Carlo Campogalliani

regista e attore italiano

Giovanni Battista Carlo Campogalliani (Concordia, 10 ottobre 1885Roma, 10 agosto 1974) è stato un regista e attore italiano; attivo sia all'epoca del muto che in quella del sonoro, fu un cineasta eclettico e sperimentò tutti i filoni popolari.

Carlo Campogalliani in una foto del 1920

BiografiaModifica

Figlio di attori girovaghi, calcò le scene in età giovanissima; fratello del grande burattinaio Francesco Campogalliani, si dedicò dapprima alla scenografia, poi fu attore in compagnie minori. Esordì nel cinema come attore in Re Lear (1910) di Giuseppe De Liguoro, grazie all'appoggio del produttore Luca Comerio. Debuttò nella regia nel 1914 col cortometraggio Il rivale di papà, e dopo di allora, diresse almeno una trentina di film popolari, spesso interpretati anche da sua moglie, l'attrice Letizia Quaranta; diresse fra l'altro anche alcuni film della serie di Maciste, con l'attore Bartolomeo Pagano. Realizzò vari film anche all'estero: in Argentina, in Brasile e in Germania.

Nel 1930 girò il suo primo film sonoro con Ettore Petrolini, Cortile (unica pellicola drammatica interpretata da Petrolini). Nel 1934 venne premiato alla Mostra del cinema di Venezia con la medaglia d'oro per Stadio, un film di ambientazione sportiva, sul mondo del rugby. Nel 1936 diresse il film I quattro moschettieri, interamente composto da marionette. Cineasta di buon mestiere, sperimentò tutti i filoni popolari: film in costume come Il bravo di Venezia (1941), Il ponte dei sospiri (1964), quest'ultimo diretto a quattro mani con Piero Pierotti, film del filone bellico-propagandistico come Il cavaliere di Kruja (1940), Il treno crociato (1943), film con cantanti lirici o di musica leggera come Silenzio, si gira! (1943) con Beniamino Gigli, film comici come L'innocente Casimiro (1945), Bellezze in bicicletta (1951), Bellezze in motoscooter (1952), Se vincessi cento milioni (1953), Fontana di Trevi (1960), film del filone strappalacrime come La mano della morta (1949), La figlia del mendicante (1950), L'orfana del ghetto (1954), Torna piccina mia! (1955), La canzone del cuore (1955), Mamma sconosciuta (1956), L'angelo delle Alpi (1957) e Ascoltami (1957), film del genere storico-mitologico come Il terrore dei barbari (1959), Maciste nella valle dei re (1960), Ursus (1961) e Rosmunda e Alboino (1961).

FilmografiaModifica

Regista periodo mutoModifica

Regista periodo sonoroModifica

AttoreModifica

BibliografiaModifica

  • Stefania Carpiceci, «CAMPOGALLIANI, Carlo». In: Enciclopedia del Cinema, Vol. I, Roma: Istituto della Enciclopedia italiana, 2003

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7593991 · ISNI (EN0000 0000 8087 0305 · SBN IT\ICCU\RAVV\094804 · LCCN (ENno2004063322 · GND (DE1067464409 · BNF (FRcb14084752h (data) · BNE (ESXX4585286 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2004063322