Apri il menu principale

Campionati del mondo di ciclismo su strada 1973

edizione del campionato mondiale di ciclismo su strada
XLVI campionati del mondo di ciclismo su strada 1973
Competizione Campionati del mondo di ciclismo su strada
Sport Cycling (road) pictogram.svg Ciclismo su strada
Edizione 46ª
Organizzatore UCI
Date 2 settembre 1973
Luogo Spagna Barcellona
Statistiche
Miglior nazione Polonia Polonia (2/1/0)
Gare 4
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1972 1974 Right arrow.svg

I Campionati del mondo di ciclismo su strada 1973 si disputarono a Barcellona, sul Montjuïc, in Spagna il 2 settembre 1973.

Furono assegnati quattro titoli:

  • Prova in linea Donne, gara di 55 km
  • Prova in linea Uomini Dilettanti, gara di 162 km
  • Cronometro a squadre Uomini Dilettanti, gara di 100 km
  • Prova in linea Uomini Professionisti, gara di 248,6 km

StoriaModifica

Sul circuito del Montjuïc fu di nuovo protagonista il belga Eddy Merckx. Nonostante un sasso l'avesse ferito al ginocchio nelle prime battute di gara, riuscì a recuperare e all'undicesimo dei diciassette giri da compiere attaccò, staccando un gruppetto formato da Gimondi, Perurena, Battaglin, Ocaña, Zoetemelk e Freddy Maertens. Sul traguardo rimasero in quattro a giocarsi la vittoria: l'attacco prematuro di Maertens favorì Gimondi, che lo superò e non trovò difficoltà nel tagliare per primo il traguardo.[1]

Le prove dilettanti furono dominate dalla Polonia, vincitrice dell'oro nella cronometro a squadre e di oro e argento nella prova in linea con Ryszard Szurkowski e Stanislav Szozda. Doppietta olandese invece nella prova in linea, con Nicole Vandenbroeck medaglia d'oro e Keetie van Oosten-Hage d'argento.

MedagliereModifica

Pos. Nazione        
1   Polonia 2 1 0 3
2   Paesi Bassi 1 1 0 2
3   Italia 1 0 0 1
4   Unione Sovietica 0 1 1 2
5   Belgio 0 1 0 1
6   Svezia 0 0 1 1
  Spagna 0 0 1 1
  Francia 0 0 1 1
Totale 4 4 4 12

Sommario degli eventiModifica

NoteModifica

  1. ^ Mario Spairani, 100 Anni di Ciclismo: speciale mondiali 1971 - 1982, in spaziociclismo.it, 1º ottobre 2010. URL consultato il 6-10-2010.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo