Caglio (Italia)

comune italiano
Caglio
comune
Caglio – Stemma Caglio – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
SindacoVittorio Molteni (lista civica Uniti per Caglio) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate45°52′N 9°14′E / 45.866667°N 9.233333°E45.866667; 9.233333 (Caglio)Coordinate: 45°52′N 9°14′E / 45.866667°N 9.233333°E45.866667; 9.233333 (Caglio)
Altitudine800 m s.l.m.
Superficie6,52 km²
Abitanti464[1] (31-03-2017)
Densità71,17 ab./km²
Comuni confinantiAsso, Caslino d'Erba, Faggeto Lario, Nesso, Rezzago, Sormano
Altre informazioni
Cod. postale22030
Prefisso031
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT013037
Cod. catastaleB355
TargaCO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanticagliesi (italiano); gòss (lmo.occ., appellativo tradizionale)
PatronoSS. Gervaso e Protaso
Giorno festivo19 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Caglio
Caglio
Caglio – Mappa
Posizione del comune di Caglio nella provincia di Como
Sito istituzionale

Caglio (Caj in dialetto vallassinese[2][3], AFI: [ˈkaj]) è un comune italiano di 464 abitanti della provincia di Como in Lombardia.

Il comune si trova all'interno del cosiddetto Triangolo Lariano.

Nel paese si trova anche un santuario dedicato alla Madonna nella località Campoè. Si tratta di un santuario di origine medievale rifatto dal cinquecento fino al 1700, periodo a cui appartengono gli stucchi delle volte. È inoltre presente un interessante dipinto del 1500 della Madonna del Latte.

Il Corno di Canzo visto da Caglio.

Indice

StoriaModifica

Le vicende di Caglio seguono quelle del resto dalla Valassina. All'inizio del XV secolo i Visconti di Milano assegnarono il feudo ai Dal Verme. Nel XVI secolo il territorio fu conquistato dai francesi, poi tornò a Milano, sotto gli Sforza. Il feudo valassinese passò agli Sfondrati, prima di entrare sotto il dominio austriaco.

Nel 1885 vi soggiornò il pittore Giovanni Segantini, che vi dipinse uno dei suoi quadri più importanti: Alla stanga.

 
Segantini: Alla stanga (1885)

Il paese è tornato ad essere comune autonomo solo dal 1947. Fino dal 1928 aveva infatti fatto parte, insieme a Rezzago e Sormano, del comune di Santa Valeria.[4]

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[5]

 


AmministrazioneModifica

CuriositàModifica

Il Santuario della Madonna di Campo era originariamente una piccola cappella situata al Campo di Pomé, nel XV secolo. Crebbe d'importanza dopo la visita di S. Carlo.

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2017.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 112.
  3. ^ ortografia classica
  4. ^ Archivi beni culturali
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.