Coordinate: 45°46′10.63″N 13°21′11.52″E / 45.76962°N 13.3532°E45.76962; 13.3532

Il canale Anfora, visto dal fiume Terzo

Il canale Anfora è un canale artificiale situato al confine dei comuni di Aquileia e Terzo di Aquileia, in provincia di Udine.

Il canale risale all'età romana: apprestato inizialmente per scopi di bonifica, diventò una via navigabile che garantiva l'accesso alla città.[1]

Il toponimo non è originale, ma sembra derivare dai frequenti ritrovamenti di anfore durante il periodo medievale.

GeografiaModifica

Attualmente, il canale Anfora si diparte dal fiume Terzo e si interrompe dopo quasi 5 km di corso pressoché rettilineo in direzione ovest/sud/ovest, fra la località Durida (45°46′10.63″N 13°21′11.52″E / 45.769619°N 13.3532°E45.769619; 13.3532) e la località Anfora (45°45′31.68″N 13°18′49.21″E / 45.7588°N 13.313669°E45.7588; 13.313669).

Il canale attraversa solamente zone agricole ed è delimitato da argini, ricoperti di canneti e alberi spontanei, di rifugio alla fauna locale.

La parte finale fu interrata negli anni sessanta del secolo scorso, impendendo il precedente sbocco delle acque all'estremo occidentale della laguna di Grado, a breve distanza dalla foce dell'Aussa/Corno. Le idrovore di località Anfora regolamentano lo scambio di acque del canale Anfora con i canali Principale e Panigai.

La larghezza dell'alveo varia da 25 a meno di 10 metri (nella parte finale) e risulta navigabile solo per piccole imbarcazioni con pescaggio molto limitato.

StoriaModifica

Il canale Anfora fu scavato dai Romani nel II secolo a.C.[2], e divenne una via di comunicazione fra la città romana e la laguna in uso fino alla metà del III secolo d.C.[3] Già durante il II secolo d.C., l'alveo aveva cominciato lentamente a riempirsi di sedimenti.

Durante il III secolo, il canale fu intenzionalmente interrato con sabbia, pietre e mattoni, probabilmente in occasione dell'assedio del 238 portato da parte di Massimino il Trace[4].

Durante gli anni sessanta del secolo scorso, la parte finale fu definitivamente interrata, interrompendo così il flusso d'acqua fra il fiume Terzo e la laguna e diminuendo così drasticamente il naturale ricambio d'acqua del canale. Dalle foto aeree/satellitari risulta evidente il cambio di colore del fiume Terzo prima e dopo l'incontro con il canale Anfora.

Attualmente, il canale Anfora rappresenta il confine amministrativo fra i comuni di Aquileia e Terzo di Aquileia.

NoteModifica

  1. ^ http://www.treccani.it/enciclopedia/aquileia_%28Enciclopedia-dell%27-Arte-Antica%29/
  2. ^ Copia archiviata, su cbbf.it. URL consultato il 3 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2015).
  3. ^ http://www.oeai.at/index.php/555.html)
  4. ^ Copia archiviata, su cbbf.it. URL consultato il 3 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  Portale Friuli-Venezia Giulia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Friuli-Venezia Giulia