Apri il menu principale

Capo di Fiume

frazione del comune italiano di Capaccio
(Reindirizzamento da Capodifiume)

ToponimoModifica

Il toponimo deriva dal latino Caput aquae in quanto nella zona si trova la sorgente di un corso d'acqua.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

L'abitato è situato in zona pianeggiante a 31 m s.l.m. circa, alle pendici del Monte Calpazio fra le borgate Rettifilo/Vannulo, Cafasso Borgo Nuovo, Spinazzo/Varco Cilentano e Vuccolo Maiorano. In base all'ultimo censimento (2001) ha 211 abitanti.

ClimaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Capaccio.

Infrastrutture e trasportiModifica

Principali arterie stradali sono la Strada statale 166 degli Alburni, lungo cui il borgo si sviluppa, e le SP 13, 316 e 318.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Al centro della sorgente sono ancora visibili i resti di un santuario databile al IV secolo a.C. dedicato ad una divinità femminile, si presume Demetra o Persefone. La colonna che s'intravede nella foto, oltre a rappresentare e testimoniare antiche civiltà passate, di fatto era anche diventata un simbolo contemporaneo e caratteristico di questa zona, spesso rappresentato in foto, cartoline e opere d'arte di pittori locali e non. Nel corso dell'anno 2014 è, purtroppo, crollata in acqua. Sempre nei pressi della sorgente si è rinvenuto un gruppo di tombe databili tra la fine del IX e gli inizi dell'VIII secolo a.C. che probabilmente fanno riferimento a un piccolo insediamento con aspetti culturali di matrice protoetrusca. [2]

 
La sorgente Caput aquae

NoteModifica

  1. ^ In base all'attuale statuto comunale di Capaccio, le frazioni vengono definite borgate
  2. ^ Capodifiume Archiviato il 9 luglio 2007 in Internet Archive.