Apri il menu principale
Cantine Pellegrino
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaAzienda privata
Fondazione1880 a Marsala
Fondata daPaolo Pellegrino
Sede principaleMarsala
Persone chiave
SettoreAlimentare
Prodottivini da tavola e liquorosi
Sito web

Carlo Pellegrino & C. Spa è un'azienda vinicola siciliana con sede a Marsala, fondata nel 1880 da Paolo Pellegrino e specializzata nella produzione di vini da tavola, vini dolci (tra cui il passito di Pantelleria) e vini Marsala.

Indice

StoriaModifica

 
Le cantine storiche Carlo Pellegrino & C. Spa a Marsala

La storia delle Cantine Pellegrino ha inizio nel 1880, esattamente 20 anni dopo lo sbarco di Giuseppe Garibaldi a Marsala: il notaio e viticoltore Paolo Pellegrino, con l'aiuto del figlio Carlo, fondò la casa dotandola del suo primo stabilimento. Nel giro di pochi anni, da azienda a conduzione familiare, Cantine Pellegrino diventò una delle più importanti industrie enologiche di Marsala.

Con la scomparsa di Paolo Pellegrino, le redini dell'azienda passarono al figlio Carlo e alla moglie Josephine Despagne, gentildonna francese, figlia dell'enotecnico Oscar Pierre Despagne, originario del Sauternais. Il figlio di Carlo e Josephine, Paolo Pellegrino, assunse successivamente la direzione tecnico-amministrativa dell'azienda insieme al cognato Vincenzo Alagna. Il Cavaliere del Lavoro Benedetto Tumbarello, marito di Agata Pellegrino, è stato presidente dell'azienda fino al 1996,[1] mentre Michele Sala (marito di una delle figlie Tumbarello, Doretta) è stato amministratore delegato fino al 2008.[2] Da quella data, i ruoli di presidente e amministratore delegato sono coperti rispettivamente da Pietro Alagna e Benedetto Renda (marito di un'altra figlia Tumburello, Caterina).

Poli produttiviModifica

Cantine storiche

 
La cantina di Pantelleria di Carlo Pellegrino & C. Spa

Le Cantine Storiche della Carlo Pellegrino & C. Spa nascono al centro della città di Marsala, su una superficie di oltre 30.000 m² con una capacità di circa 200.000 ettolitri, di cui oltre 40.000 hl in rovere. La moderna linea di imbottigliamento, ampliata nel 2007, ha una capacità produttiva media di 11.000 pezzi/ora. La Carlo Pellegrino & C. Spa ha realizzato il recupero di due vecchi silos costruiti negli anni cinquanta e in uso fino al 1990, trasformandoli in un moderno edificio di quattro piani per la degustazione dei vini. All'interno delle Cantine è oggi possibile consultare l'Archivio Ingham-Whitaker, racchiuso all'interno di 110 volumi contenenti la corrispondenza commerciale che consente di ricostruire le rotte e le storie degli scambi commerciali tra la Sicilia e il resto del modo occidentale del XIX secolo. Le Cantine ospitano una preziosa collezione di carretti siciliani della zona di Bagheria e Alcamo in buono stato di conservazione. Al loro interno è inoltre possibile osservare il calco della nave punica di Mothia: l'azienda ha infatti patrocinato l'organizzazione del recupero della nave, curando il trattamento chimico per la conservazione della stessa, custodita dal 1978 nel Museo archeologico Baglio Anselmi di Marsala.

Cantina di C/da Cardilla
La Cantina di Cardilla, inaugurata con la vendemmia del 2004, è situata nelle periferie di Marsala. Nel 2006 è stata raddoppiata la dimensione della struttura, che ad oggi vanta una capacità di circa dodicimila ettolitri. Nel 2010 è iniziata l'opera di ristrutturazione della bariccaia: l'idea alla base dei lavori è stata quella di riuscire a coniugare in un unico progetto lo stile moderno di tecnologie innovative con l'intento di recupero dell'aspetto culturale del vino. Questo concetto si è tradotto in scelte architettoniche precise, come ad esempio, la struttura ad anfiteatro. La sala ospita 17 botti di rovere francese cru d'Allier da 20 ettolitri ciascuna e 120 barriques da 225 litri cadauna e si estende su una superficie di 670 m² circa.

Cantina di Pantelleria
La cantina di Pantelleria, realizzata nel 1992, è una struttura di vinificazione con 32 cisterne in acciaio inox, per una capacità di 10.760 hl. Al suo interno si producono i moscati e i passiti di Pantelleria DOC.[1]

SponsorizzazioniModifica

Nel 2017 le Cantine Pellegrino hanno finanziato a Marsala il restauro della Nave Punica.[3]

NoteModifica

  1. ^ a b Le cantine che hanno fatto l'Italia: Pellegrino, su civiltadelbere.com. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  2. ^ Mauro Castelli, Una marcia in più, Milano, Il Sole 24 Ore, 2006, p.19.
  3. ^ Le Cantine Pellegrino hanno finanziato il restauro della Nave Punica, su siciliawinefood.it. URL consultato il 22 dicembre 2017.

BibliografiaModifica

  • Mauro Castelli, Pellegrino, che fior di marsala... in Una marcia in più, Milano, Il Sole 24 Ore, 2006. ISBN 88-8363-764-X

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aziende