Carlo Lucarelli

scrittore, sceneggiatore e conduttore televisivo italiano

Carlo Lucarelli (Parma, 26 ottobre 1960) è uno scrittore, sceneggiatore e conduttore televisivo italiano.

Carlo Lucarelli al Lucca Comics & Games nel 2008.

BiografiaModifica

 
Carlo Lucarelli al Festival Internazionale del Giornalismo 2017

Nasce a Parma, il suo esordio letterario avviene con il giallo Carta bianca del 1990, il primo di una lunga serie di noir a sfondo poliziesco, genere per il quale è conosciuto anche all'estero. Tra gli altri, ricordiamo Almost Blue, suo bestseller da cui è stato tratto anche un film. Ha scritto per diversi giornali o riviste (il manifesto, L'Europeo, Il Messaggero, L'Unità, xL) ed ha vinto numerosi premi letterari[1].

Per Einaudi ha pubblicato la serie di romanzi con protagonista l’Ispettrice Grazia Negro, Lupo Mannaro, Almost Blue (1996), Un giorno dopo l’altro (2000), Il sogno di volare (2013), e la serie con l’Ispettore Coliandro, Falange armata e Il giorno del lupo. La serie con il commissario De Luca, Carta bianca, L'estate torbida, Via delle oche, Intrigo italiano, Peccato mortale e L'inverno più nero. Sempre per Einaudi sono usciti anche: L’isola dell’angelo caduto, Guernica, Laura di Rimini, L’ottava Vibrazione, Albergo Italia e Il tempo delle Iene. Molti suoi racconti sono stati raccolti nell’antologia Il lato sinistro del cuore.

Dal 1999 al 2009 ha condotto Blu notte - Misteri italiani (nella prima edizione si chiamava Mistero in Blu), programma in onda su Rai 3 in prima serata che analizzava in modo approfondito fatti di cronaca, indagini su disastri e su omicidi seriali dell'ultimo cinquantennio della storia italiana.

Per la televisione nel 2006 ha ideato la fiction L'ispettore Coliandro (diretta dai fratelli Manetti), e Milonga Station. Nel 2008 è andata in onda una serie di quattro film tv tratti dai romanzi de Il Commissario De Luca. Nel 2017 è iniziata la serie televisiva La Porta Rossa.

Nel 2008, insieme a Paola De Martiis, ha firmato uno spettacolo teatrale rappresentato a Cracovia il 27 gennaio, diventato poi un documentario in onda su Rai Tre, Un treno per Auschwitz: un viaggio nella memoria e per la memoria della Shoah, organizzato dalla Fondazione ex campo Fossoli che, ogni anno, si rivolge principalmente a circa 600 studenti delle scuole superiori della provincia di Modena. Lucarelli ha viaggiato con gli studenti partendo dalla stazione ferroviaria di Carpi, da dove oltre 70 anni fa partivano i treni per Auschwitz.[2]

Nel 2010 ha fondato insieme a Giampiero Rigosi, Michele Cogo e a Beatrice Renzi la scuola di scrittura "Bottega Finzioni" a Bologna.

Nel 2014 esordisce sul canale Sky Arte HD con il programma Muse Inquietanti (2014 - 2018) e nel 2015 sul canale Crime Investigation con Profondo Nero (2015 e 2016). Nel 2019 sempre su Sky Arte HD va in onda Inseparabili.

Per il teatro ha scritto Via delle Oche, Tenco a tempo di tango, Pasolini un mistero italiano.Ha pubblicato alcuni libri per ragazzi (Nikita, Il trillo del diavolo, Febbre gialla) e nel 2015 è uscito il suo primo libro per bambini: Thomas e le gemelle, per Rrose Sélavy Editore.

OpereModifica

 
Lucarelli al Festivaletteratura di Mantova nel 2005

RomanziModifica

AntologieModifica

Racconti in antologieModifica

  • Il suonatore di Zamar Taquita con Giudo Leotta, Mobydick, 1993
  • Amore malato, (in Millelire giallo, nero e mistero), Viterbo, Stampa Alternativa, 1994
  • Guede, (in Horror erotico), Viterbo, Stampa alternativa, 1995
  • Racconti divini. Quattro brevi storie scritte in stato di ebrezza con Mario Fois, Imola, La Mandragora Editrice, 1995. ISBN 88-86123-25-6
  • Garganelli al ragù della Linina in Nero di Seppia, Gambero Rosso, 1995
  • Sembra facile dire tortellino, con Giampiero Rigosi, Bologna, 2000, 1998.
  • Rapidamente in Medical Thriller (di Eraldo Baldini, Carlo Lucarelli, Giampiero Rigosi), Einaudi, 2000
  • Dal grande fiume al mare in Trenta scrittori raccontano l’Emilia-Romagna, Pendragon, 2003
  • Oltre la nebbia (di Eraldo Baldini, Carlo Lucarelli, Giampiero Rigosi), Foschi, 2004
  • AA.VV. Crimini, Einaudi, 2005
  • AA.VV, The Dark Side, Torino, Einaudi, 2006. ISBN 8806183206
  • AA.VV. Crimini italiani (A cura di Giancarlo De Cataldo), Einaudi, 2008
  • AA.VV. Ferengi in Sei fuori posto Storie italiane, Einaudi, 2010
  • Giudici con Andrea Camilleri e Giancarlo De Cataldo, Torino, Einaudi, 2011. ISBN 978-88-06-20597-3
  • A Girl Like You in Giochi criminali con Giancarlo De Cataldo, Maurizio de Giovanni e Diego De Silva, Torino, Einaudi, 2014. ISBN 9788806219512

Serie del Commissario De LucaModifica

Serie dell'ispettore ColiandroModifica

Serie dell'ispettore Grazia NegroModifica

Serie del capitano ColapricoModifica

FumettiModifica

SaggiModifica

TeatroModifica

Altri scrittiModifica

AudiolibriModifica

FilmografiaModifica

RegistaModifica

SceneggiatoreModifica

TeatroModifica

  • 2006: Tenco a Tempo di Tango

TelevisioneModifica

RadioModifica

Premi e riconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ La biografia di Carlo Lucarelli sul sito carlolucarelli.net
  2. ^ Lucarelli su Raitre presenta 'Un treno per Auschwitz', il Resto del Carlino - Modena, 26 gennaio 2009. URL consultato il 15 ottobre 2018 (archiviato il 13 febbraio 2017).
  3. ^ Radio Bellablù Archiviato il 16 aprile 2009 in Internet Archive.
  4. ^ RSI Radiotelevisione svizzera, Problemi etici per il commissario De Luca, su rsi. URL consultato il 5 maggio 2017 (archiviato il 13 ottobre 2014).
  5. ^ Dee Giallo - Radio Deejay
  6. ^ Dee Giallo podcast Archiviato l'8 novembre 2009 in Internet Archive.
  7. ^ dal sito del Premio nazionale Giuseppe Fava Archiviato il 17 dicembre 2010 in Internet Archive.
  8. ^ 17-06-2010. Il Premio Ilaria Alpi entra nel vivo. In diretta su Rainews 24 | Ufficio stampa, su edizione2010.premioilariaalpi.it. URL consultato il 2 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2014).
  9. ^ Albo vincitori premi Rhegium Julii (PDF), su rhegiumjulii.it. URL consultato il 13 ottobre 2019.
  10. ^ A Carlo Lucarelli il Premio Manzoni alla Carriera 2019, su premiomanzonilecco.it. URL consultato il 27 ottobre 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN85419751 · ISNI (EN0000 0001 2142 1101 · SBN IT\ICCU\CFIV\108929 · Europeana agent/base/94085 · LCCN (ENn95051687 · GND (DE120426153 · BNF (FRcb12264720j (data) · BNE (ESXX826145 (data) · NLA (EN41201803 · NDL (ENJA00983407 · WorldCat Identities (ENlccn-n95051687