Campionato mondiale Supersport 1999

Campionato mondiale Supersport 1999
Edizione n. 1 del campionato mondiale Supersport
Dati generali
Inizio28 marzo
Termine12 settembre
Prove11
Titoli in palio
Titolo pilotiFrancia Stéphane Chambon
su Suzuki GSX-R 600
CostruttoriGiappone Yamaha
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

Il Campionato mondiale Supersport 1999 è la prima edizione del campionato mondiale Supersport. Si tratta della prima edizione di questo campionato ufficialmente riconosciuta dalla FIM, visto che le due edizioni precedenti (denominate come "Supersport World Series") non erano ancora riconosciute della Federazione.

La stagione è iniziata nel circuito sudafricano di Kyalami ed è terminata il 12 settembre nel circuito tedesco di Hockenheimring. Il pilota sudafricano Brett MacLeod perse la vita in un incidente nella prima tappa del campionato, sul circuito di Kyalami.[1]

Vincitore del campionato piloti è stato Stéphane Chambon con la Suzuki GSX-R 600 del team Suzuki Alstare F.S., con due vittorie e cinque podi complessivi, mentre il campionato costruttori è stato vinto dalla Yamaha con più di quaranta punti di distacco dalla Suzuki, seconda classificata.

CalendarioModifica

Data Gran Premio Circuito Pole Position Vincitore gara Leader del campionato Resoconto
1 28 marzo   Sudafrica Kyalami   Rubén Xaus   Iain MacPherson   Iain MacPherson Resoconto
2 2 maggio   Regno Unito Donington   Paolo Casoli   James Whitham   Iain MacPherson Resoconto
3 16 maggio   Spagna Albacete   Iain MacPherson   Jörg Teuchert   Jörg Teuchert Resoconto
4 30 maggio   Italia Monza   Piergiorgio Bontempi   Wilco Zeelenberg   Stéphane Chambon Resoconto
5 13 giugno   Germania Nürburgring   Jörg Teuchert   Piergiorgio Bontempi   Piergiorgio Bontempi Resoconto
6 27 giugno   San Marino Misano   Massimo Meregalli   Rubén Xaus   Piergiorgio Bontempi Resoconto
7 11 luglio   Stati Uniti Laguna Seca   Stéphane Chambon   Stéphane Chambon   Stéphane Chambon Resoconto
8 1º agosto   Europa Brands Hatch   Stéphane Chambon   Stéphane Chambon   Stéphane Chambon Resoconto
9 29 agosto   Austria Zeltweg   Rubén Xaus   Jörg Teuchert   Stéphane Chambon Resoconto
10 5 settembre   Paesi Bassi Assen   Iain MacPherson   Iain MacPherson   Stéphane Chambon Resoconto
11 12 settembre   Germania Hockenheim   Stéphane Chambon   Iain MacPherson   Stéphane Chambon Resoconto

ClassificheModifica

Classifica PilotiModifica

fonte[2]

Posizione Pilota Motocicletta                       Punti
1   Stéphane Chambon Suzuki 2 2 4 12 8 5 1 1 Rit 5 3 153
2   Iain MacPherson Kawasaki 1 3 Rit Rit 10 Rit 2 Rit 4 1 1 130
3   Piergiorgio Bontempi Yamaha 14 6 2 3 1 7 6 4 5 Rit 116
4   Jörg Teuchert Yamaha 3 4 1 Rit Rit 6 Rit Rit 1 8 5 108
5   Rubén Xaus Yamaha Rit Rit Rit 2 Rit 1 23 2 Rit 3 2 101
6   Christian Kellner Yamaha 4 11 6 11 4 11 9 6 2 Rit 10 94
7   Fabrizio Pirovano Suzuki Rit Rit 5 5 2 4 5 8 Rit 6 84
8   Cristiano Migliorati Suzuki Rit 7 10 7 Rit 14 7 3 15 2 7 81
9   Wilco Zeelenberg Yamaha 8 Rit Rit 1 14 10 8 15 3 10 9 79
10   William Costes Honda 10 5 8 6 3 12 10 12 Rit 9 15 73
11   James Toseland Honda 6 8 11 9 13 13 11 7 Rit 7 22 59
12   Massimo Meregalli Yamaha NP 4 Rit 3 4 5 Rit Rit NP 53
13   Pere Riba Honda 15 Rit 3 10 Rit Rit NQ 7 6 8 50
14   Paolo Casoli Ducati 7 Rit Rit Rit Rit 2 3 NQ 45
15   Christophe Cogan Yamaha 22 Rit 14 NP 5 Rit 14 11 Rit 13 12 27
16   James Whitham Yamaha 1 25
17   Yves Briguet Suzuki 11 Rit 7 8 Rit Rit NP 22
18   Vittorio Iannuzzo Yamaha 18 15 9 13 Rit 8 Rit Rit 16 19 14 21
19   Sébastien Charpentier Honda 24 23 NQ 16 Rit Rit 9 10 14 11 20
20   Karl Harris Suzuki 21 Rit 11 4 18
21   Walter Tortoroglio Suzuki NQ NQ 15 16 6 15 Rit Rit Rit 16 13 15
22   Werner Daemen Yamaha Rit 18 Rit 17 Rit 21 12 16 6 Rit 19 14
23   Karl Muggeridge Honda 17 Rit 4 Rit 13
24   Roberto Panichi Bimota 19 10 12 Rit Rit Rit Rit 13 Rit Rit Rit 13
25   Russell Wood Yamaha 5 11
26   José David de Gea Honda 9 Rit Rit 15 20 17 14 10
27   Camillo Mariottini Kawasaki e Ducati 16 13 Rit Rit Rit 9 16 NP Rit 10
28   Giuseppe Fiorillo Suzuki 23 22 19 7 16 9
29   Andrea Giachino Suzuki 19 8 NP 8
30   Mauro Sanchini Ducati e Suzuki 20 NQ NQ 20 NQ 27 17 Rit 9 24 20 7
31   Stefan Scheschowitsch Suzuki 9 7
32   John Crawford Suzuki 9 7
33   Larry Pegram Ducati 13 12 Rit 7
34   Glen Richards Yamaha 10 6
35   Michael Wohner Yamaha 11 5
36   Francesco Monaco Ducati 21 21 17 Rit 11 18 17 Rit 23 24 5
37   Michele Malatesta Ducati NQ 22 16 Rit 24 15 Rit 12 5
38   Roberto Teneggi Ducati 13 14 Rit 18 NP Rit Rit Rit Rit 16 5
39   Markus Barth Suzuki 12 4
40   Ian Simpson Honda 12 4
41   Graeme van Breda Honda 12 4
42   Brian Parriott Honda 13 3
43   Javier Rodríguez Yamaha 13 3
44   Igor Antonelli Yamaha 22 20 14 18 2
45   Norino Brignola Bimota 23 NQ Rit 14 Rit Rit Rit Rit Rit 2
46   David Checa Ducati 17 20 18 Rit 17 25 19 Rit NQ 15 17 1
47   Marco Borciani Honda NQ NQ 24 15 NQ Rit NQ NQ Rit 27 1
Posizione Pilota Motocicletta                       Punti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.

Sistema di punteggioModifica

Pos. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16>
Punti 25 20 16 13 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0

CostruttoriModifica

Posizione Costruttore                       Punti
1   Yamaha 3 1 1 1 1 1 4 2 1 3 2 235
2   Suzuki 2 2 4 5 2 4 1 1 8 2 3 191
3   Kawasaki 1 3 Rit Rit 10 9 2 20 4 1 1 137
4   Honda 6 5 3 6 3 12 10 7 7 4 8 112
5   Ducati 7 14 16 18 11 2 3 17 12 12 16 60
6   Bimota 19 10 12 14 Rit Rit Rit 13 Rit Rit Rit 15

NoteModifica

  1. ^ (EN) Andrew Martin, Motorcycling: Tragedy tempers Fogarty's triumph, The Independent, 29 marzo 1999. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  2. ^ (FR) Vincent Glon, Championnat du monde de Supersports - 1999, 23 aprile 2011. URL consultato il 29 aprile 2019.

Collegamenti esterniModifica