Candice Bergen

attrice statunitense

Candice Patricia Bergen (Los Angeles, 9 maggio 1946) è un'attrice statunitense.

Candice Bergen nel 2006

BiografiaModifica

Il padre Edgar Bergen, figlio di immigrati svedesi, era un famoso ventriloquo e conduceva una trasmissione radiofonica, mentre la madre, Frances Westerman, era una ex modella ed attrice. Candice debutta a 6 anni nella trasmissione del padre e compie i suoi studi presso alcune delle scuole più rinomate come Westlake a Los Angeles, la Cathedral School a Washington, e la Montesano School in Svizzera. Frequenta anche l'Università della Pennsylvania, ma non termina gli studi a causa dei voti troppo bassi. Durante quel periodo lavora come modella per la famosa agenzia Ford e grazie ai guadagni ottenuti può acquistare le attrezzature per un'altra delle sue grandi passioni: la fotografia, di cui fa una professione vera e propria.

 
Candice Bergen agli Emmy Awards del 1993

Nel 1969 si fidanza con il musicista e produttore discografico Terry Melcher, con il quale abita nella villa al 10050 di Cielo Drive, fino a pochissimo tempo prima della strage voluta dalla setta satanica guidata da Charles Manson. Si ritiene che il vero obiettivo della strage fosse proprio Melcher, e non Sharon Tate e le altre vittime, e ciò a causa di alcune incomprensioni sorte tra Melcher e Manson, che voleva diventare un musicista e paroliere di professione.

Nel 1973 la Bergen si fidanza per un periodo con il segretario di Stato statunitense Henry Kissinger. Nel 1980 sposa il regista Louis Malle, da cui ha la figlia Chloe, nata nel 1985. Quando Malle si ammala gravemente, l'attrice si allontana dal mondo dello spettacolo per poi tornare dopo la scomparsa del marito, avvenuta nel 1995. Dal 2000 è sposata con l'immobiliarista e filantropo americano Marshall Rose. È un'attivista del sindacato degli attori statunitensi.

In questi ultimi anni ha avviato un'attività di decorazione di borse, abbigliamento, custodie per telefoni, cuscini, piatti e opere d'arte da parete, con vari soggetti come animali e cibo, a fini di beneficenza. Intende avviare, sempre a scopo di beneficenza, una linea per bambini.

CarrieraModifica

 
Candice e la madre Frances Bergen ai Premi Oscar 1990

Paragonata a Grace Kelly per la sua bellezza glaciale e sofisticata, debutta sul grande schermo nel 1966 nel film Il gruppo di Sidney Lumet, ove interpreta una giovane fredda ed ambigua che va a convivere con una baronessa tedesca. Prosegue la sua carriera con ruoli importanti in film quali Quelli della San Pablo (1966) di Robert Wise, ove ha come partner Steve McQueen, Il giorno in cui i pesci uscirono dal mare (1967) di Mihalis Kakogiannis e L'impossibilità di essere normale (1970) di Richard Rush. Raggiunge il successo internazionale con Soldato blu (1970) di Ralph Nelson, e nel 1971 recita in Conoscenza carnale di Mike Nichols, accanto a Jack Nicholson, Art Garfunkel ed Ann Margret. Si fa notare anche in Appuntamento con una ragazza che si sente sola (1971) di Herbert Ross, Il vento e il leone (1975) con Sean Connery, Stringi i denti e vai! (1975) di Richard Brooks, Il principio del domino: la vita in gioco (1977) di Stanley Kramer.

Nel 1978 affianca Ryan O'Neal in Oliver's Story di John Korty. L'anno seguente ottiene una candidatura all'Oscar alla miglior attrice non protagonista per E ora: punto e a capo di Alan J. Pakula, mentre nel 1981 viene scelta da George Cukor, alla sua ultima regia, per recitare nel film intimista Ricche e famose accanto a Jacqueline Bisset. Lavora anche in Francia nel film Vivere per vivere (1967) di Claude Lelouch, e in Italia in La fine del mondo nel nostro solito letto in una notte piena di pioggia (1978) di Lina Wertmüller.

Dopo aver recitato in Gandhi (1982) di Richard Attenborough e Scherzare col fuoco (1985) di Burt Reynolds, dalla metà degli anni ottanta la Bergen inizia a diradare le sue apparizioni sul grande schermo per privilegiare l'impegno in teatro e alla televisione. Nel 1985 debutta a Broadway nella commedia nera Hurlyburly, in cui prende il posto di Sigourney Weaver. Già attiva sul piccolo schermo negli anni sessanta, nel 1988 ottiene una parte da protagonista nella serie Murphy Brown, dove veste i panni di una cinica e agguerrita conduttrice televisiva, personaggio che continua ad interpretare con successo fino al 1998. Per questo ruolo vincerà cinque Emmy Awards e due Golden Globe. Nel 2000 recita in Miss Detective con Sandra Bullock e Michael Caine, mentre nel 2002 in Tutta colpa dell'amore con Reese Witherspoon, e nel 2003 in Matrimonio impossibile con Michael Douglas. Nel 2018 affianca Jane Fonda, Diane Keaton e Mary Steenburgen nella commedia Book Club - Tutto può succedere di Bill Holderman.

Dal 2005 al 2008 recita nel serial televisivo Boston Legal dove interpreta l'avvocato Shirley Schmidt, accanto a William Shatner e James Spader. Contemporaneamente alla sua carriera di attrice, si crea un nome come fotografa, lavorando per importanti riviste americane, quali Life, Playboy ed Esquire. È stata anche la prima donna a condurre lo show televisivo Saturday Night Live.

FilmografiaModifica

AttriceModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DoppiatriceModifica

  • I Griffin (Family Guy) - serie TV, 2 episodi (2000)

TeatroModifica

RiconoscimentiModifica

Doppiatrici italianeModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi lavori, Candice Bergen è stata doppiata da:

  • Melina Martello ne Il gruppo, Quelli della San Pablo, Il vento e il leone, Una hostess tra le nuvole, The Women, Sex and the City (film), Sex and the City (st. 6), Natale con i tuoi, L'eccezione alla regola, The Meyerowitz Stories
  • Ada Maria Serra Zanetti in Appuntamento con una ragazza che si sente sola, Miss Detective, Murphy Brown, Dr. House - Medical Division
  • Maria Pia Di Meo in E ora: punto e a capo, Ricche e famose, Gandhi, Scherzare col fuoco, Tutta colpa dell'amore, Matrimonio impossibile
  • Rita Savagnone in Soldato blu, Il giorno dei lunghi fucili, Le signore di Hollywood, Battle Creek
  • Angiola Baggi in Sex and the City (st. 5), Law & Order - Il verdetto, Il caso Novack
  • Ludovica Modugno in Bride Wars - La mia migliore nemica, 40 sono i nuovi 20, Lasciali parlare
  • Vittoria Febbi in Conoscenza carnale, Il principio del domino - La vita in gioco
  • Valeria Falcinelli in Casa d'appuntamento di Mayflower Madam, Footsteps - I passi dell'assassino
  • Maria Teresa Letizia in La spada di Merlino
  • Solvejg D'Assunta in Sex and the City (st. 4)
  • Antonella Giannini in Will & Grace
  • Serena Verdirosi in Boston Legal
  • Rossella Izzo in Book Club - Tutto può succedere

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN85818314 · ISNI (EN0000 0000 8161 1890 · SBN IT\ICCU\CFIV\074386 · LCCN (ENn83233507 · GND (DE137433433 · BNF (FRcb13891386f (data) · BNE (ESXX1298582 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n83233507