Apri il menu principale

Campionato mondiale di Formula 1 1953

edizione del mondiale di Formula 1
Campionato mondiale di Formula 1 1953
Edizione nº 4 del Campionato mondiale di Formula 1
Dati generali
Inizio18 gennaio
Termine13 settembre
Prove9
Titoli in palio
PilotiItalia Alberto Ascari
su Ferrari 500 F2
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso
Il vincitore Alberto Ascari su Ferrari 553 F2 durante le prove del GP d'Italia a Monza

La stagione 1953 del Campionato mondiale FIA è stata, nella storia della categoria, la 4a ad assegnare il Campionato Piloti. È iniziata il 18 gennaio ed è terminata il 13 settembre, dopo 9 gare. Il titolo mondiale piloti è andato per la seconda volta all'italiano Alberto Ascari.

Come nel 1952, il campionato fu riservato alle Formula 2, mentre le auto da Formula 1 corsero solo gare non valide per il campionato, che ufficialmente era il "Campionato del Mondo Piloti". Unica eccezione, fu la 500 Miglia di Indianapolis, riservate alle vetture secondo il regolamento tecnico specifico; inoltre, durante la 500 Miglia di Indianapolis, l'annata del mondiale si rivelò tragica, in quanto in Formula 1 si verificarono i primi decessi in pista da parte di Chet Miller durante le prove del 15 maggio e Carl Scarborough durante la gara del 30 maggio.

La Ferrari dominò il campionato, vincendo sette gare su otto disputate con Ascari, Farina e Hawthorn.

Piloti e TeamModifica

Nome del Team Costruttore Modello Motore Gomme Piloti
Alan Brown Cooper T23 Bristol D   Alan Brown
Arthur Legat Veritas Meteor Veritas E   Arthur Legat
Atlantic Stable Cooper T24 Alta D   Peter Whitehead
Automobile Shippers/Casaroll Kurtis Kraft 500A Offenhauser F   Johnny Mantz
  Walt Faulkner
Bardahl/Ed Walsh Kurtis Kraft 4000
500B
Offenhauser F   Sam Hanks
  Cliff Griffith
Baron de Graffenried Maserati A6GCM Maserati P   Toulo de Graffenried
Belanger Motors Kurtis Kraft 500A Chrysler F   Joe Sostilio
Belond Equa-Flow Kurtis Kraft 500B Offenhauser F   Johnnie Parsons
Belond Equa-Flow/Bromme Bromme Offenhauser F   Bob Scott
Blakely Oil Schroeder
Kurtis Kraft

4000
Offenhauser F   Jimmy Bryan
  Johnnie Tolan
Blue Crown Spark Plug/Hopkins Lesovsky Offenhauser F   Bill Taylor
Bob Estes Watson Indy Roadster Offenhauser F   Don Freeland
Bob Gerard Cooper T23 Bristol D   Bob Gerard
Brown Motors Schroeder Offenhauser F   Pat O'Connor
Caccia Motors Schroeder Offenhauser F   Len Duncan
Cal Connell Kurtis Kraft 500B Cadillac F   Bill Homeier
California Speed Maserati 8CTF Maserati F   Joe Barzda
Central Excavating/Pete Salemi Trevis Indycar Offenhauser F   Len Duncan
Chico Landi Maserati A6GCM Maserati P   Chico Landi
Christy Christy Offenhauser F   Wayne Selser
Chrysler/Wolcott Kurtis Kraft 500A Chrysler F   Johnnie Tolan
  George Connor
City of Detroit Kurtis Kraft 4000 Offenhauser F   Eddie Johnson
Clyde Dillon Kurtis Kraft 4000 Offenhauser F   Red Hamilton
Coast Grain Lesovsky Offenhauser F   Bill Homeier
Commercial Motor Freight Ewing D Offenhauser F   Allen Heath
  Connaught Engineering Connaught A Lea-Francis D   Roy Salvadori
  Kenneth McAlpine
  Stirling Moss
  Principe Bira
  Cooper Car Company Cooper T20
T23
Bristol
Alta
D   Alan Brown
  Jean Behra
  Robert Manzon
  Carlos Menditeguy
  Pablo Birger
  Maurice Trintignant
  Stirling Moss
  Ken Wharton
Cop-Sil-Loy/Rotary Engineering Stevens Offenhauser F   Andy Linden
Dean Van Lines Kuzma Indy Roadster Offenhauser F   Bob Sweikert
Dora Greifzu BMW Greifzu BMW D   Rudolf Karl Krause
Dr. R. N. Sabourin Del Roy Offenhauser F   Johnny Thomson
Dunn Engineering Kurtis Kraft 500B Offenhauser F   Johnny Fedricks
Ecurie Belge Connaught A Lea-Francis E   Johnny Claes
  André Pilette
Ecurie Ecosse Cooper
Connaught
T20
A
Bristol
Lea-Francis
D   Jimmy Stewart
  Ian Stewart
Ecurie Espadon Ferrari 166
500
Ferrari P   Kurt Adolff
  Max de Terra
  Peter Hirt
Ecurie Francorchamps Ferrari 500 Ferrari E   Charles de Tornaco
  Jacques Swaters
Ecurie Rosier Ferrari 500 Ferrari D   Louis Rosier
Elie Bayol OSCA 20 OSCA P   Élie Bayol
Emmett Malloy Pankratz Offenhauser F   Bill Cantrell
  EMW Rennkollektiv EMW R2 EMW D   Edgar Barth
Engle-Stanko Kurtis Kraft 4000 Offenhauser F   Pat O'Connor
Equipe Anglaise Cooper T23 Bristol D   Alan Brown
  Equipe Gordini Gordini T15
T16
Gordini E   Harry Schell
  Jean Behra
  Robert Manzon
  Carlos Menditeguy
  Pablo Birger
  Maurice Trintignant
  Roberto Mieres
  Fred Wacker
Ernst Klodwig BMW Heck BMW D   Ernst Klodwig
Erwin Bauer Veritas RS Veritas D   Erwin Bauer
Fadely-Anderson/R.A. Cott Maserati 8CTF Offenhauser F   Spider Webb
Federal Engineering Kurtis Kraft 3000
4000
Offenhauser F   Paul Russo
  Gene Hartley
Fuel Injection/Howard Keck Kurtis Kraft 500A Offenhauser F   Bill Vukovich
George Leitenberger Silnes Offenhauser F   George Fonder
Georges Berger Simca Gordini T15 Gordini E   Georges Berger
Grancor-Elgin Piston Pin Kurtis Kraft 500B Offenhauser F   Fred Agabashian
H.A. Chapman Stevens Offenhauser F   Ernie McCoy
Hans Klenk Veritas Meteor Veritas D   Hans Herrmann
Hans Stuck AFM 6 Bristol D   Hans Stuck
Helin Flyer Snowberger Offenhauser F   Jud Larson
Helmut Niedermayr AFM 6 BMW D   Theo Fitzau
Hopkins/Motor Racers Lesovsky Offenhauser F   Henry Banks
HW Motors HWM 53 Alta D   Lance Macklin
  Peter Collins
  Paul Frère
  Yves Giraud-Cabantous
  Duncan Hamilton
  Jack Fairman
  Albert Scherrer
  John Fitch
J.C. Agajanian Kuzma Indy Roadster Offenhauser F   Chuck Stevenson
  Tony Bettenhausen
Jack Hinkle Kurtis Kraft 4000 Offenhauser F   Jack McGrath
Jeanie-Lee/LeeGlessner Clemons Offenhauser F   Johnny Kay
Jim Robbins Kurtis Kraft 1000 Offenhauser F   Leroy Warriner
John Zink Kurtis Kraft 4000 Offenhauser F   Jerry Hoyt
Kalamazoo/Lee Elkins Turner Offenhauser F   Mike Nazaruk
Karl-Günther Bechem AFM 6 BMW D   Karl-Günther Bechem
Ken Wharton Cooper T23 Bristol D   Ken Wharton
Lindsey Hopkins Moore Offenhauser F   Danny Oakes
Louis Chiron OSCA 20 OSCA P   Louis Chiron
Lubri-Loy/3-L Racing Team Kurtis Kraft 3000 Offenhauser F   Spider Webb
Ludson Morris Kurtis Kraft 2000 Offenhauser F   Eddie Sachs
M.A. Walker Electric Kurtis Kraft 4000 Offenhauser F   Rodger Ward
McNamara/Lee Elkins Kurtis Kraft 2000 Offenhauser F   Carl Scarborough
Mel-Rae/Mel Wiggers Kurtis Kraft 4000 Offenhauser F   Frank Armi
Merkler Machine Works Kurtis Kraft Offenhauser F   Jackie Holmes
Merz Engineering Kurtis Kraft 2000 Offenhauser F   Bill Boyd
Miracle Power Kurtis Kraft
Lesovsky
4000
Offenhauser F   Cal Niday
  Duane Carter
Novi Governor Kurtis Kraft Novi F   Chet Miller
  Duke Nalon
  Officine Alfieri Maserati Maserati A6GCM Maserati P   José Froilán González
  Óscar Gálvez
  Juan Manuel Fangio
  Felice Bonetto
  Onofre Marimon
  Johnny Claes
  Hermann Lang
  Sergio Mantovani
Oswald Karch Veritas RS Veritas D   Oswald Karch
Parks Offenhauser/L.E. Parks Pawl Offenhauser F   Buzz Barton
RJ Chase Cooper T23 Bristol D   Alan Brown
Pat Clancy Kurtis Kraft 500B Offenhauser F   Jimmy Davies
Peter Schmidt Kurtis Kraft
Kuzma
3000
Indy Roadster
Offenhauser F   Pat Flaherty
  Manny Ayulo
Pure Oil/Hart Fullerton Kurtis Kraft 4000 Offenhauser F   Marshall Teague
Ray Brady Kurtis Kraft 4000 Offenhauser F   Art Cross
Ray Crawford Kurtis Kraft 500B Offenhauser F   Bill Holland
Rodney Nuckey Cooper T23 Bristol D   Rodney Nuckey
  RRC Walker Racing Team Connaught A Lea-Francis D   Tony Rolt
Roy Neuman Maserati 8CTF Maserati F   Roy Neuman
Sarafoff Kurtis Kraft 2000 Offenhauser F   Duke Dinsmore
  Scuderia Ferrari Ferrari 500
553
Ferrari P   Nino Farina
  Alberto Ascari
  Mike Hawthorn
  Luigi Villoresi
  Piero Carini
  Umberto Maglioli
Scuderia Milano Maserati A6GCM Maserati P   Principe Bira
  Chico Landi
Sid Street Motors Pankratz Offenhauser F   Potsy Goacher
Slick Racers Kurtis Kraft
Deidt
3000
Tuffanelli Derrico
Offenhauser F   Bill Holland
  Pat O'Connor
Springfield Welding/Paoli Kurtis Kraft 4000 Offenhauser F   Art Cross
Storey-Ricketts Kurtis Kraft 4000 Offenhauser F   Cal Niday
Sumar/Chapman Root Kurtis Kraft 4000 Offenhauser F   Jimmy Daywalt
Theo Helfrich Veritas RS Veritas D   Theo Helfrich
Tony Crook Cooper T20 Bristol D   Tony Crook
Travelon Trailer / Ernest Ruiz Kurtis Kraft 500B Offenhauser F   Jim Rathmann
Traylor Engineering Kurtis Kraft 2000 Offenhauser F   Al Herman
Voelker Voelker Voelker F   Hal Robson
Wayne Johnston Wayne F   Jorge Daponte
William Burns Kurtis Kraft 2000 Offenhauser F   Johnny Roberts
Willi Heeks Veritas Meteor Veritas D   Willi Heeks
Wolfgang Seidel Veritas RS Veritas D   Wolfgang Seidel
Wynn's Friction Proofing / Walsh Moore Offenhauser F   Jim Rathmann

Gare MondialiModifica

Gara Data Circuito Vincitore Costruttore Gomme Resoconto
1   Gran Premio d'Argentina 18 gennaio Buenos Aires   Alberto Ascari   Ferrari P Resoconto
2   500 Miglia di Indianapolis 30 maggio Indianapolis   Bill Vukovich   Kurtis Kraft-Offenhauser F Resoconto
3   Gran Premio d'Olanda 7 giugno Zandvoort   Alberto Ascari   Ferrari P Resoconto
4   Gran Premio del Belgio 21 giugno Spa-Francorchamps   Alberto Ascari   Ferrari P Resoconto
5   Gran Premio di Francia 5 luglio Reims   Mike Hawthorn   Ferrari P Resoconto
6   Gran Premio di Gran Bretagna 18 luglio Silverstone   Alberto Ascari   Ferrari P Resoconto
7   Gran Premio di Germania 2 agosto Nürburgring   Nino Farina   Ferrari P Resoconto
8   Gran Premio di Svizzera 23 agosto Bremgarten   Alberto Ascari   Ferrari P Resoconto
9   Gran Premio d'Italia 13 settembre Monza   Juan Manuel Fangio   Maserati P Resoconto

Gran Premio d'ArgentinaModifica

Buenos Aires - 18 gennaio 1953 - I Gran Premio de la Republica Argentina

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Argentina 1953.

Il Campionato del Mondo 1953 si corre ancora con le Formula 2. Dopo un anno di dominio Ferrari si spera nella nuova Maserati A6CGM e nel ritorno di Fangio proprio con la scuderia italiana. Proprio nel Gran Premio d'Argentina la Maserati porta quattro vetture per Fangio, Gonzalez, Bonetto e Galvez. La Ferrari risponde alla sfida con altrettante vetture, affidate al campione del Mondo Ascari, a Villoresi, Farina e al nuovo acquisto Hawthorn. Iscritte anche quattro Gordini per Behra, Trintignant, Manzon e il locale Menditeguy. Ascari segna il miglior tempo e parte in prima fila davanti a Fangio e i compagni di scuderia Villoresi e Farina. L'inizio della gara è previsto alle 16 ma l'autodromo è già gremito molto tempo prima. I cancelli vengono chiusi ma una massa incredibile di gente preme disperatamente per entrare. Messo al corrente della situazione il presidente Peron dice "I miei ragazzi fateli entrare…". Una marea di pubblico si sparge ovunque, e si corre tra due siepi umane. Ascari scatta in testa mentre la folla avanza sempre più verso la pista, togliendo visibilità. Una ruota si stacca dalla Cooper di Schwelm e vola in mezzo alla folla ferendo varie persone. Poco dopo un bambino attraversa la strada mentre sopraggiunge la Ferrari di Farina, il pilota sterza e finisce in mezzo al pubblico facendo più di dieci morti. Un'autoambulanza che procede in senso contrario alla gara sbanda e uccide altre due persone. Vince Ascari alla settima vittoria consecutiva. Fangio si ritira per rottura di un giunto.

Ordine d'arrivoModifica

  1. Alberto Ascari (Ferrari)
  2. Luigi Villoresi (Ferrari)
  3. José Froilán González (Maserati)
  4. Mike Hawthorn (Ferrari)
  5. Óscar Gálvez (Maserati)

500 Miglia di IndianapolisModifica

Indianapolis Motor Speedway - 30 maggio 1953 - XXXVII Indianapolis International Motor Sweepstakes

 Lo stesso argomento in dettaglio: 500 Miglia di Indianapolis 1953.

Ordine d'arrivoModifica

  1. Bill Vukovich (Kurtis Kraft-Offenhauser)
  2. Art Cross (Kurtis Kraft-Offenhauser)
  3. Sam Hanks e Duane Carter (Kurtis Kraft-Offenhauser)
  4. Fred Agabashian e Paul Russo (Kurtis Kraft-Offenhauser)
  5. Jack McGrath (Kurtis Kraft-Offenhauser)

Gran Premio d'OlandaModifica

Zandvoort - 7 giugno 1953 - IV Grote Prijs van Nederland

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Olanda 1953.

A cinque mesi dall'apertura in Argentina ed una settimana dopo la 500 Miglia di Indianapolis il campionato del Mondo torna sulla pista di Zandvoort nei Paesi Bassi. La Ferrari si presenta con quattro vetture per Ascari, Villoresi, Farina e Hawthorn. La Maserati con tre per Fangio, Gonzalez e Bonetto più la privata per De Graffenried. Gordini presenta Trintignant, Schell e Mieres l'inglese Connaught schiera Moss, Salvadori e McAlpine più la privata di Johnny Claes. Anche questa gara non ha storia. Alberto Ascari parte in testa e arriva in testa mai insidiato da nessuno. Farina è secondo, terza la Maserati di Gonzalez-Bonetto che proprio nel finale con l'argentino alla guida passa la Ferrari di Hawthorn. Ascari è già in testa alla classifica iridata con un nettissimo margine dieci punti su Villoresi e undici su Gonzalez, Hawthorn e Farina.

Ordine d'arrivoModifica

  1. Alberto Ascari (Ferrari)
  2. Nino Farina (Ferrari)
  3. Felice Bonetto e José Froilán González (Maserati)
  4. Mike Hawthorn (Ferrari)
  5. Toulo de Graffenried (Maserati)

Gran Premio del BelgioModifica

Spa-Francorchamps - 21 giugno 1953 - XV Grote Prijs van Belgie

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio del Belgio 1953.

Dopo due settimane dal Gran Premio di Zandvoort la Formula 1 si ritrova sul circuito di Spa per il Gran Premio del Belgio. Per questo GP del Belgio Johnny Claes si presenta con la Maserati ufficiale insieme a Fangio, Gonzalez e Marimon. La Ferrari si presenta Con Ascari, Villoresi, Farina e Hawthorn mentre la Gordini schiera Behra, Trintignant e Schell. Il pilota di casa Paul Frere si schiera con HWM e sarà per questa gara compagno degli inglesi Collins e Macklin. Chiudono lo schieramento piloti privati fra cui spiccha lo svizzero De Graffenried su Maserati. A sorpresa la pole va a Manuel Fangio davanti ad Ascari con l'altra Maserati di Gonzalez a chiudere la prima fila. Le Ferrari di Villoresi e Farina occupano la seconda. I due argentini della Maserati scattano in testa con Fangio poi Gonzalez lo supera. Ascari segue in terza posizione. Ma all'undicesimo giro si rompe l'acceleratore sulla Maserati di Gonzalez. Fangio va in testa con un vantaggio che sembra incolmabile. Ma le Maserati sono veloci ma fragili si ritira anche quella di Fangio. La Maserati allora ferma il belga Claes; Fangio sale sulla vettura e rimonta su Ascari ma nel corso del 35º giro a causa di una macchia d'olio alla curva Stavelot l'argentino perde il controllo ed esce di strada. Ascari vince ancora, secondo è Villoresi terzo Marimon l'allievo di Fangio alla sua seconda esperienza in gare iridate.

Ordine d'arrivoModifica

  1. Alberto Ascari (Ferrari)
  2. Luigi Villoresi (Ferrari)
  3. Onofre Marimón (Maserati)
  4. Toulo de Graffenried (Maserati)
  5. Maurice Trintignant (Gordini)

Gran Premio di FranciaModifica

Reims - 5 luglio 1953 - XL Grand Prix de l'A.C.F.

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Francia 1953.

La rivalità fra Ferrari e Maserati esplode nell'estate del 1953 nel Gran Premio di Francia sul circuito di Reims. Con una bellissima gara risolta soltanto nel finale. Le otto vetture (quattro per Team) occupano i primi otto posti in griglia con Ascari davanti a tutti. In una prima fila con la prima Maserati di Bonetto e la Ferrari di Villoresi, Fangio e Gonzalez sono in seconda fila Farina, Hawthorn e Marimon in terza le prime vetture non ufficiali sono La Maserati di De Graffenried e la Ferrari di Rosier in quarta fila. Gonzalez partito con il serbatoio mezzo vuoto fa la lepre nella prima parte di gara. Dietro le tre Ferrari di Ascari, Farina, Hawthorn e la Maserati di Fangio si scambiano continuamente le posizioni in un susseguirsi di sorpassi e controsorpassi. Ripreso Gonzalez i cinque continuano a scambiarsi le posizioni. Fino a che Hawthorn rompe gli indugi e sembra allungare seguito da Fangio. La gara si deciderà all'ultima curva dove l'inglese avrà ragione di Fangio; Gonzalez arriva ad un solo secondo, Ascari a quattro. È la prima vittoria di Hawthorn in Gran Premio iridato ed era dal 1923 che un inglese non vinceva in Francia.

Ordine d'arrivoModifica

  1. Mike Hawthorn (Ferrari)
  2. Juan Manuel Fangio (Maserati)
  3. José Froilán González (Maserati)
  4. Alberto Ascari (Ferrari)
  5. Nino Farina (Ferrari)

Gran Premio di Gran BretagnaModifica

Silverstone - 18 luglio 1953 - VI R.A.C. British Grand Prix

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Gran Bretagna 1953.

Dopo la bellissima gara di Reims c'è tanta attesa per questo Gran Premio d'Inghilterra. Attesa ancora maggiore visto che in Francia ha vinto L'inglese Hawthorn. Alla gara partecipa anche Jimmy Stewart, fratello di 8 anni maggiore di Jackie che sarà in futuro campione del mondo per tre volte. Jimmy non ha molta fortuna e si ritira per un'uscita di strada a soli 10 giri dal termine. L'incertezza non durò neanche un giro dopo una buona partenza prima della fine del primo giro Fangio fu infilato da Ascari. Il pilota della Ferrari balza in testa e ci rimarrà fino alla fine davanti a Fangio. Dietro Hawthorn perde la terza posizione per un testacoda, Gonzalez appena conquistata la terza piazza deve rallentare per un problema meccanico così che alla fine sarà il vecchio Farina a prendere l'ultimo posto sul podio.

Ordine d'arrivoModifica

  1. Alberto Ascari (Ferrari)
  2. Juan Manuel Fangio (Maserati)
  3. Nino Farina (Ferrari)
  4. José Froilán González (Maserati)
  5. Mike Hawthorn (Ferrari)

Gran Premio di GermaniaModifica

Nürburgring - 2 agosto 1953 - XVI Großer Preis von Deutschland

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Germania 1953.

Ferrari e Maserati si danno adesso appuntamento sul Nurburgring con i soliti quattro piloti per parte. Ascari, Farina, Hawthorn e Villoresi da una parte; Fangio, Marimon, Bonetto e De Graffenried dall'altra. Quest'ultimo per questa gara prende il posto di Gonzalez feritosi in una gara sport a Lisbona. Il resto sembrano essere solo numeri con tre Gordini e una vasta serie di vetture di Formula 2 ad arricchire lo schieramento. In prova Ascari è l'unico a scendere sotto i dieci minuti. In prima fila accanto a lui Fangio su Maserati e i compagni di squadra Farina ed Hawthorn. In seconda fila La Maserati di Bonetto la Ferrari di Hawthorn e la Gordini di Trintignant. Alla partenza Fangio prende la testa seguito da Ascari ma già alla fine del primo giro l'italiano ha preso il comando. Dietro Ascari, Fangio ed Hawthorn lottavano fra loro a suon di sorpassi. Al quinto giro Ascari passa davanti al box su tre ruote. "Solo la sua grande abilità - scrisse Fangio - valse ad evitare una catastrofe. Seppe rimanere in equilibrio evitando un quasi certo capottamento" Passa in testa Hawthorn davanti a Fangio ma dietro rinviene forte Farina che all'ottavo giro passa in testa. Ascari salito poi sulla vettura di Villoresi dà vita ad un inseguimento che lo porta a migliorare per tre volte il giro più veloce. Ma poi deve ritirarsi con il motore della sua Ferrari 500 in fumo. Farina va a vincere davanti a Fangio, Hawthorn e Bonetto. L'italiano dedica la vittoria ad un piccolo uomo ammalato che ha solo nove giorni di vita: Tazio Nuvolari.

Ordine d'arrivoModifica

  1. Nino Farina (Ferrari)
  2. Juan Manuel Fangio (Maserati)
  3. Mike Hawthorn (Ferrari)
  4. Felice Bonetto (Maserati)
  5. Toulo de Graffenried (Maserati)

Gran Premio di SvizzeraModifica

Bremgarten - 23 agosto 1953 - XIII Großer Preis der Schweiz

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio di Svizzera 1953.

La lotta fra Ferrari e Maserati si trasferisce sul circuito svizzero di Berna. Fangio fa la pole davanti alle Ferrari di Ascari e Farina. In seconda fila la Gordini di Trintignant si inserisce nella lotta fra le due scuderie con il quarto tempo davanti a Marimon. Con Froilan Gonzalez ancora out la Maserati per questa gara affida una vettura ufficiale al tedesco Lang. Fangio parte bene ma subito fora una gomma ed Ascari vola in testa davanti al compagno di team Farina. Al 47º giro il campione del mondo si ferma ai box per noie all'accensione, quando riparte è terzo dietro a Farina e Hawthorn. Mancano una ventina di giri alla fine e al box Ferrari viene esposta la bandiera gialla/Azzurra che significa di mantenere le posizioni. Farina crede di avere la gara in pugno, Hawthron si accontenta del secondo posto. Ascari invece è lanciatissimo e dopo qualche giro li supera entrambi e va a vincere. Ascari e così Campione del Mondo per la seconda volta consecutiva.

Ordine d'arrivoModifica

  1. Alberto Ascari (Ferrari)
  2. Nino Farina (Ferrari)
  3. Mike Hawthorn (Ferrari)
  4. Juan Manuel Fangio e Felice Bonetto (Maserati)
  5. Hermann Lang (Maserati)

Gran Premio d'ItaliaModifica

Monza - 13 settembre 1953 - XXIV Gran Premio d'Italia

 Lo stesso argomento in dettaglio: Gran Premio d'Italia 1953.

Nonostante Ascari sia già campione del mondo la sfida fra Ferrari e Maserati continua più che mai nel GP di casa. Nel Gran Premio di Monza la Ferrari si schiera con ben sei vetture oltre alle solite per Ascari, Hawthorn, Farina e Villoresi ci sono anche due Ferrari 553 per Carini e Maglioli. La Maserati perdurando l'infortunio a Gonzalez schiera oltre a Fangio, Marimon, Bonetto e De Graffenried anche una vettura per le giovani speranze Mantovani e Musso. Dopo le prove davanti a tutti la Ferrari di Ascari, con la Maserati di Fangio e la Ferrari di Farina in prima fila. Seconda per la Maserati di Marimon, e le Ferrari di Hawthorn e Villoresi. Terza per le altre due Maserati di De Graffenried e Bonetto con la solita Gordini di Trintignant. La corsa offre uno spettacolo unico, i tre campioni del Mondo Ascari, Fangio e Farina si involano in testa e si scambiano continuamente le posizioni. Farina passa davanti a tutti per nove volte, Fangio per dodici, Ascari per ben 59 volte. La gara come era logico si decide in volata all'ultima curva dell'ultimo giro. Ascari l'affronta per primo a velocità troppo sostenuta, la macchina perde aderenza e va in testacoda, il doppiato Marimon gli piomba addosso. Farina che si trova all'esterno si butta coraggiosamente fuori pista per non finire nel mucchio. Fangio trova un improbabile pertugio fra le vetture incidentate e va a vincere davanti a Farina ed Hawthorn. Per la Maserati è la prima vittoria iridata, Fangio torna a vincere dopo due anni e sembra annunciare a tutti che il 1954 lo vedrà tornare ai vertici.

Ordine d'arrivoModifica

  1. Juan Manuel Fangio (Maserati)
  2. Nino Farina (Ferrari)
  3. Luigi Villoresi (Ferrari)
  4. Mike Hawthorn (Ferrari)
  5. Maurice Trintignant (Gordini)

Gare non valevoli per il Campionato MondialeModifica

Nome Circuito Data Vincitore Costruttore
  III Gran Premio di Siracusa Siracusa 22 marzo   Toulo de Graffenried   Maserati
  XIV Grand Prix de Pau Pau 6 aprile   Alberto Ascari   Ferrari
  V Lavant Cup Goodwood 6 aprile   Toulo de Graffenried   Maserati
  II Aston Martin Owners Club F2 Race Snetterton 18 aprile   Eric Thompson   Connaught-Lea Francis
  III Grand Prix de Bordeaux Bordeaux 3 maggio   Alberto Ascari   Ferrari
  I Strassen-Rennen Karl-Marx-Stadt Karl-Marx-Stadt 3 maggio   Rudolf Karl Krause   BMW-Reif
  V BRDC International Trophy Silverstone 9 maggio   Mike Hawthorn   Ferrari
  XV Eläintarhanajot Eläintarharata 10 maggio   Rodney Nuckey   Cooper-Bristol
  VI Gran Premio di Napoli Posillipo 10 maggio   Nino Farina   Ferrari
  VII Ulster Trophy Dundrod 16 maggio   Mike Hawthorn   Ferrari
  I Winfield JC Formula 2 Race Charterhall 23 maggio   Ken Wharton   Cooper-Climax
  III Coronation Trophy Crystal Palace 23 maggio   Tony Rolt   Connaught-Lea Francis
  XXIII Grand Prix des Frontières Chimay 24 maggio   Maurice Trintignant   Gordini
  I Snetterton Coronation Trophy Snetterton 30 maggio   Tony Rolt   Connaught-Lea Francis
  XVII Internationales ADAC Eifelrennen Nürburgring 31 maggio   Toulo de Graffenried   Maserati
  XV Grand Prix de l'Albigeois Albi 31 maggio   Louis Rosier   Ferrari
  I Coupe de Printemps Montlhéry 31 maggio   Marcel Balsa   BMW
  I Paul Greifzu Gedachtnisrennen Dessau 7 giugno   Edgar Barth   EMW
  II West Essex CC Race Snetterton 27 giugno   Kenneth McAlpine   Connaught-Lea Francis
  I Midlands MECC Race Silverstone 27 giugno   Tony Crook   Cooper-Alta
  III Grand Prix de Rouen-les-Essarts Rouen-les-Essarts 28 giugno   Nino Farina   Ferrari
  IV Strassen-rennen Halle-Saale-Schleife Halle-Saale-Schleife 5 luglio   Edgar Barth   EMW
  I Crystal Palace Trophy Crystal Palace 11 luglio   Tony Rolt   Connaught-Lea Francis
  IX Internationales Avusrennen AVUS 12 luglio   Jacques Swaters   Ferrari
  II United States Air Force Trophy Snetterton 25 luglio   Tony Rolt   Connaught-Lea Francis
  V Circuit du Lac Aix-les-Bains 26 luglio   Élie Bayol   OSCA
  I Dresden Autobahn-spinne Dresden-Hellerau 26 luglio   Edgar Barth   EMW
  I Bristol MC & LCC Race Thruxton 3 agosto   Tony Rolt   Connaught-Lea Francis
  I Mid-Cheshire MC Race Oulton Park 8 agosto   Tony Rolt   Connaught-Lea Francis
  III Grand Prix de Sables d'Olonne Les Sables-d'Olonne 9 agosto   Louis Rosier   Ferrari
  II Newcastle Journal Trophy Charterhall 15 agosto   Ken Wharton   Cooper-Bristol
  V Circuit de Cadours Cadours 30 agosto   Maurice Trintignant   Gordini
  V Sachsenringrennen Sachsenring 6 settembre   Edgar Barth   EMW-BMW
  I RedeX Trophy Snetterton 12 settembre   Eric Thompson   Connaught-Lea Francis
  III Skarpnäcksloppet Skarpnäck 13 settembre   Erik Lundgren   Ford
  I London Trophy Crystal Palace 19 settembre   Stirling Moss   Cooper-Alta
  IV Gran Premio di Modena Modena 20 settembre   Juan Manuel Fangio   Maserati
  VI Madgwick Cup Goodwood 26 settembre   Roy Salvadori   Connaught-Lea Francis
  II Bernau Autobahnschleife Bernau 27 settembre   Artur Rosenhammer   EMW
  II Joe Fry Memorial Trophy Castle Combe 3 ottobre   Bob Gerard   Cooper-Bristol
  I Curtis Trophy Snetterton 17 ottobre   Bob Gerard   Cooper-Bristol

Classifica pilotiModifica

Il sistema di punteggio prevedeva l'attribuzione ai primi cinque classificati rispettivamente di 8, 6, 4, 3 e 2 punti. I punti venivano divisi equamente tra i piloti alla guida di una vettura condivisa; in questi casi il piazzamento a punti è indicato con il simbolo ‡ in tabella. Un punto aggiuntivo veniva assegnato al detentore del giro più veloce; questo punto veniva spartito tra i piloti detentori del medesimo giro veloce. Per la classifica finale valevano i migliori quattro risultati; nella colonna Punti sono indicati i punti effettivamente validi per il campionato, tra parentesi i punti totali conquistati.

Pos. Pilota                   Punti
1   Alberto Ascari 1 1 1 4 1 8 1 Rit 34,5 (46,5)
2   Juan Manuel Fangio Rit Rit Rit 2 2 2 4 1 28 (29,5)
3   Nino Farina Rit 2 Rit 5 3 1 2 2 26 (32)
4   Mike Hawthorn 4 4 6 1 5 3 3 4 19 (27)
5   Luigi Villoresi 2 Rit 2 6 Rit 8 6 3 17
6   José Froilán González 3 3 ‡ Rit 3 4 13,5 (14,5)
7   Bill Vukovich 1 9
8   Toulo de Graffenried 5 4 7 Rit 5 Rit Rit 7
9   Felice Bonetto Rit 3 ‡ Rit 6 4 4 ‡ Rit 6,5
10   Art Cross 2 6
11   Onofre Marimón 3 9 Rit Rit Rit Rit 4
12   Maurice Trintignant 7 6 5 Rit Rit Rit Rit 5 4
13   Sam Hanks 3 ‡ 2
=   Duane Carter 3 ‡ 2
=   Óscar Gálvez 5 2
=   Jack McGrath 5 2
=   Hermann Lang 5 2
18   Fred Agabashian 4 ‡ 1,5
=   Paul Russo 4 ‡ 1,5
  Stirling Moss 9 Rit 6 13 0
  Jean Behra 6 Rit 10 Rit Rit Rit 0
  Roberto Mieres NC Rit 6 0
  Jimmy Daywalt 6 0
  Harry Schell 7 Rit 7 Rit Rit Rit 9 0
  Louis Rosier 7 8 8 10 10 Rit 16 0
  Ken Wharton Rit Rit 8 7 NC 0
  Prince Bira Rit 7 Rit 11 0
  Jacques Swaters 7 Rit 0
  Jim Rathmann 7 0
  Eddie Johnson 7 0
  Sergio Mantovani 7 0
  Luigi Musso 7 0
  Peter Collins 8 Rit 13 Rit 0
  John Barber 8 0
  Ernie McCoy 8 0
  Max de Terra 8 0
  Umberto Maglioli 8 0
  Alan Brown 9 Rit Rit 12 0
  Tony Bettenhausen 9 0
  Chuck Stevenson 9 0
  Gene Hartley 9 0
  Fred Wacker 9 0
  Peter Whitehead 9 0
  Hans Herrmann 9 0
  Albert Scherrer 9 0
  Louis Chiron 15 10 0
  Paul Frère 10 Rit 0
  Jimmy Davies 10 0
  Bob Gerard 11 Rit 0
  Duke Nalon 11 0
  André Pilette 11 0
  Rodney Nuckey 11 0
  Johnny Claes NC Rit 12 Rit Rit 0
  Carl Scarborough 12 0
  Bob Scott 12 0
  Theo Helfrich 12 0
  Ken McAlpine Rit Rit 13 NC 0
  Manny Ayulo 13 0
  Yves Giraud-Cabantous 14 15 0
  Hans Stuck Rit 14 0
  Jimmy Bryan 14 0
  Rudolf Karl Krause 14 0
  Bill Holland 15 0
  Ernst Klodwig 15 0
  Rodger Ward 16 0
  Andy Linden 16 0
  Duke Dinsmore 16 0
  Wolfgang Seidel 16 0
  Walt Faulkner 17 0
  Johnny Mantz 17 0
  Jack Fairman Rit NC 0
  Lance Macklin Rit Rit Rit Rit Rit Rit 0
  Roy Salvadori Rit Rit Rit Rit Rit 0
  Elie Bayol Rit Rit 0
  Chico Landi Rit Rit 0
  Robert Manzon Rit 0
  Carlos Menditeguy Rit 0
  Pablo Birger Rit 0
  Adolfo Schwelm Cruz Rit 0
  Marshall Teague Rit 0
  Travis Webb Rit 0
  Jackie Holmes Rit 0
  Bob Sweikert Rit 0
  Mike Nazaruk Rit 0
  Pat Flaherty Rit 0
  Jerry Hoyt Rit 0
  Johnnie Parsons Rit 0
  Don Freeland Rit 0
  Cal Niday Rit 0
  Johnny Thomson Rit 0
  Georges Berger Rit 0
  Arthur Legat Rit 0
  Jimmy Stewart Rit 0
  Tony Rolt Rit 0
  Ian Stewart Rit 0
  Duncan Hamilton Rit 0
  Tony Crook Rit 0
  Edgar Barth Rit 0
  Oswald Karch Rit 0
  Willi Heeks Rit 0
  Theo Fitzau Rit 0
  Kurt Adolff Rit 0
  Karl-Günther Bechem Rit 0
  Erwin Bauer Rit 0
  Ernst Loof Rit 0
  Peter Hirt Rit 0
  Piero Carini Rit 0
  John Fitch Rit 0
  Henry Banks NQ 0
  Chet Miller NQ 0
  Joe Sostilio NQ 0
  Cliff Griffith NQ 0
  George Connor NQ 0
  Pat O'Connor NQ 0
  Len Duncan NQ 0
  Eddie Sachs NQ 0
  Buzz Barton NQ 0
  Potsy Goacher NQ 0
  Bill Taylor NQ 0
  Bill Cantrell NQ 0
  Roy Newman NQ 0
  Leroy Warriner NQ 0
  Johnny Fedricks NQ 0
  Hal Robson NQ 0
  Danny Oakes NQ 0
  Allen Heath NQ 0
  Johnnie Tolan NQ 0
  Johnny Kay NQ 0
  Joe Barzda NQ 0
  Wayne Selser NQ 0
  George Fonder NQ 0
  Frank Armi NQ 0
  Johnny Roberts NQ 0
  Bill Homeier NQ 0
  Bill Boyd NQ 0
  Red Hamilton NQ 0
  Al Herman NQ 0
  Jorge Daponte NQ 0
  Jud Larson NQ 0
Pos. Pilota                   Punti
Legenda Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1