Campionato europeo per nazioni di rugby 2010-2012

Campionato europeo per Nazioni 2010-2012
Competizione Campionato europeo per Nazioni
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione
Organizzatore FIRA-AER
Date dal 5 febbraio 2011
all'9 giugno 2012 (div. 1.A)
Partecipanti 6 (div. 1.A)
Formula Girone all'italiana
Risultati
Vincitore Georgia Georgia  (2010-11)
Georgia Georgia (2011-12)
Prom. 1.A Belgio Belgio
Prom. 1.B Svezia Svezia
Prom. 2.A Svizzera Svizzera
Prom. 2.B Israele Israele
  Danimarca Danimarca
Prom. 2.C Cipro Cipro
  Bulgaria Bulgaria
Prom. 2.D Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
Retr. 1.B Ucraina Ucraina
Retr. 2.A Paesi Bassi Paesi Bassi
Retr. 2.B Lettonia Lettonia
Retr. 2.C Armenia Armenia
Retr. 2.D Norvegia Norvegia
Netherlands vs Poland ENC 2012 (1).jpg
Una fase di Paesi Bassi-Polonia, ultimo incontro della divisione 1.B 2011-12
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2008-10 2012-14 Right arrow.svg

Il campionato europeo per nazioni 2010-12 fu l'8ª edizione del Campionato europeo per nazioni di rugby, competizione continentale organizzata dalla FIRA - Associazione Europea di Rugby, ramo europeo dell'International Rugby Board.

Esso fu anche la 42ª (2011-12) e 43ª (2012-13) edizione della competizione che metteva in palio il titolo di campione europeo di rugby.

La competizione, rispetto alla stagione precedente, fu ristrutturata, e la prima divisione fu rinominata "Divisione 1.A"; la seconda divisione passò anch'essa a sei squadre con il nome di "Divisione 1.B", mentre le divisioni rispettivamente note come 2.B, 3.A, 3.B e 3.C furono rinominate da 2.A a 2.D; la terza divisione divenne unica[1], fermo restando il titolo di campione europeo conferito alla squadra vincitrice di ogni annualità della divisione 1.A. Le squadre ultime classificate di ogni divisione compresa tra la 1.A e la 2.D retrocedettero in divisione inferiore; le prime classificate dalla 1.B alla terza avanzarono in quella superiore; fu inoltre stabilito che le penultime della divisione 2.A, 2.B e 2.C spareggiassero contro rispettivamente le seconde delle divisioni 2.B, 2.C e 2.D per mantenere il proprio posto nella divisione di appartenenza[1]. In aggiunta a ciò, le gare della divisione 1.A furono disputate negli stessi fine settimana del Sei Nazioni (così rinforzando il nome non ufficiale di Sei Nazioni B già dato alla competizione fin dall'istituzione della formula a sei squadre[2]).

Il titolo di campione europeo andò alla Georgia in entrambe le edizioni del biennio; nella classifica aggregata 2010-12 la squadra ultima classificata fu l'Ucraina che retrocedette in divisione 1.B per il 2012-14.

Nelle divisioni inferiori, il Belgio fu promosso in 1.A, la Svezia in 1.B, mentre Svizzera, Israele e Cipro, rispettivamente in 2.B, 2.C e 2.D, salirono nella serie superiore; fece il suo ingresso nella rinnovata seconda divisione anche la Bosnia ed Erzegovina, vincitrice della terza. A prendere il posto della Svezia in 2.A furono i Paesi Bassi retrocessi, mentre invece Armenia e Norvegia scesero dalle divisioni 2.B e 2.C. Il Lussemburgo scampò alla retrocessione perché l'Armenia si ritirò dalla competizione e, a seguire, non si iscrisse neppure nel biennio successivo a causa dell'insostenibilità economica dei costi d'affiliazione alla FIRA-AER[3]; fu quindi lasciato un posto supplementare libero che il Lussemburgo occupò come primo dei ripescati in seconda divisione.

Nello spareggio tra la quarta della divione 2.A, Andorra, e la seconda della divisione 2.B, la Croazia, fu quest'ultima a prevalere e a guadagnare l'accesso alla categoria superiore, mentre invece invariate rimasero le posizioni tra la divisione 2.C e 2.D, avendo la Bulgaria, quarta della divisione superiore, battuto 29-26 l'Ungheria; lo spareggio tra la penultima della divisione 2.B e la seconda della 2.C, rispettivamente Slovenia e Danimarca, invece, non ebbe luogo per forfeit della prima, che quindi retrocedette e si scambiò di posizione con la seconda.

Per quanto riguarda invece la terza divisione, che si tenne in due gironi d'andata e ritorno, il primo nell'ottobre 2010 a Zenica, in Bosnia, e il secondo a Bratislava, in Slovacchia, fu la nazionale ex-jugoslava a prevalere[4], ma l'Azerbaigian non poté prendere parte al girone di ritorno in quanto ebbe problemi a ottenere in tempo utile il visto d'ingresso in Slovacchia[5].

Infine, l'incontro tra Ucraina e Romania, originariamente in programma a febbraio 2011, fu spostato ad agosto a causa delle proibitive condizioni del tempo in Ucraina che resero impossibile disputare l'incontro alla data inizialmente prevista[6].

Per tutte le divisioni il sistema di punteggio fu quello dell'Emisfero Sud, vale a dire 4 punti per la vittoria, 2 punti per il pareggio, 0 punti per la sconfitta; un eventuale punto di bonus sia per avere realizzato almeno quattro mete in un incontro e un ulteriore eventuale punto di bonus per la sconfitta con sette o meno punti di scarto.

Divisione 1.A — AndataModifica

1ª giornataModifica

Madrid
5 febbraio 2011, ore 16 UTC+1
Spagna  24 – 28  RussiaStadio Complutense
Arbitro:   Stefano Mancini

Lisbona
5 febbraio 2011, ore 16 UTC
Portogallo  24 – 17  RomaniaStadio Universitario
Arbitro:   David Jones

Tbilisi
5 febbraio 2011, ore 15 UTC+4
Georgia  62 – 3  UcrainaStadio Mikheil Meskhi
Arbitro:   Cyril Lafon

2ª giornataModifica

Tbilisi
12 febbraio 2011, ore 15 UTC+4
Georgia  60 – 0  SpagnaStadio Mikheil Meskhi
Arbitro:   Greg Garner

Soči
12 febbraio 2011, ore 14 UTC+3
Russia  19 – 21  PortogalloStadio FGUP
Arbitro:   Stéphan Pomarede

Leopoli
20 agosto 2011, ore 15 UTC+3
Ucraina  16 – 41  RomaniaStadio Junist
Arbitro:   Leyton Hodges

3ª giornataModifica

Lisbona
26 febbraio 2011, ore 15 UTC
Portogallo  12 – 13  GeorgiaStadio Universitario
Arbitro:   Claudio Passacantando

Bucarest
26 febbraio 2011, ore 16 UTC+2
Romania  33 – 3  RussiaStadio Arcul de Triumf
Arbitro:   JP Doyle

Madrid
26 febbraio 2011, ore 16 UTC+1
Spagna  35 – 13  UcrainaStadio Complutense
Arbitro:   Cammy Rudkin

4ª giornataModifica

Tbilisi
12 marzo 2011, ore 15 UTC+4
Georgia  18 – 11  RomaniaStadio Mikheil Meskhi
Arbitro:   David Wilkinson

Odessa
12 marzo 2011, ore 15 UTC+3
Ucraina  5 – 41  RussiaStadio Spartak
Arbitro:   Eric Gauzins

Madrid
12 marzo 2011, ore 16 UTC+1
Spagna  25 – 10  PortogalloStadio Complutense
Arbitro:   Mauro Dordolo

5ª giornataModifica

Soči
19 marzo 2011
Russia  9 – 15  GeorgiaStadio FGUP
Arbitro:   Patrick Pechambert

Bucarest
19 marzo 2011, ore 17 UTC+2
Romania  64 – 8  SpagnaStadio Arcul de Triumf
Arbitro:   Johann v.d. Merwe

Lisbona
19 marzo 2011, ore 15 UTC
Portogallo  46 – 24  UcrainaStadio Universitario
Arbitro:   Dudley Philips

Divisione 1.A — RitornoModifica

1ª giornataModifica

Bucarest
4 febbraio 2012, ore 14 UTC+2
Romania  15 – 7  PortogalloStadio Arcul de Triumf (750 spett.)
Arbitro:   Leo Colgan

Madrid
11 febbraio 2012, ore 16 UTC+1
Spagna  25 – 18  GeorgiaStadio Complutense (10 000 spett.)
Arbitro:   David Wilkinson

Lisbona
11 febbraio 2012, ore 16 UTC
Portogallo  32 – 33  RussiaStadio Universitario
Arbitro:   Ian Davies

2ª giornataModifica

Tbilisi
25 febbraio 2012, ore 14 UTC+4
Georgia  32 – 7  PortogalloStadio Avchala
Arbitro:   Marius Mitrea

Soči
25 febbraio 2012, ore 14 UTC+4
Russia  0 – 25  RomaniaStadio FGUP
Arbitro:   Cédric Marchat

Alušta
25 febbraio 2012, ore 11:45 UTC+2
Ucraina  6 – 41  SpagnaStadio Spartak
Arbitro:   Rhys Thomas

3ª giornataModifica

Bucarest
10 marzo 2012, ore 17 UTC+2
Romania  13 – 19  GeorgiaStadio Arcul de Triumf
Arbitro:   JP Doyle

Coimbra
10 marzo 2012, ore 15 UTC
Portogallo  23 – 17  SpagnaStadio Sérgio Conceição (1 500 spett.)
Arbitro:   Claudio Passacantando

Soči
10 marzo 2012, ore 14 UTC+4
Russia  38 – 19  UcrainaStadio FGUP
Arbitro:   V. Iordachescu

4ª giornataModifica

Tbilisi
17 marzo 2012, ore 15 UTC+4
Georgia  46 – 0  RussiaStadio Mikheil Meskhi
Arbitro:   Mathieu Raynal

Odessa
17 marzo 2012, ore 14 UTC+2
Ucraina  35 – 33  PortogalloStadio Spartak
Arbitro:   Laurent Cardona

Madrid
17 marzo 2012, ore 16 UTC+1
Spagna  13 – 12  RomaniaStadio Complutense (9 500 spett.)
Arbitro:   Cammy Rudkin

5ª giornataModifica

Bucarest
31 marzo 2012, ore 17 EEST
Romania  71 – 0  UcrainaStadio Arcul de Triumf (1 546 spett.)
Arbitro:   Stephan Pomarede

Mosca
19 maggio 2012, ore 15 MSK+1
Russia  41 – 37  SpagnaStadio Slava
Arbitro:   Tim Wigglesworth

Tbilisi
9 giugno 2012, ore 17 UTC+4
Ucraina  3 – 33  GeorgiaMikhail Meskhi
Arbitro:   Stefano Mancini

Classifica 2010-11Modifica

Squadra G V N P P+ P- diff. B PT
  Georgia 5 5 0 0 168 35 +133 2 22
  Romania 5 3 0 2 166 69 +97 4 16
  Portogallo 5 3 0 2 113 98 +15 2 14
  Russia 5 2 0 3 100 98 +2 3 11
  Spagna 5 2 0 3 92 175 -83 2 10
  Ucraina 5 0 0 5 61 225 -164 0 0

Classifica 2011-12Modifica

Squadra G V N P P+ P- diff. B PT
  Georgia 5 4 0 1 148 48 +100 4 20
  Spagna 5 3 0 2 133 100 +33 4 16
  Romania 5 3 0 2 136 39 +97 4 16
  Russia 5 3 0 2 112 159 −47 2 14
  Portogallo 5 1 0 4 102 132 −30 3 7
  Ucraina 5 1 0 4 63 216 −153 1 5

Classifica complessiva 2010-12Modifica

Squadra G V N P P+ P- diff. B PT
  Georgia 10 9 0 1 316 83 +233 6 42
  Romania 10 6 0 4 302 118 +184 8 32
  Spagna 10 5 0 5 225 275 −50 6 26
  Russia 10 5 0 5 212 257 −45 5 25
  Portogallo 10 4 0 6 215 230 −15 5 21
  Ucraina 10 1 0 9 124 442 −318 1 5

Divisione 1.BModifica

Data Incontro Risultato Sede
9-10-2010 Rep. CecaPolonia 20–15 Praga
13-11-2010 PoloniaMoldavia 25–36 Gdynia
13-11-2010 Rep. CecaBelgio 12–24 Praga
20-11-2010 GermaniaPolonia 17–22 Francoforte s. M.
20-11-2010 Paesi BassiRep. Ceca 13–25 Amsterdam
27-11-2010 Paesi BassiGermania 10–29 Amsterdam
12-1-2011 BelgioMoldavia 20–5 Bruxelles
12-3-2011 GermaniaRep. Ceca 23–29 Heidelberg
12-3-2011 PoloniaBelgio 28–21 Gdynia
19-3-2011 BelgioGermania 28–25 Bruxelles
19-3-2011 MoldaviaRep. Ceca 24–16 Chișinău
2-4-2011 MoldaviaGermania 28–15 Chișinău
16-4-2011 PoloniaPaesi Bassi 32–18 Cracovia
23-4-2011 Paesi BassiBelgio 18–30 Amsterdam
30-4-2011 MoldaviaPaesi Bassi 22–15 Chișinău
15-10-2011 PoloniaRep. Ceca 20–13 Nowy Sącz
5-11-2011 BelgioRep. Ceca 55–0 Bruxelles
12-11-2011 GermaniaPaesi Bassi 23–7 Hannover
12-11-2011 MoldaviaPolonia 17–17 Chișinău
19-11-2011 PoloniaGermania 34–8 Danzica
19-11-2011 Rep. CecaPaesi Bassi 22–10 Praga
26-11-2011 Rep. CecaMoldavia 6–13 Praga
25-2-2012 BelgioPaesi Bassi 58–3 Bruxelles
10-3-2012 MoldaviaBelgio 16–17 Chișinău
10-3-2012 Rep. CecaGermania 17–20 Praga
17-3-2012 GermaniaBelgio 29–30 Heusenstamm
24-3-2012 GermaniaMoldavia 40–7 Heidelberg
7-4-2012 BelgioPolonia 20–13 Bruxelles
7-4-2012 Paesi BassiMoldavia 40–26 Amsterdam
21-4-2012 Paesi BassiPolonia 19–32 Amsterdam
Classifica 1.B G V N P P+ P- B PT
  Belgio 10 9 0 1 303 149 +154 3 39
  Polonia 10 6 1 3 238 189 +49 5 31
  Moldavia 10 5 1 4 194 211 −17 4 26
  Germania 10 4 0 6 229 212 +17 6 22
  Rep. Ceca 10 4 0 6 160 217 −57 4 20
  Paesi Bassi 10 1 0 9 153 299 −146 2 6

2ª divisioneModifica

Divisione 2.AModifica

Data Incontro Risultato Sede
24-10-2010 CroaziaSvezia 13–32 Spalato
30-10-2010 LettoniaCroazia 12–14 Riga
30-10-2010 LituaniaMalta 9–6 Šiauliai
6-11-2010 MaltaLettonia 26–33 Paola
6-11-2010 SveziaLituania 26–22 Trelleborg
30-4-2011 LituaniaLettonia 57–3 Kaunas
30-4-2011 MaltaCroazia 21–14 Paola
7-5-2011 CroaziaLituania 5–10 Spalato
7-5-2011 SveziaMalta 24–13 Enköping
14-5-2011 LettoniaSvezia 29–54 Riga
22-10-2011 LituaniaSvezia 30–30 Kaunas
29-10-2011 LettoniaMalta 0–28 Riga
29-10-2011 SveziaCroazia 24–18 Enköping
5-11-2011 MaltaLituania 14–10 La Valletta
5-11-2011 CroaziaLettonia 34–8 Spalato
21-4-2012 MaltaSvezia 22–14 La Valletta
28-4-2012 LettoniaLituania 8–48 Riga
28-4-2012 CroaziaMalta 31–16 Zagabria
5-5-2012 SveziaLettonia 31–3 Enköping
5-5-2012 LituaniaCroazia 28–26 Vilna
Classifica 2.A G V N P P+ P- B PT
  Svezia 8 6 1 1 235 150 +85 3 29
  Lituania 8 5 1 2 233 125 +108 7 29
  Malta 8 4 0 4 146 135 +11 4 20
  Croazia 8 3 0 5 162 170 -8 4 16
  Lettonia 8 1 0 7 96 292 -196 3 7

Divisione 2.BModifica

Data Incontro Risultato Sede
2-10-2010 SvizzeraArmenia 25-0 Forfeit
9-10-2010 AndorraSlovenia 22–7 Andorra
23-10-2010 SloveniaSerbia 33–3 Lubiana
13-11-2010 ArmeniaAndorra 25-0 Forfeit
20-11-2010 SerbiaSvizzera 18–15 Belgrado
19-2-2011 AndorraSerbia 42–25 Andorra
19-3-2011 SvizzeraAndorra 21–9 Nyon
30-4-2011 SloveniaSvizzera 10–33 Lubiana
7-5-2011 SerbiaArmenia 25-0 Forfeit
28-5-2011 ArmeniaSlovenia 0-25 Forfeit
29-10-2011 SerbiaSlovenia 52–0 Belgrado
12-11-2011 SvizzeraSerbia 27–19 Monthey
12-11-2011 SloveniaAndorra 6–15 Lubiana
26-11-2011 AndorraSvizzera 21–22 Andorra
17-3-2012 SvizzeraSlovenia 85–0 Nyon
7-4-2012 AndorraArmenia 25-0 Forfeit
14-4-2012 ArmeniaSvizzera 0-25 Forfeit
14-4-2012 SerbiaAndorra 7–9 Belgrado
28-4-2012 ArmeniaSerbia 0-25 Forfeit
12-5-2012 SloveniaArmenia 25-0 Forfeit
Classifica 2.B G V N P P+ P- B PT
  Svizzera 8 7 0 1 253 77 +176 6 34
  Andorra 8 6 0 2 168 88 +80 5 29
  Serbia 8 4 0 4 174 126 +48 4 20
  Slovenia 8 3 0 5 106 210 -104 2 14
  Armenia 8 0 0 8 0 200 -200 0 0

Divisione 2.CModifica

Data Incontro Risultato Sede
16-10-2010 UngheriaAustria 22–16 Budapest
16-10-2010 NorvegiaDanimarca 14–14 Oslo
30-10-2010 IsraeleUngheria 23–14 Netanya
6-11-2010 DanimarcaUngheria 21–20 Odense
6-11-2010 AustriaNorvegia 15–9 Vienna
9-4-2011 IsraeleAustria 20–11 Netanya
7-5-2011 DanimarcaIsraele 27–19 Odense
14-5-2011 AustriaDanimarca 23–16 Vienna
14-5-2011 NorvegiaIsraele 3–15 Oslo
4-6-2011 UngheriaNorvegia 21–5 Budapest
15-10-2011 DanimarcaNorvegia 28–5 Odense
22-10-2011 AustriaIsraele 26–28 Vienna
29-10-2011 UngheriaDanimarca 13–21 Esztergom
29-10-2011 IsraeleNorvegia 22–11 Netanya
5-11-2011 AustriaUngheria 38–7 Vienna
21-4-2012 UngheriaIsraele 5–44 Esztergom
21-4-2012 DanimarcaAustria 28–22 Odense
5-5-2012 NorvegiaAustria 11–6 Oslo
19-5-2012 NorvegiaUngheria 14-28 Oslo
2-6-2012 IsraeleDanimarca 15-0 Netanya
Classifica 2.C G V N P P+ P- B PT
  Israele 8 7 0 1 186 97 +89 2 30
  Danimarca 8 5 1 2 155 131 +24 1 23
  Austria 8 3 0 5 157 141 +16 5 17
  Ungheria 8 3 0 5 130 182 -52 2 14
  Norvegia 8 1 1 6 72 149 -77 1 7

Divisione 2.DModifica

Data Incontro Risultato Sede
15-10-2010 FinlandiaLussemburgo 10–18 Jyväskylä
5-11-2010 BulgariaGrecia 25–22 Pernik
13-11-2010 LussemburgoBulgaria 8–18 Lussemburgo
20-11-2010 GreciaCipro 13–33 Atene
12-3-2011 CiproBulgaria 55–8 Pafo
26-3-2011 CiproFinlandia 70–10 Pafo
2-4-2011 GreciaLussemburgo 30–18 Atene
7-5-2011 LussemburgoCipro 0–50 Lussemburgo
14-5-2011 BulgariaFinlandia 12–10 Pernik
11-6-2011 FinlandiaGrecia 11–7 Helsinki
8-10-2011 CiproLussemburgo 48–7 Pafo
22-10-2011 BulgariaLussemburgo 19–16 Pernik
5-11-2011 GreciaBulgaria 47–7 Salonicco
12-11-2011 GreciaFinlandia 16–6 Atene
21-4-2012 LussemburgoFinlandia 26–3 Lussemburgo
28-4-2012 BulgariaCipro 3–94 Pernik
5-5-2012 LussemburgoGrecia 15–8 Lussemburgo
26-5-2012 CiproGrecia 72–5 Pafo
26-5-2012 FinlandiaBulgaria 24–26 Turku
9-6-2012 FinlandiaCipro 5–52 Helsinki
Classifica 2.D G V N P P+ P- B PT
  Cipro 4 4 0 0 208 31 +177 4 20
  Bulgaria 4 3 0 1 63 95 -32 0 12
  Grecia 4 1 0 3 72 87 -15 3 7
  Finlandia 4 1 0 3 41 107 -66 1 5
  Lussemburgo 4 1 0 3 44 108 -64 0 4

SpareggiModifica

Spareggio divisione 2.A - 2.BModifica

Andorra la Vella
26 maggio 2012, ore 15 EEST
Andorra  8 – 44
referto
  CroaziaC.E. del M.I. Consell General
Arbitro:   David Rosich

Spareggio divisione 2.C - 2.DModifica

Sofia
23 giugno 2012, ore 14 EEST
Bulgaria  29 – 26
referto
  UngheriaNSA Rugby Club
Arbitro:   Giuseppe Vivarini

3ª divisioneModifica

Data Incontro Risultato Sede
25-10-2010 Bosnia ed ErzegovinaSlovacchia 45-21 Zenica
27-10-2010 SlovacchiaAzerbaigian 25-5 Zenica
30-10-2010 Bosnia ed ErzegovinaAzerbaigian 38-10 Zenica
9-10-2011 SlovacchiaAzerbaigian n/d Forfeit
12-10-2011 Bosnia ed ErzegovinaAzerbaigian n/d Forfeit
15-10-2011 SlovacchiaBosnia ed Erzegovina 15-48 Bratislava
Classifica G V N P P+ P- B PT
  Bosnia ed Erzegovina 3 3 0 0 131 53 78 3 15
  Slovacchia 3 1 0 2 61 98 -37 1 5
  Azerbaigian 2 0 0 2 22 63 -41 0 0

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) European Nations Cup 2010/2011 – 2011/2012 (PDF), Rugby Europe. URL consultato il 24 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2014).
  2. ^ (EN) Former Wales assistant coach Lynn Howells calls for Six Nations play-off match to help develop tier two nations, in Wales on Line, 16 ottobre 2014. URL consultato il 25 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2014).
  3. ^ (EN) Unanimous vote for Turkey, Rugby Europe, 7 luglio 2012. URL consultato il 13 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2014).
  4. ^ (EN) European Nations Cup 2010-2012 – season 2011-2012 (PDF), Rugby Europe, 15 ottobre 2011. URL consultato il 19 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2015).
  5. ^ (SK) V Čunove o postup z podpalubia európskeho rugby (PDF), in Bratislavský kuriér, 11 ottobre 2011, p. 13. URL consultato il 24 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2014).
  6. ^ (EN) Ukraine-Georgia postponed, Rugby Europe, 27 gennaio 2012. URL consultato il 25 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2014).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby