Apri il menu principale
Cammino di San Francesco di Paola
Il simbolo del Cammino di San Francesco di Paola.jpg
Pellegrini sul Cammino di San Francesco di Paola.jpg
Pellegrini lungo il Cammino di San Francesco di Paola
Tipo percorsosentiero a lunga percorrenza
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCalabria Calabria
ProvinciaCosenza Cosenza
Percorso
InizioSan Marco Argentano
FinePaterno Calabro
Lunghezza112 km
Altitudine max.1389 m slm
Data apertura2017
Dettagli
Tempo totale6 giorni
http://www.ilcamminodisanfrancesco.it/

Il Cammino di San Francesco di Paola è un percorso di interesse religioso e naturalistico, di 112 km e 6 tappe, che ricalca i passi del santo calabrese Francesco da Paola, attraversando i luoghi che fecero da cornice alla sua vita, in Calabria: i monasteri da lui costruiti, la natura e i borghi circostanti.

Indice

StoriaModifica

San Francesco da Paola (27 marzo 1416 - 2 aprile 1507), patrono della Calabria e della gente di mare.

Francesco Martolilla, conosciuto come San Francesco da Paola, fu eremita e fondatore dell’Ordine dei Minimi. Passò gran parte della sua vita in Calabria e gli ultimi anni a Plessis-lez-Tours, in Francia.

Fin da giovane viaggiò molto a piedi, per ragioni diverse: pellegrinaggi, spostamenti funzionali a raggiungere i luoghi dove fondava conventi o trasferimenti, come quello che lo portò a lasciare la Calabria per raggiungere la Francia.[1]

Grazie a ricerche storiche ed a valutazioni cartografiche, nel 2017, anno di inaugurazione del Cammino, è stato possibile ricostruire i probabili itinerari percorsi sei secoli fa dall’eremita calabrese.

PercorsoModifica

L’intero Cammino è percorribile in 6 giorni, da San Marco Argentano al Santuario di Paterno Calabro.

Ad ogni fine tappa il pellegrino può trovare ospitalità di diverso genere, in B&B, in chiese e parrocchie, in case private o in rifugi di montagna.

Si parte dal paese di San Marco Argentano, dalla chiesa in cui un giovane Francesco si ritirò per un anno all’età di 13 anni. Attraversando coltivi terrazzati, frutteti, e castagneti, con panorami sulla valle del Fiume Crati, si arriva nel piccolo borgo arbëreshë di Cerzeto. Da qui si sale per dolci rilievi macchiati da grandi e rigogliose faggete, con alberi monumentali; primo fra tutti il maestoso faggio di San Francesco sotto il quale, si racconta, l’eremita amava riposare. Sei sono i metri di circonferenza di quest'albero e oltre 600 anni di età.[2]

Si passa per il Laghicello, uno specchio d’acqua naturale contornato da faggi, e poi giù, sul versante occidentale della Catena Costiera con vedute incantevoli verso il Mar Tirreno, fino al Santuario di Paola, cuore geografico e simbolico del Cammino.

 
Il Santuario di Paola

Da Paola si risale ripidamente per l’ultima parte dell’itinerario, caratterizzata dai pittoreschi borghi delle Serre Cosentine: San Fili, Cerisano, Mendicino, Carolei, Dipignano. Il Cammino termina al Santuario di Paterno Calabro, uno dei pochi eretti da San Francesco in persona.

 
All'arrivo nel borgo di San Fili, una statua di San Francesco accoglie i viandanti a braccia aperte

Nel 2017, per il suo patrimonio fatto di paesaggio, spiritualità, arte e buon cibo, il Cammino di San Francesco di Paola è stato inserito dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo (MiBACT), nell'Atlante dei Cammini d'Italia.[3]

 
L'itinerario è segnalato con pietre miliari segnaletiche, elegantemente decorate con il “Sole”, simbolo del Cammino, una freccia gialla indicante la direzione da percorrere, i km mancanti e una scena della vita di San Francesco, diversa per ogni pietra

ItinerariModifica

Data la posizione centrale del Santuario di Paola lungo il Cammino, l’itinerario può essere percorso anche solo per metà, partendo da uno dei due capi (San Marco Argentano o Paterno Calabro) e arrivando comunque al Santuario di Paola.

Due infatti sono gli itinerari per chi non vuole fare per intero il Cammino:

La via del GiovaneModifica

Da San Marco Argentano a Paola

L’itinerario collega i due luoghi più importanti della giovinezza di Francesco: San Marco Argentano, dove si ritirò per un anno tra i Minori di S. Francesco d'Assisi, e Paola.

La via dell'EremitaModifica

Da Paterno Calabro a Paola

L'itinerario unisce i luoghi in cui Francesco si ritirò prima come eremita e dove poi, insieme ai suoi seguaci, costruì i primi suoi due conventi.

TappeModifica

Non si tratta di un lungo percorso come quello del Cammino di Santiago o come la Via Francigena, ma di un cammino breve, di 112 km diviso in due tronconi: “La via del Giovane” (le prime tre tappe); “La Via dell’Eremita” (le ultime tre tappe).

Tappe Lunghezza (km) Dislivello salita (m) Dislivello discesa (m)
1. Da San Marco Argentano a Cerzeto 11,8 600 600
2. Da Cerzeto a Bosco di Cinquemiglia 17,5 1.100 500
3. Da Bosco Cinquemiglia al Santuario di Paola 19,8 750 1.500
4. Dal Santuario di Paola a San Fili 21,8 1.300 1.000
5. Da San Fili a Cerisano 18,9 900 850
6. Da Cerisano al Santuario di Paterno Calabro 22,0 850 770
 
Il Sole, logo del Cammino, presente sui cartelli stradali e sulle pietre miliari poste lungo il percorso

NoteModifica

  1. ^ (EN) Il Cammino di San Francesco di Paola, su www.ilcamminodisanfrancesco.it. URL consultato il 12 febbraio 2019.
  2. ^ Cammino S.Francesco Paola, fede e natura - ViaggiArt, su ANSA.it, 28 marzo 2018. URL consultato il 12 febbraio 2019.
  3. ^ Cammini d'Italia, la Calabria sul podio del Sud con due itinerari, su dire.it, 6 novembre 2017. URL consultato il 12 febbraio 2019.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica