Apri il menu principale

Carlo Fuortes

dirigente pubblico e direttore teatrale italiano
Carlo Fuortes, Auditorium Parco della Musica di Roma, 23 giugno 2009

Carlo Fuortes (Roma, 5 settembre 1959) è un dirigente pubblico e direttore teatrale italiano.

BiografiaModifica

È laureato in Scienze Statistiche ed Economiche presso l'Università degli Studi di Roma "La Sapienza". È un manager ed economista della cultura, ha svolto studi e consulenze sui temi dell'economia della cultura, con riferimento alla gestione dei teatri, musei e dei beni culturali, allo spettacolo dal vivo, alla televisione e cinema.

Dal 2002 al 2003 è stato Direttore generale del Palazzo delle Esposizioni e delle Scuderie del Quirinale di Roma.[1]

Dal 2003 al 2015 ha diretto l'Auditorium Parco della Musica, in qualità di Amministratore delegato della Fondazione Musica per Roma,[2][3] con una programmazione innovativa e aperta alle arti e ai molti linguaggi contemporanei e facendolo divenire un successo nazionale e internazionale.[4][5]

Dal 2012 al 2013 ha assunto l'incarico di Commissario Straordinario della Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari.[6]

Il 23 dicembre 2013 è stato nominato Sovrintendente del Teatro dell'Opera di Roma.[7] Il Ministro Dario Franceschini il 3 marzo 2015 ha rinnovato tale incarico fino al 30 marzo 2020.[8]

Il 15 aprile 2016 il Ministro Dario Franceschini lo nomina Commissario Straordinario della Fondazione Arena di Verona con l'obiettivo di salvare la stagione Areniana 2016 ed evitare la liquidazione della Fondazione, decisa dal precedente Consiglio d'Indirizzo presieduto dal Sindaco Flavio Tosi.[9]

Ha insegnato Sistemi organizzativi dello spettacolo dal vivo presso il corso di laurea in DAMS dell'Università Roma TRE ed è autore di saggi e pubblicazioni sull'economia e la gestione del settore culturale. Dal 2011 è, inoltre, Segretario Generale dell'Associazione Economia della Cultura e membro della giunta esecutiva di Federculture.

Premi e onorificenzeModifica

  Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— Roma, 19 dicembre 2018[10]
  Cavaliere della Legion d'onore della Repubblica Francese
— luglio 2015

NoteModifica