Bulova

azienda statunitense di orologeria

Bulova è una azienda di orologeria fondata nel 1875 a New York di proprietà del conglomerato multinazionale giapponese Citizen.[1]

Bulova Watch Company
Logo
Logo
Bulova Corporate Center south door jeh.jpg
Sede Bulova a New York
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaLimited company
Fondazione1875 a New York
Fondata daJoseph Bulova
Sede principaleNew York
GruppoCitizen Watches
SettoreOrologi
ProdottiOrologi da polso
Sito webwww.bulova.com/
Logo precedente

StoriaModifica

Dalla nascita alla seconda guerra mondialeModifica

Bulova nacque come J. Bulova Company nel 1875 dall'immigrato boemo Joseph Bulova.

Nel 1912 Joseph Bulova avvia il suo primo stabilimento a Bienne interamente dedicato alla produzione di orologi.

Nel 1923 cambiò nome in Bulova Watch Company

Nel 1926 l'azienda lancia il primo spot via radio[2].

Nel 1927 istituì un osservatorio sul tetto di un grattacielo situato sulla 5th Avenue per determinare con precisione l'ora universale.

Già dalla fine degli anni Venti/inizio anni Trenta l'azienda si afferma anche come casa produttrice di movimenti: è il caso, ad esempio, del calibro 10AE[3], con un caratteristico design a ponti separati. Questo movimento è stato poi declinato in numerose varianti.

Durante la seconda guerra mondiale, Bulova realizzò dei cosiddetti "hack watch" per l'esercito statunitense, così soprannominati perché, tirando la corona di carica, la lancetta dei secondi si bloccava e consentiva una perfetta sincronizzazione dell'orario con precisione al secondo.

1950-1960: gli orologi a diapasonModifica

Nel 1960, grazie allo sviluppo di Max Hetzel, Bulova presenta il primo orologio con movimento elettronico nella storia dell'orologeria. Il movimento, ribattezzato Accutron (abbreviazione di "Accuracy Through Electronic"), adoperava un circuito elettronico con un diapason stimolato ad una frequenza pari a 360hz e controllato da un transistor. Questo genere di soluzione garantiva una precisione enormemente maggiore rispetto agli orologi meccanici che in quel periodo imperavano, offrendo uno scarto orario di circa un minuto per mese. Grazie a questa straordinaria invenzione, si diffuse ben presto il Bulova Accutron, anche in versione con quadrante scheletrato (ribattezzata Spaceview), che consentiva la visione del funzionamento del movimento. L'alta frequenza a cui viaggiava l'Accutron, inoltre, garantiva che lo scorrere della lancetta dei secondi fosse un flusso continuo, proprio come negli orologi meccanici, e non invece un andamento saltante come negli orologi al quarzo. La soluzione adottata da Hetzel fu talmente fortunata per Bulova, che la casa orologiera fece del diapason il proprio logo. Il primo di questi movimenti prese il nome di Bulova 214[4].

Da metà anni Cinquanta circa, Bulova inizia a realizzare anche movimenti automatici di manifattura. La famiglia di movimenti automatici chiamata Bulova 11 è stata l'ultima prodotta in house dall'azienda. Dopodiché la maison passò alla realizzazione di soli movimenti a diapason e al quarzo, mentre i calibri meccanici sarebbero stati forniti da terze parti.

Sempre nel 1960 Bulova registra un altro marchio: si tratta di Caravelle, inizialmente utilizzato per i segnatempo più sportivi, poi arricchito da una linea più elegante.

I primi cronografi automatici Bulova, arrivati alla fine degli anni Sessanta, montavano il movimento Chronomatic sviluppato dal consorzio omonimo in cui collaboravano Heuer-Leonidas, Breitling, Buren, Hamilton e Dubois-Dépraz.

 
Bulova Longchamp, anni '70 circa

In questi anni si diffonde la collezione Longchamp, composta da segnatempo eleganti, spesse volte proposti con cassa tonneau.

1970-1980: un Bulova sulla LunaModifica

Nel 1971, un orologio Bulova andò nello spazio: per la precisione al polso del Capitano David Scott durante la missione Apollo 15, durante la quale l'orologio atterrò anche sul suolo lunare, e accompagnò il capitano mentre costui viaggiava sul rover, risultando dunque il primo orologio a partecipare ad un'attività extraveicolare.

Nel 1976, a seguito della moda degli orologi con indicazione oraria a LED, Bulova lancia il Computron.

Sempre negli anni Settanta si diffuse una linea più convenzionale, chiamata Longchamp, caratterizzata da orologi eleganti e dal design sobrio.

Nel 1979 entrò a far parte della Loews Corporation.

Il successo della missione spaziale Apollo 15 ha fatto sì che Bulova, tra gli anni Settanta ed Ottanta, presentasse una collezione chiamata Astronaut.

Negli anni Ottanta, la collezione Super Seville rendeva omaggio ai Rolex Datejust e Day-Date.

Nuovo MillennioModifica

A inizio anni Duemila Bulova assorbe il marchio Wittnauer.

Oltre alla produzione standard, offre la linea Accutron. I primi riprendono il simbolo della "forchetta" del diapason nell'Accutron che nel 2010, in occasione del suo cinquantesimo anniversario, è stato proposto in un numero limitato di mille esemplari.

Dal 2005, anno in cui sono stati celebrati i 130 anni della nascita del marchio, vengono affiancati alla produzione di serie particolari modelli di "nicchia" in serie limitata da collezione come l'Ambassador e il regolatore 63F80[5].

Nel 2007 Bulova entra a far parte del gruppo Citizen.

A fine anni Dieci del 2000 entra in produzione una replica fedele dell'orologio che è stato al polso di David Scott: viene chiamata Lunar Pilot e monta un movimento al quarzo ad alta frequenza, che viaggia a 262kHz garantendo maggior precisione dei normali orologi al quarzo. Questo genere di movimenti al quarzo ad alta frequenza sono stati realizzati in forma curvex, con una conformazione che segue l'andamento del polso, e vengono montati in una apposita collezione di segnatempo sportivi, chiamati Curv.

Dal 2020 Accutron non è più una collezione di Bulova, ma un marchio a sé stante che realizza orologi con calibro a diapason. Il primo modello scelto per il rilancio del marchio è lo Spaceview.

Nel 2021, in occasione del cinquantesimo anniversario della missione Apollo 15, la casa ha realizzato una versione celebrativa del Lunar Pilot.

Oltre alla sede principale di New York, Bulova è presente in Canada, Cina, Italia, Giappone, Messico, Regno Unito e Svizzera.

NoteModifica

  1. ^ Citizen Watch Italy S.p.A, Bulova | Bulova - About us, su Bulova. URL consultato l'8 maggio 2021.
  2. ^ Citizen Watch Italy S.p.A, Bulova | Archivio interattivo, su Bulova. URL consultato il 16 settembre 2022.
  3. ^ bidfun-db Archive: Watch Movements: Bulova 10AE, su www.ranfft.de. URL consultato il 16 settembre 2022.
  4. ^ bidfun-db Archive: Watch Movements: Bulova 214, su www.ranfft.de. URL consultato il 16 settembre 2022.
  5. ^ Orologio Bulova 63F80

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN149333974 · LCCN (ENno2010050619 · GND (DE108646642X · WorldCat Identities (ENlccn-no2010050619