Apri il menu principale
9º Torneo olimpico di calcio
Berlino 1936
Italy1936 olympic.jpg
Informazioni generali
SportFootball pictogram.svg Calcio
EdizioneGiochi della XI Olimpiade
Paese ospitanteGermania Germania
CittàBerlino
Periododal 3 agosto 1936
al 15 agosto 1936
Nazionali 16
Incontri disputati16
Gol segnati78 (4,88 per partita)
Classifica finale
Medaglia d'oro VincitoreItalia Italia
Medaglia d'argento SecondoAustria Austria
Medaglia di bronzo TerzoNorvegia Norvegia
Cronologia della competizione
Amsterdam 1928 Londra 1948

1leftarrow blue.svgVoce principale: Giochi della XI Olimpiade.

Il torneo di calcio della XI Olimpiade fu il nono torneo olimpico. Si svolse dal 3 al 15 agosto 1936 a Berlino e vide la vittoria per la prima volta dell'Italia.

Il torneo venne funestato dalle polemiche successive all'annullamento dell'incontro fra Perù ed Austria, valida per i quarti di finale. Gli austriaci accusarono la panchina peruviana di aver invaso il campo e i tifosi sudamericani di averli malmenati. La FIFA dispose l'annullamento della partita e la sua ripetizione il 10 agosto a porte chiuse. Pare che il giorno dopo la decisione di ripetere la gara, la delegazione peruviana fu invitata nella sede del Comitato Olimpico per una difesa, ma non si presentò, c'è chi dice per protesta, chi perché arrivò in ritardo, fatto sta che il Perù terminò la sua Olimpiade.[1]

Indice

SquadreModifica

FormulaModifica

Il regolamento prevedeva un torneo ad eliminazione diretta, composto da quattro turni: ottavi di finale, quarti di finale, semifinali e finali, quella per il 1º posto e quella per il 3º posto e l'assegnazione delle medaglie di bronzo.

RisultatiModifica

Ottavi di finale Quarti di finale Semifinali Finale
                           
4 agosto 1936            
   Germania  9
7 agosto 1936
   Lussemburgo  0  
   Germania  0
3 agosto 1936
     Norvegia  2  
   Turchia  0
10 agosto 1936
   Norvegia  4  
   Norvegia  1
3 agosto 1936
     Italia  2  
   Italia  1
7 agosto 1936
   Stati Uniti  0  
   Italia  8
4 agosto 1936
     Giappone  0  
   Giappone  3
15 agosto 1936
   Svezia  2  
   Italia  2
5 agosto 1936
     Austria  1
   Polonia  3
8 agosto 1936
   Ungheria  0  
   Polonia  5
6 agosto 1936
     Regno Unito  4  
   Regno Unito  2
11 agosto 1936
   Repubblica di Cina  0  
   Polonia  1
6 agosto 1936
     Austria  3   Finale 3° posto
   Perù  7
8 agosto 1936 13 agosto 1936
   Finlandia  3  
   Perù  4    Norvegia  3
5 agosto 1936
     Austria[2]  2      Polonia  2
   Austria  3
   Egitto  1  

Ottavi di finaleModifica

Berlino
3 agosto 1936
Turchia  0 – 4
referto
  NorvegiaMommsen Stadium
Arbitro:   Scarpi

Berlino
3 agosto 1936
Italia  1 – 0
referto
  Stati UnitiPoststadion
Arbitro:   Weingartner

Berlino
4 agosto 1936
Germania  9 – 0
referto
  LussemburgoPoststadion
Arbitro:   von Hertzka

Berlino
4 agosto 1936
Giappone  3 – 2
referto
  SveziaHertha Platz
Arbitro:   Peters

Berlino
5 agosto 1936
Polonia  3 – 0
referto
  UngheriaPoststadion
Arbitro:   Scorzoni

Berlino
5 agosto 1936
Austria  3 – 1
referto
  EgittoMommsen Stadium
Arbitro:   Jewell

Berlino
6 agosto 1936
Regno Unito  2 – 0
referto
  Repubblica di CinaMommsen Stadium
Arbitro:   Fink

Berlino
6 agosto 1936
Perù  7 – 3
referto
  FinlandiaHertha Platz
Arbitro:   Barlassina

Quarti di finaleModifica

Berlino
7 agosto 1936
Germania  0 – 2
referto
  NorvegiaPoststadion
Arbitro:   Barton

Berlino
7 agosto 1936
Italia  8 – 0
referto
  GiapponeMommsen Stadium
Arbitro:   Ohlsson

Berlino
8 agosto 1936
Polonia  5 – 4
referto
  Regno UnitoPoststadion
Arbitro:   Eklow

Berlino
8 agosto 1936
Perù  4 – 2[3]
(d.t.s.)
referto
  AustriaHertha Platz
Arbitro:   Kristiansen

Berlino
10 agosto 1936
Perù   – [4]  Austria

SemifinaliModifica

Berlino
10 agosto 1936
Norvegia  1 – 2
(d.t.s.)
referto
  ItaliaStadio Olimpico
Arbitro:   von Hertzka

Berlino
11 agosto 1936
Polonia  1 – 3
referto
  AustriaStadio Olimpico
Arbitro:   Barton

Finale per il 3º postoModifica

Berlino
13 agosto 1936
Norvegia  3 – 2
referto
  PoloniaStadio Olimpico
Arbitro:   Birlem

Finale per il 1º postoModifica

Berlino
15 agosto 1936
Italia  2 – 1
(d.t.s.)
referto
  AustriaStadio Olimpico
Arbitro:   Bauwens

PodioModifica

 
2º posto

 
Austria
 
Campione olimpico di calcio maschile

 
Italia
1º titolo
 
3º posto

 
Norvegia
Pos Squadra Formazione
   
Italia
Giuseppe Baldo, Sergio Bertoni, Carlo Biagi, Giulio Cappelli, Alfredo Foni, Annibale Frossi, Francesco Gabriotti, Mario Giani, Carlo Girometta, Adolfo Giuntoli, Ugo Locatelli, Libero Marchini, Alfonso Negro, Mario Nicolini, Lamberto Petri, Achille Piccini, Sandro Puppo, Pietro Rava, Luigi Scarabello, Corrado Tamietti, Paolo Vannucci, Bruno Venturini.
All.   Vittorio Pozzo.
   
Austria
Ernst Bacher, Franz Fuchsberger, Max Hofmeister, Eduard Kainberger, Karl Kainberger, Martin Kargl, Anton Kleindienst, Josef Kitzmüller, Anton Krenn, Josef Ksander, Ernst Künz, Adolf Laudon, Josef Logofsky, Franz Mandl, Alois Romschak, Leo Schaffelhofer, Karl Schreiber, Klement Steinmetz, Karl Wahlmüller, Walter Werginz.
All.   Jimmy Hogan  Hugo Meisl.
   
Norvegia
Arne Brustad, Nils Eriksen, Odd Frantzen, Håkon Gundersen, Sverre Hansen, Kristian Henriksen, Rolf Holmberg, Øivind Holmsen, Fredrik Horn, Arne Ileby, Magnar Isaksen, Rolf Johannessen, Henry Johansen, Jørgen Juve, Kjeld Kjos, Reidar Kvammen, Sverre Kvammen, Alf Martinsen, Magdalon Monsen, Birger Pedersen, Peter Svennungsen, Frithjof Ulleberg.
All.   Asbjørn Halvorsen.

Classifica marcatoriModifica

7 reti

6 reti

5 reti

4 reti

3 reti

2 reti

1 rete

NoteModifica

  1. ^ Il caso di Perù-Austria 1936, in Rovesciata volante, 31 gennaio 2012.
  2. ^ Incontro annullato su decisione della FIFA. La motivazione ufficiale dell'annullamento della partita (valida per i quarti) dice che fu a causa delle frequenti invasioni di campo della panchina e dei sostenitori sudamericani, alcuni dei quali colpirono ripetutamente i giocatori austriaci. Altre fonti sostengono che le invasioni erano pacifiche. La ripetizione fu annullata in seguito al ritiro del Perù, decretando il passaggio del turno da parte dell'Austria.
  3. ^ Incontro annullato su decisione della FIFA. La motivazione ufficiale dell'annullamento della partita (valida per i quarti) dice che fu a causa delle frequenti invasioni di campo della panchina e dei sostenitori sudamericani, alcuni dei quali colpirono ripetutamente i giocatori austriaci. Altre fonti sostengono che le invasioni erano pacifiche.
  4. ^ Incontro annullato in seguito al ritiro del Perù.

Collegamenti esterniModifica