Apri il menu principale
Campionato europeo di automobilismo
CategoriaAutomobilismo
NazioneEuropa Europa
Prima edizione1931
Ultima edizione1939
Piloti32 (1939)
Squadre8 (1939)
Motori8 (1939)
Pilota campioneGermania Rudolf Caracciola (1938)
Squadra campioneMercedes-Benz

Il Campionato Europeo è stata una competizione automobilistica annuale che è esistita prima dell'introduzione del Campionato Mondiale di Formula Uno. La sua prima edizione si disputò nel 1931, l'ultima nel 1939. Nelle due prime edizioni del 1931 e 1932 fu anche detto "Campionato Automobilistico Internazionale". Non fu organizzato nel 1933 e nel 1934. I punti erano assegnati ai piloti in base ai risultati di alcuni Gran Premi selezionati, chiamati Grandes Épreuves. Questo termine era già utilizzato dagli anni venti per le gare più prestigiose (c'erano anche alcuni Gran Premi che, pur non essendo validi per questo Campionato europeo, erano comunque chiamati con questo nome che indicava una priorità nella collocazione di data nel calendario agonistico stagionale). L'ultima edizione del Campionato fu quella del 1939, e fu interrotta a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale senza la proclamazione ufficiale del pilota vincitore.

Il Campionato era organizzato dall'AIACR, l'associazione antenata della FIA. Il Campionato inaugurale comprendeva i Gran Premi di Italia, Francia e Belgio. Inizialmente era previsto anche il Gran Premio di Spagna, che però non si disputò.

Indice

Sommario dei risultatiModifica

L'assegnamento dei punteggiModifica

Al contrario dell'odierno Campionato mondiale di Formula 1, in questo Campionato erano assegnati meno punti ai piloti che si classificavano in una posizione migliore; quindi il pilota campione era quello che conseguiva, alla fine della stagione, meno punti. Ai piloti che si classificavano primi, secondi e terzi, erano assegnati rispettivamente, uno, due e tre punti. Agli altri guidatori che non riuscivano a completare la gara (all'epoca le corse terminavano con il taglio del traguardo da parte del vincitore) era attribuito il seguente punteggio:

% completata Punti
>75% 4
50%-75% 5
25%-50% 6
<25% 7

Ai non iscritti al Gran Premio e al pilota che si ritirava alla partenza erano assegnati otto punti. I guidatori conquistavano punti solo con l'autovettura iscritta alla gara. Nel 1931 anche i co-piloti avevano diritto ai punti valevoli per il Campionato, ma solamente se utilizzavano l'auto iscritta al Gran Premio. Dal 1932 in avanti, se il pilota cedeva la vettura ad un altro guidatore durante la corsa, solo il primo conquistava punti secondo la posizione dell'automobile alla fine della gara.

Albo d'oro[1]Modifica

Stagione Pilota campione Squadra Pole position Vittorie Podi Giri veloci Punti Margine sul secondo (punti) Gran premi della stagione
1931   Ferdinando Minoia Alfa Romeo 0 0 2 0 9 0  
ITA
 
FRA
 
BEL
1932   Tazio Nuvolari Alfa Romeo 0 2 3 2 4 4  
ITA
 
FRA
 
GER
1933 Non disputato
1934 Non disputato
1935   Rudolf Caracciola Mercedes-Benz 1 4 5 1 17 5  
MON
 
FRA
 
BEL
 
GER
 
SUI
 
ITA
 
ESP
1936   Bernd Rosemeyer Auto Union 1 3 3 3 10 5  
MON
 
GER
 
SUI
 
ITA
1937   Rudolf Caracciola Mercedes-Benz 3 3 4 2 13 2  
BEL
 
GER
 
MON
 
SUI
 
ITA
1938   Rudolf Caracciola Mercedes-Benz 0 1 4 0 8 7  
FRA
 
GER
 
SUI
 
ITA
1939 Titolo non assegnato a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale.  
BEL
 
FRA
 
GER
 
SUI

NoteModifica

  1. ^ AIACR EUROPEAN CHAMPIONSHIP 1935, kolumbus.fi. URL consultato il 1º ottobre 2011.

BibliografiaModifica

  • (EN) Chris Nixon, Racing the Silver Arrows: Mercedes-Benz versus Auto Union 1934-1939, Londra, Osprey, 1986.
  • (EN) Ivan Rendall, The Chequered Flag : 100 years of motor racing, Weidenfeld & Nicolson, 1995, ISBN 0-297-83550-5.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo