Apri il menu principale

Carlo II di Borbone

cardinale e arcivescovo cattolico francese
Carlo II di Borbone
cardinale di Santa Romana Chiesa
Meister von Moulins 004.jpg
Ritratto di Carlo II di Borbone eseguito da Jean Hey
Blason du cardinal Charles II de Bourbon.svg
Folium Ejus Non Defluet
 
Incarichi ricopertiArcivescovo di Lione
 
NatoChâteau de Moulins, 1433
Creato cardinale1476 da papa Sisto IV
DecedutoLione, 13 settembre 1488
 
Carlo II, duca di Borbone e d'Alvernia
Charles II of Bourbon.png
Carlo II, duca di Borbone e d'Alvernia, in una vetrata di fine Quattrocento della Cattedrale di Moulins
Duca di Borbone e d'Alvernia
Stemma
In carica 1 aprile 1488 -
13 settembre 1488
Predecessore Giovanni II di Borbone
Successore Pietro II di Borbone
Nascita Château de Moulins, Francia, 1434
Morte Lione, Francia, 13 settembre 1488
Dinastia Borbone
Padre Carlo I di Borbone
Madre Agnese di Borgogna
Religione Cattolica
Motto Folium Ejus Non Defluet

Carlo II di Borbone (Château de Moulins, 1434Lione, 13 settembre 1488) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico francese, arcivescovo di Lione e duca di Borbone.

BiografiaModifica

Infanzia e successioneModifica

Figlio di Carlo I di Borbone e Agnese di Borgogna, divenne arcivescovo di Lione, mentre al fratello Giovanni II andò il ducato di Borbone. Alla morte del fratello (nel 1488) venne nominato Duca di Borbone, titolo a cui rinuncerà pochi mesi dopo. Gli successe il fratello Pietro II di Borbone.

Carriera ecclesiasticaModifica

Nipote del re di Francia Luigi XI, quest'ultimo manovrò per far nominare Carlo di Borbone legato pontificio ad Avignone. Il papa Paolo II rifiutò, ma il suo successore Sisto IV lo nominò arcivescovo di Lione. Ricevette il 2 aprile 1472 i poteri di arcivescovo, ma non il titolo di legato. Finalmente, il 21 febbraio 1476, la sua posizione venne assegnata a Giulio Della Rovere, futuro papa Giulio II e nipote di Sisto IV[1].

MorteModifica

Carlo II di Borbone morì a Lione, in Francia, il 13 settembre 1488.

NoteModifica

  1. ^ (FR) Joseph Girard, Avignon. Histoire et Monuments, Avignone, Dominique Seguin, 1924, p. 30.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica



Controllo di autoritàVIAF (EN63765890 · ISNI (EN0000 0000 4455 5420 · LCCN (ENno2006070430 · GND (DE1050419685 · CERL cnp01954971 · WorldCat Identities (ENno2006-070430