Apri il menu principale
Campionato europeo turismo
CategoriaVetture turismo
NazioneEuropa Europa
Prima edizione1963
Ultima edizione2005
Pilota campione
(2017)
Rep. Ceca Petr Fulín
Sito web ufficialewww.fiaetcc.com

Il campionato europeo turismo, spesso abbreviato in ETCC (dapprima European Touring Car Challenge, poi European Touring Car Championship[1]), è stato un campionato automobilistico di vetture derivate dalla serie organizzato dalla FIA. Ha avuto due incarnazioni, la prima tra il 1963 e il 1988, la seconda tra il 2000 e il 2004. Nel 2005 è stato sostituito dal Campionato del mondo turismo o in inglese World Touring Car Championship e a partire dallo stesso anno il titolo europeo (ora denominato European Touring Car Cup) è stato assegnato in gara unica da disputarsi a fine stagione agonistica[2], salvo poi espandere nuovamente la competizione su più prove.

StoriaModifica

1963-1988Modifica

 
A sinistra un'Alfa Romeo 2000 GTV del e a destra Alfa Romeo GTV del 1977 utilizzate nel campionato turismo

L'ETCC, come è conosciuto, è iniziato nel 1963 da Willy Stenger, che ha creato la serie con il consenso della FIA, permettendo la partecipazione ad una grande varietà di vetture nelle varie classi, dalle piccole Fiat 600 e Mini alle grandi Jaguar Mark II, Mercedes-Benz 300SE e Chevrolet Camaro.

 
BMW 3.0 CSL, una delle vettura più vittoriose del campionato turismo

Nel 1963 con corse o eventi su tracciati come Nürburgring, Mont Ventoux, Brands Hatch, Mallory Park, Zolder, Zandvoort, Passo del Rombo e persino in un parco a Budapest, il titolo fu vinto dal tedesco Peter Nöcker e la sua Jaguar.

Nel 1966, la FIA introdusse nuove regole per le vetture da turismo, il Gruppo 1 (per le auto da turismo standard o di serie non modificate) e il Gruppo 2 (per quelle modificate).

Nel 1968 le regole divennero più liberali e fu creato il Gruppo 5. Questa situazione durò per due anni, quando il Gruppo 2 e il Gruppo 4 furono riunite nella classe principale. Partecipavano vetture come BMW 2002 e 3.0 CS, Alfa Romeo GTA e Ford Escort e anche Porsche 911.

Il gruppo 5 durò sino al 1973, ma con la crisi energetica del 1973, le successive due stagioni hanno avuto poche auto debuttanti. Solo dal 1977 la situazione si è normalizzata con il ritorno delle principali case automobilistiche. Le regole modificate, ora concedevano solo al Gruppo 2 e al Gruppo 1B (o auto con omologazione nazionale) di competere assieme, con BMW 3.0 Coupé CSL e Capri RS che rimasero le più competitive, come nel comparabile campionato Deutsche Rennsport Meisterschaft.

 
Audi Coupe Quattro GT Gruppo 2 del 1981

Nel 1982, la FIA sostituisce il Gruppo 1 e il Gruppo 2 con le nuove denominazioni Gruppo N e Gruppo A. All'inizio il primo gruppo era snobbato dalle case automobilistiche, che prestavano più attenzione al secondo gruppo, quello dove il livello di elaborazione delle vetture era più elevato. BMW e Alfa Romeo prepararono regolarmente vetture per il campionato e l'Alfa Romeo riuscì ad ottenere il titolo costruttori assoluto per quattro anni consecutivi, dal 1982 al 1985, grazie all'Alfetta GT nella versione V6, ma fu il grande pilota e tecnico Tom Walkinshaw della Tom Walkinshaw Racing con Jaguar XJS e Rover 3500 Vitesse che sarebbe stato il più competitivo negli anni successivi, nella categoria piloti, gareggiando contro vetture turbo come Volvo 240 e Ford Sierra RS Cosworth, aggiudicandosi il titolo piloti nel 1984, poiché riuscì ad ottenere più vittorie tra le auto della Div.3, dove gareggiavano le auto di grossa cilindrata oltre i 3000 cm3, mentre l'assoluto costruttori torno all'Alfa Romeo.

Il campionato è stato cancellato dopo la stagione 1988 per i costi crescenti.

1989-1999Modifica

Mancando un vero titolo europeo, le migliori squadre del vecchio continente si affrontarono alla Macau Grand Prix's Guia Race, alla 24 Ore di Spa e alla 24 Ore del Nürburgring, che erano le uniche corse internazionali prestigiose durante quegli anni. Con il crescente successo e popolarità del Superturismo in vari campionati nazionali di "Classe 2", come il British Touring Car Championship e il Campionato italiano superturismo e l'interesse del pubblico per le vetture di "Classe 1" che correvano nel DTM, la FIA organizzò tra il 1994 e il 1996 una sorta di campionato mondiale turismo riservato a queste ultime, promosso con la collaborazione degli organizzatori del DTM, che avevano già avuto occasione di organizzare gare al di fuori della Germania nel loro calendario. Così nacque il Campionato Internazionale Turismo o International Touring Car Championship (ITC), ma ancora una volta l'aumento dei costi fece naufragare questo progetto, che durò solo due stagioni.

2000-2004Modifica

Dal 2000 la FIA promuove ancora un Campionato Internazionale Turismo, prendendo come esempio il Campionato italiano superturismo, che aveva avuto un buon successo. Nel 2002, questo si trasforma nel nuovo Campionato europeo Turismo, dominato da BMW e Alfa Romeo, ma molto popolare presso il pubblico per le appassionanti gare trasmesse dal canale satellitare Eurosport.

Dal 2005 in poiModifica

Nel 2005, la serie ETCC è stata trasformata in Campionato del mondo turismo o World Touring Car Championship (WTCC), mentre il titolo Europeo (che è stato rinominato "ETCC - European Touring Car Cup") viene assegnato in un unico evento su doppia gara riservato ai migliori piloti dei campionati turismo nazionali[2] e tale formato si è protratto fino al 2009. Nel 2010 la Fia ha organizzato la "European Touring Car Cup" come un mini-campionato su 4 gare, ma a causa della cancellazione dell'evento a Oschersleben[3] per la concomitanza con alcune gare nazionali[4], i titoli europei "Super 2000", "Super Production", "Super 1600" e la "Coppa delle Nazioni" sono stati assegnati sui risultati delle rimanenti tre gare. Nel 2011 si è ritornati alla formula della gara unica[5], mentre nel 2012 la stagione si è sviluppata su quattro gare, concludendosi nel mese di giugno a Imola[6]. Il numero di gare annuali è via via cresciuto nelle stagioni successive[7][8], fino a includere sei gare nel 2015[9].

Albo d'oroModifica

1963-1988Modifica

Anno Pilota campione Auto Costruttore campione
1963   Peter Nöcker Jaguar Mark II -
1964   Warwick Banks BMC Mini Cooper S -
Anno Campione divisione 3 Auto Costruttore campione divisione 3 Campione divisione 2 Auto Costruttore campione divisione 2 Campione divisione 1 Auto Costruttore campione divisione 1
1965   Jacky Ickx Ford Mustang   Ford   John Whitmore Ford Lotus Cortina   Ford   Ed Swart Abarth 1000 TC   Abarth
1966   Hubert Hahne BMW 2000TI   BMW   Andrea De Adamich Alfa Romeo 1600 GTA   Alfa Romeo   Giancarlo Baghetti Abarth 1000 TC   Abarth
1967   Karl von Wendt Porsche 911   Porsche   Andrea De Adamich Alfa Romeo 1600 GTA   Alfa Romeo   Willi Kauhsen (Abarth 1000 TC)   Abarth
1968   Dieter Quester BMW 2002   BMW   John Rhodes Morris Mini Cooper S   BMC   John Handley Morris Mini Cooper S   BMC
1969   Dieter Quester BMW 2002   BMW   Spartaco Dini Alfa Romeo 1600 GTA   Alfa Romeo   Marsilio Pasotti Abarth 1000 TC   Abarth
Anno Pilota campione Auto Costruttori
1970   Toine Hezemans Alfa Romeo 2000 GTAm   BMW
1971   Dieter Glemser Ford Capri RS2600   Alfa Romeo
1972   Jochen Mass Ford Capri RS2600   Alfa Romeo
1973   Toine Hezemans BMW 3.0 CSL   BMW
1974   Hans Heyer Ford Escort RS1600   Ford
1975   Siegfried Müller Sr.
  Alain Peltier
BMW 3.0 CSL   BMW (divisione 2)   Ford (divisione 1)
1976   Jean Xhenceval
  Pierre Dieudonné
BMW 3.0 CSL   BMW (divisione 4)   Opel (divisione 3)   Alfa Romeo (divisione 2)   Alfa Romeo (divisione 1)
1977   Dieter Quester BMW 3.0 CSL   BMW (divisione 5)   BMW (divisione 4)   Alfa Romeo (divisione 3)   Volkswagen (divisione 2)   Alfa Romeo (divisione 1)
1978   Umberto Grano BMW 3.0 CSL   BMW
1979   Martino Finotto
  Carlo Facetti
BMW 3.0 CSL   BMW
1980   Helmut Kelleners
  Siegfried Müller Jr.
BMW 320   Audi
1981   Umberto Grano
  Helmut Kelleners
BMW 635CSi   Škoda
1982   Umberto Grano BMW 528i   Alfa Romeo
1983   Dieter Quester BMW 635CSi   Alfa Romeo
1984   Tom Walkinshaw Jaguar XJS   Alfa Romeo
1985   Gianfranco Brancatelli
  Thomas Lindström
Volvo 240 Turbo   Alfa Romeo
1986   Roberto Ravaglia BMW 635CSi   Toyota
1987   Winfried Vogt BMW M3   BMW
1988   Roberto Ravaglia BMW M3   Ford

2000-2004Modifica

Anno Campionato Classe Indipendente (Michelin Trophy) Nome Serie
Piloti Costruttori/Teams Piloti Teams
2000   Fabrizio Giovanardi (Alfa Romeo 156 D2) Nordauto Engineering N/A N/A European Super Touring Cup
2001   Fabrizio Giovanardi (Supertouring)(Alfa Romeo 156 D2)
  Peter Kox (Superproduction) (BMW 320i E46 SP)
Nordauto Engineering   Sandro Sardelli (Nissan Primera Mk3Gt D2) (Supertouring Amateur)
  Norman Simon (BMW 320i E46 SP) (Superproduction Under 25)
N/A FIA European Super Touring Championship
2002   Fabrizio Giovanardi (Alfa Romeo 156 S2000) Alfa Romeo   Fabrizio Giovanardi N/A FIA Europe Touring Car Championship
2003   Gabriele Tarquini (Alfa Romeo 156 Super 2000) BMW   Duncan Huisman (BMW 320i E46 S2000) Alfa Romeo Autodelta FIA Europe Touring Car Championship
2004   Andy Priaulx (BMW 320i E46 S2000) BMW   Tom Coronel (BMW 320i E46 S2000) AutoDelta Squadra Corse FIA Europe Touring Car Championship

NoteModifica

  1. ^ European Touring Car Championship - Championships - Racing Sports Cars
  2. ^ a b (EN) YOKOHAMA SUPPLIER TO THE FIA ETC CUP, in FIA ETCC News Archive (www.fiaetcc.com), 11 luglio 2005. URL consultato il 1º agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2014).
  3. ^ (EN) Calendario dell'European Touring Car Cup, www.fiaetcc.com. URL consultato il 17 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2013).
  4. ^ (EN) ETCC EVENT IN OSCHERSLEBEN WAS CANCELLED, www.fiaetcc.com, 26 febbraio 2010. URL consultato il 17 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2015).
  5. ^ (EN) FIA ETCC archive 2011, www.fiaetcc.com. URL consultato il 1º agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2012).
  6. ^ (EN) FIA ETCC calendar 2012, www.fiaetcc.com. URL consultato il 17 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).
  7. ^ (EN) FIA ETCC calendar 2013, www.fiaetcc.com. URL consultato il 17 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2016).
  8. ^ (EN) FIA ETCC calendar 2014, www.fiaetcc.com. URL consultato il 17 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2016).
  9. ^ (EN) FIA ETCC calendar 2015, www.fiaetcc.com. URL consultato il 17 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2016).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo