morto in Italia da dimenticato

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN74025409 · ISNI (EN0000 0001 1447 9225 · LCCN (ENn85369938 · GND (DE119173980 · BNF (FRcb136068008 (data) · WorldCat Identities (ENn85-369938