Caffè de la Paix

album di Franco Battiato del 1993
Caffè de la Paix
ArtistaFranco Battiato
Tipo albumStudio
Pubblicazione7 ottobre 1993
Durata31:24
Dischi1
Tracce8
GenerePop[1]
World music[1]
EtichettaEMI
ProduttoreEnrico Maghenzani,
Saro Cosentino (produttore di sala)
ArrangiamentiFranco Battiato
RegistrazioneReal World Studios, Box (Wiltshire, Inghilterra)
Morning Studio, Milano
FormatiLP, MC, CD, MD, DCC
Franco Battiato - cronologia
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Ondarock Pietra miliare
Dizionario del pop-rock[2] 4/5 stelle

Caffè de la Paix è il diciassettesimo album musicale di Franco Battiato, pubblicato nel 1993 con etichetta EMI e anche una voluta citazione del locale di Parigi dove Georges Ivanovič Gurdjieff scriveva i suoi libri.

L'album si classifica Miglior Disco dell'Anno nel referendum di Musica e dischi e risulta il trentaseiesimo disco più venduto in Italia durante l'anno.[3]

DescrizioneModifica

Battiato, già affermatosi nel decennio precedente grazie ad alcuni album di successo popolare (primo fra tutti La voce del padrone del 1981) e reduce dalla pubblicazione di Come un cammello in una grondaia (1991), in Caffè de la Paix riesce a coniugare perfettamente tutti i suoi interessi musicali e culturali, facendo confluire nel disco sia testi esotici e ironici che spirituali, in un riuscito incontro fra i sound degli strumenti orientali come la tabla e la tambura, di quelli classici quali la viola e l'oboe e di quelli rock, come la chitarra elettrica, il basso e la batteria.

I testi delle tracce possono essere ritenuti pura espressione del sincretismo culturale e religioso di Battiato, perché vanno dalla mitologia greca (Atlantide) alla società romana (Delenda Carthago), passando per la tradizione popolare irachena (Fogh in Nakhal) e le atmosfere orientali (Haiku), in un insieme costellato di riflessioni sullo spirito, sul trascendente e sulle esistenze extra-terrene (Sui giardini della preesistenza, Lode all'inviolato). Numerose le lingue utilizzate: l'arabo nel canto tradizionale Fogh in Nakhal, il latino in Delenda Carthago, estratto del III libro delle Elegie di Properzio, e il persiano nel finale del testo di Haiku interpretato da Pouran Ghaffarpour.

Il testo in italiano del brano Haiku contiene una breve lirica tratta da "Guanciale d'erba" di Natsume Soseki, appena modificata e non citata nel booklet del disco, dal quale si desume che il testo in lingua italiana sia solo di Battiato. Il libro di Soseki, pubblicato in Italia prima da L'Ottava (casa editrice dello stesso Battiato, nel 1993) poi da Edizioni Bea (2013), è stato tradotto dal giapponese da Lydia Origlia. La breve lirica di Soseki è: Alla rugiada scesa / sui fiori di miscanthus / quando s'annuncia l'autunno / assomiglio / io che devo svanire.

In copertina vi è un particolare da un dipinto di Süphan Barzani, pseudonimo usato dallo stesso Battiato quando dipinge.

TracceModifica

Testi e musiche di Franco Battiato, tranne dove indicato.

  1. Caffè de la Paix – 4:26
  2. Fogh in Nakhal (canzone tradizionale irachena) – 3:33
  3. Atlantide – 3:58 (testo: Carlotta Wieck)
  4. Sui giardini della preesistenza – 3:48
  5. Delenda Carthago – 3:59 (testo: Angelo Arioli)
  6. Ricerca sul terzo – 3:59
  7. Lode all'inviolato – 3:53
  8. Haiku – 3:48

Durata totale: 31:24

FormazioneModifica

ClassificheModifica

Classifiche settimanaliModifica

Classifica (1993) Posizione
raggiunta
Italia[4] 3

NoteModifica

  1. ^ a b Domenico Ruoppolo, Franco Battiato - Evadere le regole dell'universo, Ondarock. URL consultato il 6 giugno 2021.
  2. ^ Enzo Gentile, Alberto Tonti, Il dizionario del pop-rock 2014, Zanichelli, 2014, p. 117.
  3. ^ Gli album più venduti del 1993, su hitparadeitalia.it. URL consultato il 30-07-2009.
  4. ^ (EN) Top 10 sales in Europe (PDF), Music & Media (Pag. 15). URL consultato il 6 novembre 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica