Apri il menu principale
Canale Battaglia
StatoItalia Italia
RegioniVeneto Veneto
ProvincePadova Padova
Lunghezza17,69 km[1]
NasceBacchiglione tra Paltana e Bassanello di Padova
Sfociacanale Vigenzone

Il canale Battaglia o di Battaglia è un corso d'acqua artificiale del Veneto.

Si dirama dal Bacchiglione a sudovest del centro storico di Padova, tra le località Paltana e Bassanello. Pressoché rettilineo, si muove verso sud-sudest sfiorando Mandria, Mandriola e Mezzavia. Dopo aver lambito Battaglia Terme (che gli dà il nome), si unisce al canale Bisatto per formare il canale Vigenzone.

Cenni storiciModifica

Scavato tra il 1189 ed il 1201 dai Padovani, permise di ottimizzare la bonifica del territorio circostante e di unire più facilmente Padova con le città fortificate di Monselice ed Este. Fu per secoli una fondamentale via commerciale per collegare i Colli Euganei a Padova e Venezia (tra le merci trasportate, la trachite estratta nella zona).

Sono numerosi i ponti e le ville che si affacciano alle sue rive. Durante l'epoca della Serenissima Repubblica di Venezia il corso d'acqua permise a molti signori veneziani di raggiungere le residenze estive via barca.

Dal Bassanello s'incontra, subito dopo il ponte della tangenziale sud di Padova sul lato sinistro del canale, nel comune di Albignasego Villa Mandriola. Mentre nelle immediate vicinanze del ponte della Cagna che collega le località di Mandriola e Mandria sulla sponda destra, sorge Villa Molin.

Quindi è la volta del ponte della Fabbrica, tra Albignasego e Abano Terme e, successivamente, giungendo nella località di Mezzavia (il cui nome deriva dal fatto che si trovasse a metà strada fra Roma e Vienna), dell'omonimo ponte che collega i comuni di Due Carrare a Montegrotto Terme in prossimità del quale è stato costruito un pontile d'imbarco.

Dopo circa 4 km si incontra dapprima il ponte del Catajo (1853) e l'omonimo castello, quindi in località Pigozzo, la chiesa dedicata all'Annunciazione di Maria. Il canale di Battaglia giunge finalmente nell'omonimo paese per formare, con il canale Bisatto proveniente da sud, il canale Vigenzone attraverso una conca di navigazione.

NoteModifica

  1. ^ Elenco corsi d'acqua della rete idrografica regionale (PDF), su Piano straordinario triennale interventi di difesa idrogeologica, Regione Veneto. URL consultato il 15 dicembre 2014.

Altri progettiModifica

  Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Veneto