Apri il menu principale

Carlo Luigi Costantini (Roma, 1º maggio 1739Roma, novembre 1799) è stato un politico e giureconsulto italiano.

Figlio di Cosimo Mattia, originario di Ascoli Piceno, studiò a Roma scienze sacre, letteratura e giurisprudenza, materia in cui si laureò nel 1763. Nel 1766 fu nominato avvocato della Sacra Rota; nel 1770 papa Clemente XIV lo nominò Avvocato Concistoriale, "Avvocato dei poveri" (cioè difensore d'ufficio in tutti i tribunali penali di Roma) e Fiscale della Reverenda Fabbrica di San Pietro. Nel 1778 divenne Deputato della Congregazione di San Girolamo della Carità e della Santissima Nunziata.

Nel 1787 fu eletto Rettore dell'Archiginnasio Romano (l'università di Roma), cui diede un nuovo statuto e nuovi insegnamenti, e di cui era stato bibliotecario della Biblioteca Alessandrina dal 1767.[1]

Per volere di papa Pio VI, nel 1798 divenne membro della Congregazione di Stato; nel febbraio di quell'anno, proclamata la Repubblica Romana, fu console provvisionale per un mese, poi "Prefetto Consolare presso l'Alta Pretura".[2] Morì nel novembre del 1799, e fu sepolto in Santa Maria in Vallicella.

Sposò Felicita Modio, da cui ebbe tre maschi e otto femmine.

NoteModifica

  1. ^ AA.VV., Archivi di biblioteche, Ed. di Storia e Letteratura, 2002, ISBN 8884980135, p. 233.
  2. ^ Collezione di carte pubbliche, proclami, editti, ragionamenti ed altre produzioni tendenti a consolidare la rigenerata Repubblica Romana, 1798, p. 86.

BibliografiaModifica

  • Giacinto Cantalamessa Carboni, Memorie intorno i letterati e gli artisti della città di Ascoli nel Piceno, 1830, pp. 236–237.
Controllo di autoritàVIAF (EN89554570 · BAV ADV11365037 · WorldCat Identities (EN89554570
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie