Campionato europeo di calcio femminile 1991

Campionato europeo di calcio femminile 1991
UEFA Women's Euro 1991
Competizione Campionato europeo di calcio femminile
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Date dal 14 novembre 1990
al 1991
Luogo Danimarca Danimarca
(3 città)
Partecipanti 4 (18 alle qualificazioni)
Impianto/i 3 stadi
Risultati
Vincitore Germania Germania
(2º titolo)
Secondo Norvegia Norvegia
Terzo Danimarca Danimarca
Quarto Italia Italia
Statistiche
Miglior giocatore Germania Neid[1]
Miglior marcatore Germania Mohr (4)
Incontri disputati 4
Gol segnati 10 (2,5 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Germania Ovest 1989 Italia 1993 Right arrow.svg

Il Campionato europeo di calcio femminile 1991 è stata la 4ª edizione del campionato europeo di calcio femminile per nazionali, la 1ª edizione con la nuova denominazione UEFA Women's Championship. Nelle precedenti tre edizioni disputate, il torneo si chiamava European Competition for Women's Football e non aveva un carattere prettamente ufficiale; tuttavia i titoli assegnati con quel formato sono regolarmente riconosciuti. Da questa edizione il torneo è organizzato direttamente dall'UEFA.

Si è svolto nell'estate del 1991 in Danimarca, e vi hanno preso parte quattro squadre. La vittoria è andata alla Germania che ha battuto la Norvegia in finale ai supplementari per 3 a 1 dopo che il risultato si era attestato sull'1 a 1 nei tempi regolamentari.

Il torneo è stato utilizzato anche come metodo di qualificazione ai mondiali dello stesso anno.

FormatoModifica

L'accesso al torneo era determinato da una fase di qualificazione disputata nell'anno precedente, cui vi hanno preso parte 18 squadre. Queste erano divise in 5 gironi all'italiana di cui due da 3 squadre (dai quali passava il turno la prima) e tre da 4 squadre (dai quali passavano il turno le prime due). Le 8 squadre che passavano il turno ne affrontavano uno successivo ad eliminazione diretta con gare di gare di andata e ritorno per determinare le 4 partecipanti alla fase finale. La fase finale era composta da incontri ad eliminazione diretta di semifinali e finali, tutti in gara singola.

Squadre qualificateModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni al campionato europeo di calcio femminile 1991.

RisultatiModifica

SemifinaliModifica

Hjørring
10 luglio 1991
Norvegia  0 – 0
(d.t.s.)
referto
  Danimarca (4 850[2] spett.)
Arbitro:   Lube Spassov

Frederikshavn
11 luglio 1991
Germania  3 – 0
referto
  Italia (3 000 spett.)
Arbitro:   Roger Philippi

Finale terzo postoModifica

Aalborg
14 luglio 1991, ore 12:15 UTC+1
Danimarca  2 – 1
(d.t.s.)
referto
  ItaliaAalborg Stadion (3 100[3] spett.)
Arbitro:   Raul Garcia de Loza

FinaleModifica

Aalborg
14 luglio 1991
Germania  3 – 1
(d.t.s.)
referto
  NorvegiaAalborg Stadion (3 100[5] spett.)
Arbitro:   James McCluskey

Classifica marcatriciModifica

4 reti
1 rete

NoteModifica

  1. ^ (EN) 1991: Silvia Neid, su uefa.com, 5 ottobre 2010. URL consultato il 26 giugno 2016.
  2. ^ Kampfakta - fotball.no - Norges Fotballforbund
  3. ^ (DA) France 1-3 Danemark, Federazione calcistica della Danimarca. URL consultato il 22 settembre 2012.
  4. ^ La FIGC attribuisce l'autogol a Emma Iozzelli.
  5. ^ Kampfakta - fotball.no - Norges Fotballforbund[collegamento interrotto]
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio