Apri il menu principale
Campionato Primavera 1993-1994
Competizione Campionato Primavera
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 32ª
Organizzatore Lega Nazionale Professionisti
Luogo Italia Italia
Risultati
Vincitore Juventus
(3º titolo)
Secondo Torino
Juventus, Campionato Primavera 1994.jpg
I giovani bianconeri in trionfo
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1992-1993 1994-1995 Right arrow.svg

Il campionato Primavera 1993-1994 è la 32ª edizione del campionato Primavera. Il detentore del trofeo è l'Atalanta.

La squadra vincitrice del torneo è stata la Juventus che si è aggiudicata il titolo di campione nazionale per la terza volta nella sua storia.

AvvenimentiModifica

Dopo ventidue anni dall'ultimo trionfo, la Juventus tornò a fregiarsi del titolo di categoria. La formazione allenata da Antonello Cuccureddu poteva contare su un gruppo di elementi che annoverava molti futuri protagonisti dei maggiori campionati italiani, quali i portieri Squizzi e Fontana, i difensori Baldini, Dal Canto, Manfredini e Loria, i centrocampisti Binotto, Del Nevo e Milanetto, e l'attaccante Cammarata; la fascia di capitano era al braccio di Alessandro Del Piero, promettente fantasista già impegnato nella spola tra giovanili e prima squadra, destinato a divenire la «bandiera» bianconera dei successivi vent'anni nonché uno dei maggiori calciatori della sua epoca.[1]

 
Fabrizio Cammarata e Alessandro Del Piero, protagonisti del successo bianconero nella finale d'andata.

Già vincitrice pochi mesi prima, interrompendo un altro lungo digiuno, del Torneo di Viareggio,[2] la Juventus trovò ad attenderla all'ultimo atto del campionato i concittadini del Torino, guidati da Rosario Rampanti. Vista la stracittadina, come sede della doppia finale venne scelto lo stadio Comunale, abbandonato dalle due formazioni torinesi nel 1990 in favore del più moderno Delle Alpi, e nell'occasione teatro dell'ultimo evento calcistico di rilievo della sua fin lì sessantenaria storia (prima della ristrutturazione d'inizio III millennio); un modo anche per rievocare gli accesi derby tra bianconeri e granata a cavallo degli anni 1970 e 1980, che videro proprio tale impianto come sfondo.[1]

Nella sfida d'andata, giocata il 18 giugno e con la Juventus, formalmente, padrona di casa, questa ipotecò il successo grazie a un 2-0 firmato dalla sua coppia d'attacco Cammarata-Del Piero, a segno rispettivamente in apertura e nei minuti conclusivi dell'incontro, il primo con un'azione personale e il secondo sugli sviluppi di una ripartenza.[3] Sette giorni dopo il Torino riuscì a battere i rivali ma non ribaltare l'esito del doppio confronto, causa un inutile successo di misura, arrivato con un diagonale di Briano, a un paio di minuti dal termine. La Juventus seppe rintuzzare il tardivo forcing dei granata, sicché al triplice fischio furono i giovani bianconeri a festeggiare il loro terzo tricolore.[4]

RisultatiModifica

FinaleModifica

Torino
18 giugno 1994
Andata
Juventus2 – 0
referto
TorinoStadio Comunale (5 000 circa spett.)
Arbitro:  Bertini (Arezzo)

Torino
25 giugno 1994
Ritorno
Torino1 – 0
referto
JuventusStadio Comunale
Arbitro:  D'Agostini (Frosinone)

NoteModifica

  1. ^ a b 25 giugno 1994, Primavera tricolore, su juventus.com, 24 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2014).
  2. ^ Aurelio Benigno, Il Viareggio è bianconero, in La Stampa, 17 febbraio 1994, p. 34.
  3. ^ Aurelio Benigno, Alla Juve mezzo scudetto, in La Stampa, 19 giugno 1994, p. 44.
  4. ^ Aurelio Benigno, Juve, regina di Primavera, in La Stampa, 26 giugno 1994, p. 42.

Voci correlateModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio