Apri il menu principale
Carlo Andreotti

Presidente della Provincia autonoma di Trento
Durata mandato 1994 –
1998
Predecessore Gianni Bazzanella
Successore Lorenzo Dellai

Presidente della
Regione Autonoma
Trentino-Alto Adige
Durata mandato 2002 –
2004
Predecessore Margherita Cogo
Successore Luis Durnwalder

Segretario del Partito Autonomista Trentino Tirolese
Durata mandato 1988 –
1994
Predecessore carica istituita
Successore Giacomo Bezzi

Presidente del Partito Autonomista Trentino Tirolese
Durata mandato 1997 –
1999
Predecessore Franco Tretter
Successore Luigi Panizza

Dati generali
Partito politico Partito Autonomista Trentino Tirolese

Carlo Andreotti (Trento, 21 maggio 1943) è un politico e giornalista italiano, ex-presidente della Giunta della Provincia autonoma di Trento.

BiografiaModifica

È laureato in giurisprudenza ed è abilitato all'esercizio della professione di avvocato, ma non l'ha esercitata, diventando invece giornalista. È stato redattore de L'Adige e ha lavorato per la RAI, diventando caposervizio.

Nel gennaio 1988 viene fondato il Partito Autonomista Trentino Tirolese (PATT), e Andreotti ne diventa segretario politico, carica che manterrà fino al 1994. Nel 1988 viene eletto consigliere regionale, carica che ha ricoperto fino al 2008[1].

È stato presidente della Provincia di Trento nella IX legislatura (1994 - 1998)[2].

Dal 1997 al 1999 è stato presidente del PATT. Dal 2002 al 2004 è stato presidente della Giunta regionale.

Alle elezioni provinciali del 2003 è stato candidato alla carica di Presidente della Provincia dalla Casa delle Libertà per il partito Trentino Autonomista, ottenendo il 30,67 % dei voti.[3] Nello stesso anno, il 29 ottobre, è stato eletto Presidente della Commissione Istituzionale del Consiglio d'Europa.

NoteModifica

  1. ^ Durata delle legislature, Consiglio regionale del Trentino-Alto Adige. URL consultato il 21-3-2009.
  2. ^ I presidenti della Giunta, Consiglio PAT. URL consultato il 21-3-2009 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2009).
  3. ^ Elezioni Provinciali - 26 ottobre 2003, Provincia autonoma di Trento. URL consultato il 21-3-2009.

Collegamenti esterniModifica