Apri il menu principale

Seconda Camera degli Stati generali

Tweede Kamer
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
TipoCamera bassa
Istituito1815
Tweede Kamer 2017.svg
Gruppi politiciGoverno (76)

Opposizione (74)

SedeBinnenhof
Sito web
Coat of arms of the Tweede Kamer.svg

La Seconda Camera degli Stati generali detta anche comunemente Tweede Kamer (in nederlandese "Seconda Camera") è la camera bassa dei Paesi Bassi. Si trova nel Binnenhof di L'Aia e conta 150 deputati. Il presidente della camera, dal 13 gennaio 2016, è Khadija Arib.

FunzioniModifica

La Camera dei Rappresentanti è la camera principale degli Stati Generali, dove si svolge la discussione sulla legislazione proposta e la revisione delle azioni del gabinetto . Sia il Gabinetto che la Camera dei rappresentanti hanno il diritto di proporre una legislazione; la Camera dei rappresentanti la discute e, se adottata a maggioranza, la invia al Senato. La revisione delle azioni del gabinetto assume la forma di interrogatori formali, che possono portare a mozioni che sollecitano il governo a prendere o astenersi da determinate azioni. Nessun individuo può essere membro del parlamento e del gabinetto, tranne che in un gabinetto di guardie che non è ancora stato adottato quando una nuova Camera ha giurato.

La Camera dei Rappresentanti è anche responsabile per il primo turno di selezione dei giudici presso la Corte Suprema dei Paesi Bassi . Sottopone al governo un elenco di tre nomi per ogni posizione vacante. Inoltre, elegge l'Ombudsman olandese e le sue organizzazioni sussidiarie.

ComposizioneModifica

Fino al 1956 era composta da 100 seggi, poi è stata estesa fino agli attuali 150.

Le elezioni legislative nei Paesi Bassi del 2017 si sono svolte mercoledì 15 marzo 2017, dopo che il Governo Rutte II aveva completato il suo mandato di quattro anni. I nuovi membri della Camera dei rappresentanti si sono insediati il 23 marzo 2017. Quattro partiti hanno dovuto formare una coalizione a maggioranza semplice (76 seggi). Dopo un'iniziale trattativa durata tre mesi con Sinistra Verde, il VVD di Mark Rutte, il CDA e D66 hanno formato una coalizione di governo con la maggioranza richiesta di un solo seggio con la CU. In totale il Governo è rimasto dimissionario per 209 giorni, superando il precedente record di 208 giorni del Governo Den Uyl dopo le elezioni generali del 1977.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN264703904 · ISNI (EN0000 0004 0395 4766 · WorldCat Identities (EN264703904