Carlo IV d'Alençon

duca francese
(Reindirizzamento da Carlo IV di Alençon)

Carlo di Valois-Alençon in francese: Charles IV d'Alençon (Alençon, 2 settembre 1489Lione, 11 aprile 1525) fu duca d'Alençon e conte di Perche (Carlo IV) dal 1492 alla sua morte e conte d'Armagnac, Fénezac e Rodez (Carlo II) dal 1497 alla sua morte..

Carlo IV d'Alençon
Charles d'alencon.jpg
Thierry Bellange, Ritratto di Carlo IV d'Alençon (XVII secolo); Castello di Pau, Francia.
Duca d'Alençon
Stemma
Stemma
In carica1º novembre 1492 –
11 aprile 1525
PredecessoreRenato d'Alençon
SuccessoreMargherita d'Angoulême
Conte d'Armagnac e Conte di Rodez
come Carlo II
In carica3 giugno 1497 –
11 aprile 1525
PredecessoreCarlo I d'Armagnac
SuccessoreMargherita d'Angoulême
Nome completoCarlo di Valois-Alençon
Altri titoliConte del Perche
NascitaAlençon, 2 settembre 1489
MorteLione, 11 aprile 1525 (35 anni)
Luogo di sepolturaChiesa di Notre-Dame, Alençon
DinastiaValois
PadreRenato d'Alençon
MadreMargherita di Lorena
ConiugeMargherita d'Angoulême
ReligioneCattolicesimo
Conti e duchi d'Alençon
Valois-Alençon
Arms of Jean dAlencon.svg

Carlo II (1326-1346)
Carlo III (1346-1367)
Pietro II (1367-1404)
Figli
Giovanni I (1404-1415)
Figli
Giovanni II (1415-1476)
Renato (1476-1492)
Carlo IV (1492–1525)

OrigineModifica

Carlo era figlio di Renato I, duca d'Alençon e conte di Perché, e di Margherita di Lorena-Vaudémont, figlia di Federico II, conte de Vaudémont e di Iolanda d'Angiò, e nipote (zio materno) del Duca d'Angiò e Conte di Provenza e di Forcalquier, Duca di Bar, e Duca di Lorena ed anche Re di Napoli, Renato.
Carlo, sia secondo i Documens historiques et généalogiques sur les familles et les hommes remarquables du Rouergue, che secondo Pierre de Guibours, detto Père Anselme de Sainte-Marie o più brevemente Père Anselme, era il nipote (nonna paterna) di Maria d'Armagnac (figlia del Conte di Rodez, conte d'Armagnac e di Fezensac, conte di Charolais e visconte di Lomagne e d'Auvillar, Giovanni IV e di Isabella d'Évreux-Navarra[1][2]), che aveva sposato il duca d'Alençon e conte di Perche, Giovanni II d'Alençon (1409 † 1476)[1][2], ed erano i genitori di Renato d'Alençon.

BiografiaModifica

Nel 1492, alla morte del padre, Carlo ricevette il ducato d'Alençon e la contea di Perché.

Il 3 giugno 1497 a Castelnau-de-Montmiral, morì, senza eredi il suo prozio (fratello della sua nonna paterna), il Conte di Rodez, conte d'Armagnac e di Fezensac, Carlo I[3], che in quello stesso anno, aveva fatto dono a Carlo di tutti i suoi possedimenti[2].
Alla morte di Carlo I, i pretendenti dei suoi possedimenti furono molti, ma alla fine la successione tocco a Carlo IV d'Alençon, che fu riconosciuto, come tale solo il 29 aprile 1514[4], anche perché era il marito di Margherita d'Angoulême, sorella maggiore di Francesco d'Angoulême, marito di Claudia di Francia, ed erede al trono francese[5]; il documento di conferma fu siglato nel febbraio 1515, quando Francesco era già Francesco I di Francia[5].

Carlo partecipò a diverse spedizioni militari, agli ordini del re di Francia, Luigi XII, ed in particolare, partecipò alle campagne d'Italia del 1507, partecipando all'assedio di Genova, e poi a quella del 1509, dove partecipò alla battaglia di Agnadello, alla conquista di Bergamo, Caravaggio, Peschiera e Cremona.

Nel 1509 sposò Margherita d'Angoulême (1492-1549), figlia del duca d'Angoulême Carlo di Valois e di Luisa di Savoia e sorella maggiore del futuro re di Francia, Francesco I. Dalla loro unione non nacquero figli.

Suo cognato divenne re di Francia nel 1515 e Carlo lo seguì, ancora una volta in Italia, e nello stesso 1515, a Melegnano, 16 km sud est di Milano prese parte alla battaglia di Marignano.
Rientrato in Francia, nel 1521 partecipò alla difesa della contea di Champagne contro l'imperatore del Sacro Romano Impero, Carlo V che aveva condotto una spedizione in terra francese.

Nel 1525 prese parte alla battaglia di Pavia, dove il re Francesco I fu catturato dagli imperiali. Dopo la cattura del re, Carlo d'Alençon prese il comando dell'armata francese, ma i francesi furono sconfitti e Carlo venne accusato di aver abbandonato il suo re.
Sconvolto sia per la disfatta sia per l'ingiusta accusa Carlo si ammalò e poco dopo, nello stesso anno, morì.

Alla sua morte tutti i suoi possedimenti andarono alla moglie Margherita d'Angoulême, sorella di Francesco I, re di Francia, mentre Francesca, la sorella di Carlo, fu esclusa dalla successione.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Giovanni I d'Alençon Pietro II d'Alençon  
 
Maria Chamaillard  
Giovanni II d'Alençon  
Maria di Bretagna Giovanni V di Bretagna  
 
Giovanna di Navarra  
Renato d'Alençon  
Giovanni IV d'Armagnac Bernardo VII d'Armagnac  
 
Bona di Berry  
Maria d'Armagnac  
Isabella di Navarra Carlo III di Navarra  
 
Eleonora di Trastámara  
Carlo IV d'Alençon  
Antonio di Vaudémont Federico I di Vaudémont  
 
Margherita di Joinville  
Federico II di Vaudémont  
Maria d'Harcourt Giovanni VII d'Harcourt  
 
Maria d'Alençon  
Margherita di Lorena-Vaudémont  
Renato d'Angiò Luigi II d'Angiò  
 
Iolanda d'Aragona  
Iolanda d'Angiò  
Isabella di Lorena Carlo II di Lorena  
 
Margherita del Palatinato  
 

DiscendenzaModifica

Di Carlo d'Alençon non si conosce discendenza.

NoteModifica

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Letteratura storiograficaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN45147602587457641604 · BNF (FRcb17850094q (data)