Apri il menu principale
Camillo Giardina
CamilloGiardina.jpg

Ministro per la riforma della pubblica amministrazione
Durata mandato 1º luglio 1958 –
26 gennaio 1959
Presidente Fanfani II
Predecessore Mario Zotta
Successore Giorgio Bo

Ministro della salute della Repubblica Italiana
Durata mandato 15 febbraio 1959 –
21 febbraio 1962
Presidente Tambroni
Predecessore Vincenzo Monaldi
Successore Angelo Raffaele Jervolino

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature I, II, III, IV, V
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico DC
Professione Professore ordinario

Camillo Giardina (Pavia, 29 marzo 190726 febbraio 1985) è stato un politico, accademico e saggista italiano e Ministro per la riforma della pubblica amministrazione dal 1958 al 1959 e Ministro della sanità dal 1959 al 1962.

BiografiaModifica

Carriera accademicaModifica

Figlio di un medico e accademico dell'Università di Pavia, Andrea Giardina, originario della Sicilia, attivo nel movimento cattolico e iscritto al Partito Popolare. La famiglia si trasferì a Palermo e nell'ateneo cittadino Camillo Giardina conseguì, nel 1929, la laurea in giurisprudenza.

Nel 1931 conseguì la libera docenza in storia del diritto; prima all'Università di Urbino, fino al 1933, e poi in quella di Messina, dove rimase fino al 1937, anno in cui divenne professore ordinario.Nel 1940 venne chiamato alla cattedra di storia del diritto italiano a Palermo, dove rimase fino al termine della carriera accademica.

Carriera politicaModifica

Nel 1942 aderì al movimento in clandestinità della Democrazia Cristiana, partito di cui divenne esponente di primo ruolo. Segretario provinciale dal 1946 al 1948, venne eletto senatore nella I legislatura e rieletto consecutivamente fino al 1963. Ebbe il primo ruolo di governo nel Governo Zoli nel 1957, e coinvolto successivamente nei governi seguenti.

BibliografiaModifica

  • L'istituto del viceré di Sicilia (1415-1798) (1930)
  • La vita e l'opera politica di Scipione di Castro (1931)
  • L'editto di Rotari e la codificazione di Giustiniano (1937)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica