Apri il menu principale

I cacciatori a cavallo furono una specialità della cavalleria, nello specifico quella leggera.

Indice

OriginiModifica

I Cacciatori a cavallo nascono in Francia il 15 agosto 1757, quando ebbe tale nome l'antica legione a cavallo, l'origine però risale da dei cavalieri tedeschi capeggiati da Jean-Chrétien Fischer che parteggiarono per la corona francese durante la Guerra di successione austriaca.[1]
Derivano dalla specialità di fanteria dei cacciatori.

I Cacciatori a cavallo durante il periodo napoleonicoModifica

Simili agli Ussari, avevano all'incirca gli stessi compiti e le stesse funzioni, ma farne parte era considerato meno prestigioso ed elitario. La loro uniforme era meno sgargiante, e consisteva di un shakos in uso anche presso la fanteria, mantelli e calzoni verdi e stivali corti. Costituivano comunque la maggioranza della cavalleria leggera con 31 reggimenti nel 1811, 6 dei quali non francesi, formati da belgi, svizzeri, italiani e tedeschi.[2]

I Cacciatori a cavallo nella Guardia imperiale (Primo Impero)Modifica

Cacciatori a cavallo della Guardia[3]

Negli altri PaesiModifica

Negli altri Stati d'Europa vennero ben presto create delle unità molto simili a quelle francesi (ad esempio in Russia), ma quest'ultime passarono da un periodo di splendore a uno di decadenza, tanto che da un massimo di ventisei reggimenti, raggiunto tra il 1784 ed il 1836, si giunge poi ad una forma minima di sei reggimenti.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Tratto dalla pagina Wikipedia Cacciatore (soldato)
  2. ^ Tratto dalla voce "cavalleria napoleonica"
  3. ^ Per l'argomento in dettaglio cliccare sul link

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica