Apri il menu principale
Cagiva C589
Randy Mamola 1989.jpg
Randy Mamola in sella alla C589 nel Gran Premio del Giappone 1989
CostruttoreItalia Cagiva
TipoClasse 500
Produzionedal 1989 al 1989
Sostituisce laCagiva C588
Sostituita daCagiva C590
Modelli similiHonda NSR 500
Yamaha YZR 500
Suzuki RGV Γ 500
Paton C7

La Cagiva C589 è una moto agonistica della casa Cagiva, il cui nome è formato dall'unione di più lettere e numeri "C", "5" e "89", dove "C" sta per "Cagiva", "5" sta per "500" (come la classe del mondiale e la cilindrata), "89" sta per 1989 (anno in cui è stato portato in gara il modello), questa moto da competizione è infatti prodotta dalla casa di Varese che corse nel motomondiale del 1989 con alla guida Randy Mamola con il numero 12.

DescrizioneModifica

Questa moto è la diretta evoluzione della C588 da cui differisce in minima parte e adottò definitivamente le nuove forcelle rovesciate (usate anche da Mamola nel campionato '88), ma non diede vita facile ai suoi piloti, difatti la moto data l'errata distribuzione dei pesi impedisce di scaricare liberamente la potenza al suolo e i piloti si ritrovano in difficoltà, difatti Randy Mamola (con il numero 12) si piazzò solo 18º a fine campionato, mentre il suo compagno Massimo Broccoli (con il numero 29) si piazzò 29º.[1][2][3]

Esteticamente rispetto al modello precedente differisce solo per le feritoie lunghe e sottili aggiuntive al termine degli sfoghi del radiatore e di una feritoia dietro e sotto gli sfoghi, mentre il plexiglas del cupolino risulta più basso e meno bombato.

Effetti sulla produzione di serieModifica

La C589 è stato il modello da cui è stato preso spunto per l'estetica di un modello di produzione stradale, la Cagiva Mito, che ricalca alla perfezione le livree della C589.

Caratteristiche tecnicheModifica

Caratteristiche tecniche - Cagiva C589
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 2015 × 500 × ? mm
Altezze Sella: 800 mm - Minima da terra: 130 mm
Interasse: 1400 mm Massa a vuoto: 122 kg Serbatoio: 32 litri
Meccanica
Tipo motore: Quadricilindrico a 2 tempi a V di 80° Raffreddamento: a liquido
Cilindrata 492,6 cm³ (Alesaggio 56,0 x Corsa 50,0 mm)
Distribuzione: lamellare Alimentazione: Carburatori Mikuni TM valvola piatta
Potenza: (all'albero) 110,3 kW (150 CV) a 12.000rpm Coppia: 8.5 kgm a 11.500rpm Rapporto di compressione: 15:1
Frizione: multidisco a bagno d'olio Cambio: sequenziale estraibile a 6 marce (sempre in presa)
Accensione Magneti Marelli CDI
Trasmissione a catena
Avviamento a spinta
Ciclistica
Telaio bitrave in alluminio
Sospensioni Anteriore: forcella Ohlins a steli rovesciati completamente regolabile "Öhlins" / Posteriore: ammortizzatore completamente regolabile "Öhlins"
Freni Anteriore: doppio disco in carbonio da 272,5 mm con pinza AP da 4 pistoncini / Posteriore: disco singolo da 190 mm con pinza AP da 2 pistoncini
Pneumatici anteriore da 3,50 (120/60) 17; posteriore da 6,00 (180/67) 18 Michelin su cerchi Marchesini
Fonte dei dati: [senza fonte]

NoteModifica