Apri il menu principale
Carlo Giuffré nel 2011

Carlo Giuffré (Napoli, 3 dicembre 1928Roma, 1º novembre 2018[1]) è stato un attore e regista teatrale italiano, noto al grande pubblico anche per il suo sodalizio artistico con il fratello Aldo.

BiografiaModifica

Nato a Napoli nel 1928, fratello minore di Aldo, consegue il diploma all'Accademia nazionale d'arte drammatica iniziando a lavorare con il fratello in teatro nel 1947. Due anni dopo la coppia debutta con Eduardo De Filippo, interpretando la maggior parte delle commedie napoletane del grande autore, grazie alle quali il giovane Carlo manifesta le sue doti di attore dalla vocazione comica e grottesca. Nel 1963 entra nella Compagnia dei Giovani lavorando con Giorgio De Lullo, Rossella Falk, Romolo Valli e Elsa Albani, con cui reciterà per ben otto stagioni consecutive tra l'altro in Sei personaggi in cerca d'autore di Pirandello, Tre sorelle di Čechov, Egmont di Goethe. In seguito approda col il fratello Aldo al repertorio di Eduardo mettendo in scena, anche come regista, commedie come Le voci di dentro, Napoli milionaria!, Non ti pago e la celeberrima Natale in casa Cupiello.

Numerose le sue interpretazioni cinematografiche e nelle fiction televisive. Fra queste ultime ricordiamo Tom Jones (1960) e I Giacobini (1962), diretto da Edmo Fenoglio. È uno dei volti più caratteristici dell'ultima fase dalla Commedia all'italiana, regalando al genere personaggi come il Vincenzo Maccaluso di La ragazza con la pistola (1968), il Silver Boy di Basta guardarla (1970), il marito cornuto di La signora è stata violentata! (1973) o l'instancabile amante di La signora gioca bene a scopa? (1974). Nel 1971 conduce la XXI edizione del Festival di Sanremo. Nel 2007, in occasione della consegna del tributo alla carriera assegnatogli dal "Premio ETI - Gli olimpici del teatro", è stato insignito del titolo di Grande Ufficiale dal Presidente della Repubblica Napolitano e porta in scena un altro grande classico del teatro di Eduardo, Il sindaco del rione Sanità. Suocero di Claudia Trieste, Miss Italia 1997, successivamente ha interpretato in teatro I casi sono due di Armando Curcio e quindi Questi fantasmi!, ancora di Eduardo.

Malato da tempo[2], è morto a Roma il 1º novembre 2018[3] poco più di un mese prima di compiere 90 anni.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

 
Carlo Giuffrè in Il trafficone (1974) di Bruno Corbucci

TelevisioneModifica

DoppiaggioModifica

Doppiatori italianiModifica

TeatroModifica

NoteModifica

  1. ^ Addio a Carlo Giuffrè, grande attore di teatro e di cinema, su napoli.repubblica.it. URL consultato il 1º novembre 2018.
  2. ^ Morto Carlo Giuffrè, una vita in palcoscenico - Teatro, in ANSA.it, 1º novembre 2018. URL consultato il 1º novembre 2018.
  3. ^ E' morto Carlo Giuffrè, aveva 89 anni - Magazine Pragma, in Magazine Pragma, 1º novembre 2018. URL consultato il 2 novembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN46971478 · ISNI (EN0000 0000 6636 7789 · SBN IT\ICCU\RAVV\089110 · LCCN (ENno2005045983 · GND (DE1154468585 · BNF (FRcb141817748 (data) · NLA (EN41045689 · WorldCat Identities (ENno2005-045983