Campionati mondiali di slittino 2012

Campionati mondiali di slittino 2012
Competizione Campionati mondiali di slittino
Sport Luge pictogram.svg Slittino
Edizione XLIII
Organizzatore FIL
Date 10 - 12 febbraio 2012
Luogo Germania Altenberg
Impianto/i Rennschlitten- und Bobbahn Altenberg
Sito web http://www.rodelwm2012.de/
Vincitori
Singolo u. Germania Felix Loch
Singolo d. Germania Tatjana Hüfner
Doppio Austria A. Linger / W. Linger
Squadre Germania Germania
Medagliere
Nazione Medaglie d'oro vinte Medaglie d'argento vinte Medaglie di bronzo vinte Tot.
Germania Germania 3 1 1 5
Austria Austria 1 0 1 2
Russia Russia 0 3 0 3
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Cesana Torinese 2011 Whistler 2013 Right arrow.svg

I Campionati mondiali di slittino 2012, quarantatreesima edizione della manifestazione organizzata dalla Federazione Internazionale Slittino, si tennero dal 10 al 12 febbraio 2012 ad Altenberg, in Germania, sulla Rennschlitten- und Bobbahn Altenberg, la stessa sulla quale si svolsero le competizioni iridate nel 1996; furono disputate gare in quattro differenti specialità: nel singolo uomini, nel singolo donne, nel doppio e nella prova a squadre.

Vincitrice del medagliere fu la nazionale tedesca, capace di conquistare tre titoli e cinque medaglie sulle dodici assegnate in totale: quelle d'oro furono vinte da Felix Loch nel singolo uomini, al suo terzo trionfo dopo quelli ottenuti ad Oberhof 2008 ed a Lake Placid 2009, da Tatjana Hüfner nell'individuale femminile, giunta al suo quarto titolo iridato dopo quelli colti ad Igls 2007, ad Oberhof 2008 ed a Cesana Torinese 2011, e dalla squadra composta dagli stessi Loch e Hüfner insieme a Toni Eggert e Sascha Benecken nella prova a squadre. La gara del doppio vide la vittoria della coppia austriaca formata dai fratelli Andreas e Wolfgang Linger.

Oltre ai tedeschi Felix Loch e Tatjana Hüfner, che vinsero due medaglie d'oro, gli altri atleti che riuscirono a salire per due volte sul podio in questa rassegna iridata furono i connazionali Toni Eggert e Sascha Benecken ed i russi Al'bert Demčenko e Tat'jana Ivanova.

Come nell'edizione precedente, anche in questa vennero assegnati i titoli mondiali under 23 premiando gli atleti meglio piazzati nelle tre gare iridate del singolo uomini, del singolo donne e del doppio che non avevano ancora compiuto il ventitreesimo anno di età[1][2].

RisultatiModifica

Singolo uominiModifica

La gara fu disputata l'11 febbraio nell'arco di due manches e presero parte alla competizione 37 atleti in rappresentanza di 20 differenti nazioni; campione uscente era l'italiano Armin Zöggeler, che concluse la prova al terzo posto, ed il titolo fu conquistato dal tedesco Felix Loch, già campione mondiale ad Oberhof 2008 ed a Lake Placid 2009 nonché campione olimpico a Vancouver 2010, davanti al russo Al'bert Demčenko, vincitore della medaglia d'argento ai Giochi di Torino 2006[3][4][5].

La speciale classifica riservata agli under 23 vide primeggiare il tedesco Felix Loch sul russo Evgenij Voskresenskij e l'italiano Dominik Fischnaller[6].

Pos. Atleti Nazione Tempo Distacco
  Felix Loch [7]   Germania 1'47"332
  Al'bert Demčenko   Russia 1'47"660 +0"328
  Armin Zöggeler   Italia 1'47"746 +0"414
4 Johannes Ludwig   Germania 1'47"883 +0"551
5 Andi Langenhan   Germania 1'47"904 +0"572
6 David Möller   Germania 1'48"149 +0"817
7 Samuel Edney   Canada 1'48"622 +1"290
8 David Mair   Italia 1'48"662 +1"330
9 Evgenij Voskresenskij [7]   Russia 1'48"731 +1"399
10 Manuel Pfister   Austria 1'48"735 +1"403

Singolo donneModifica

La gara fu disputata il 12 febbraio nell'arco di due manches e presero parte alla competizione 25 atlete in rappresentanza di 15 differenti nazioni; campionessa uscente era la tedesca Tatjana Hüfner, che riuscì a bissare il titolo ottenuto nella precedente edizione, davanti alla russa Tat'jana Ivanova ed all'altra tedesca Natalie Geisenberger, al suo quarto podio iridato consecutivo. Grazie a questo risultato la Hüfner raggiunse Margit Schumann e Sylke Otto in vetta alla classifica delle plurivincitrici nella specialità[8][9][10].

La speciale classifica riservata agli under 23 vide primeggiare la russa Tat'jana Ivanova sulla canadese Dayna Clay e l'italiana Sandra Gasparini[11].

Pos. Atleti Nazione Tempo Distacco
  Tatjana Hüfner   Germania 1'44"381
  Tat'jana Ivanova [7]   Russia 1'44"482 +0"101
  Natalie Geisenberger   Germania 1'44"784 +0"403
4 Alex Gough   Canada 1'44"818 +0"437
5 Corinna Martini   Germania 1'44"955 +0"574
6 Anke Wischnewski   Germania 1'45"009 +0"628
7 Dayna Clay [7]   Canada 1'45"372 +0"991
8 Nina Reithmayer   Austria 1'45"479 +1"098
9 Sandra Gasparini [7]   Italia 1'45"517 +1"136
10 Arianne Jones [7]   Canada 1'45"521 +1"140

DoppioModifica

La gara fu disputata tra il 10 febbraio nell'arco di due manches e presero parte alla competizione 54 atleti in rappresentanza di 14 differenti nazioni; campioni uscenti erano i fratelli austriaci Andreas e Wolfgang Linger, che riuscirono a bissare il titolo ottenuto nella precedente edizione, davanti ai tedeschi Toni Eggert e Sascha Benecken ed agli altri austriaci Peter Penz e Georg Fischler[12][4][13].

La speciale classifica riservata agli under 23 vide primeggiare i russi Aleksandr Denis'ev e Vladislav Antonov sui canadesi Tristan Walker e Justin Snith e gli italiani Ludwig Rieder e Patrick Rastner[14].

Pos. Atleti Nazione Tempo Distacco
  Andreas Linger
Wolfgang Linger
  Austria 1'23"444
  Toni Eggert
Sascha Benecken
  Germania 1'23"664 +0"220
  Peter Penz
Georg Fischler
  Austria 1'23"676 +0"232
4 Tobias Wendl
Tobias Arlt
  Germania 1'23"683 +0"239
5 Vladislav Južakov
Vladimir Machnutin
  Russia 1'23"773 +0"329
6 Christian Oberstolz
Patrick Gruber
  Italia 1'23"921 +0"477
7 Ivan Nevmeržickij
Vladimir Prochorov
  Russia 1'24"118 +0"674
8 Hans Peter Fischnaller
Patrick Schwienbacher
  Italia 1'24"234 +0"790
9 Andris Šics
Juris Šics
  Lettonia 1'24"260 +0"816
10 Oskars Gudramovičs
Pēteris Kalniņš
  Lettonia 1'24"340 +0"896

Gara a squadreModifica

La gara fu disputata il 12 febbraio ed ogni squadra nazionale poté prendere parte alla competizione con una sola formazione; nello specifico la prova vide la partenza di una "staffetta" composta da un singolarista uomo ed uno donna, nonché da un doppio per ognuna delle 13 formazioni in gara, che scesero lungo il tracciato consecutivamente senza interruzione dei tempi tra un atleta e l'altro; il tempo totale così ottenuto laureò campione la nazionale tedesca di Felix Loch, Tatjana Hüfner, Toni Eggert e Sascha Benecken davanti alla squadra russa formata da Al'bert Demčenko, Tat'jana Ivanova, Vladislav Južakov e Vladimir Machnutin ed a quella canadese composta da Samuel Edney, Alex Gough, Tristan Walker e Justin Snith[15][16][17].

Pos. Squadra Atleti Tempo Distacco
    Germania Felix Loch
Tatjana Hüfner
Toni Eggert / Sascha Benecken
2'22"003
    Russia Al'bert Demčenko
Tat'jana Ivanova
Vladislav Južakov / Vladimir Machnutin
2'22"092 +0"089
    Canada Samuel Edney
Alex Gough
Tristan Walker / Justin Snith
2'22"404 +0"401
4   Austria Manuel Pfister
Nina Reithmayer
Andreas Linger / Wolfgang Linger
2'22"736 +0"733
5   Italia Armin Zöggeler
Sandra Gasparini
Christian Oberstolz / Patrick Gruber
2'22"746 +0"743
6   Stati Uniti Christopher Mazdzer
Erin Hamlin
Christian Niccum / Jayson Terdiman
2'23"168 +1"165
7   Lettonia Inārs Kivlenieks
Maija Tīruma
Andris Šics / Juris Šics
2'23"293 +1"290
8   Svizzera Gregory Carigiet
Martina Kocher
Luca Hunziker / Christian Maag
2'24"709 +2"706
9   Slovacchia Jozef Ninis
Viera Gbúrová
Marek Solčanský / Karol Stuchlák
2'24"773 +2"770
10   Romania Valentin Creţu
Raluca Stramaturaru
Paul Ifrim / Andrei Anghel
2'25"074 +3"071

MedagliereModifica

Posizione Nazione Oro Argento Bronzo Totale
1   Germania 3 1 1 5
2   Austria 1 0 1 2
3   Russia 0 3 0 3
4   Canada 0 0 1 1
  Italia 0 0 1 1
Totale 4 4 4 12

NoteModifica

  1. ^ (EN) In Altenberg again “U23 World Championships”, su fil-luge.org, FIL, 7 febbraio 2012. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 19 febbraio 2014).
  2. ^ (EN) “Under 23“ World Championships in Altenberg, su fil-luge.org, FIL, 15 febbraio 2012. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 19 febbraio 2014).
  3. ^ (EN) Official Result Men (PDF), su fil-luge.org, FIL. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 9 febbraio 2015).
  4. ^ a b (EN) Luge - 2012 World Championships - Results Men, su the-sports.org, Info Média Conseil Inc. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 10 dicembre 2014).
  5. ^ (EN) Felix Loch takes his third gold medal, su fil-luge.org, FIL, 11 febbraio 2012. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 19 febbraio 2014).
  6. ^ (EN) Official Result Men Under 23 (PDF), su fil-luge.org, FIL. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 9 febbraio 2015).
  7. ^ a b c d e f in lizza anche nella classifica riservata agli under 23.
  8. ^ (EN) Official Result Women (PDF), su fil-luge.org, FIL. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 9 febbraio 2015).
  9. ^ (EN) Luge - 2012 World Championships - Results Women, su the-sports.org, Info Média Conseil Inc. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 14 dicembre 2014).
  10. ^ (EN) Tatjana Huefner’s show of strength to take fourth World Championship title, su fil-luge.org, FIL, 12 febbraio 2012. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 19 febbraio 2014).
  11. ^ (EN) Official Result Women Under 23 (PDF), su fil-luge.org, FIL. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 9 febbraio 2015).
  12. ^ (EN) Official Result Double (PDF), su fil-luge.org, FIL. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 9 febbraio 2015).
  13. ^ (EN) Linger-Linger successfully defend their World Championship title in Altenberg, su fil-luge.org, FIL, 10 febbraio 2012. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 19 febbraio 2014).
  14. ^ (EN) Official Result Double Under 23 (PDF), su fil-luge.org, FIL. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 9 febbraio 2015).
  15. ^ (EN) Official Team Result (PDF), su fil-luge.org, FIL. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 9 febbraio 2015).
  16. ^ (EN) Luge - 2012 World Championships - Results Mixed, su the-sports.org, Info Média Conseil Inc. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 10 dicembre 2014).
  17. ^ (EN) Golden end for Germany, su fil-luge.org, FIL, 12 febbraio 2012. URL consultato il 9 febbraio 2015 (archiviato il 19 febbraio 2014).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sport invernali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport invernali