Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il personaggio mitolgico, vedi Calidone (mitologia).

Coordinate: 38°22′41″N 21°31′58″E / 38.378056°N 21.532778°E38.378056; 21.532778

I resti del tempio della città di Calidone.

Calidòne (in greco Καλυδών) era un'antica città dell'Etolia posta all'imbocco del golfo di Corinto.

Il suo nome deriva da Calidone che era il nome di uno dei figli di Etolo e di Pronoe e che ebbe un fratello di nome Pleurone.

Il mitoModifica

Sorgeva su due colli, di cui quello orientale costituiva l'acropoli.

A lungo indipendente, aderì alla lega etolica nel IV secolo a.C.

Fu la patria di Diomede, eroe omerico e uno dei nove grandi capi dell'esercito acheo durante la guerra di Troia e luogo delle vicende per cui si svolse la disputa tra Oineo ed il fratello Agrio e dei figli di quest'ultimo[1].

La città era nota per un tempio dedicato ad Artemide, venerata con l'epiteto di Lafria, contenente una pregevole statua crisoelefantina realizzata dallo scultore Menecmo.[2][3]

NoteModifica

  1. ^ Igino, 172.175.
  2. ^ Menecmo, in le muse, VII, Novara, De Agostini, 1966, p. 395.
  3. ^ Calidone, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 31 gennaio 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN315168305 · WorldCat Identities (EN315168305