Apri il menu principale

Carlo Pratichetti

rugbista a 15, allenatore di rugby e imprenditore italiano
Carlo Pratichetti
Dati biografici
Paese Italia Italia
Altezza 177 cm
Peso 100 kg
Familiari Andrea Pratichetti (nipote)
Matteo Pratichetti (nipote)
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Tallonatore
Ritirato 2000
Carriera
Attività di club¹
1983-1993 Rugby Roma
1993-1994 CUS Roma
1994-1997 S.S. Lazio
1997-2000 Rugby Roma
Attività da giocatore internazionale
1988-1990 Italia Italia 2 (0)
Attività da allenatore
1993-1994 CUS Roma
1994-1997 S.S. Lazio
1996-1997 Italia Italia Under-16
2000-2005 Capitolina
2005-2007 S.S. Lazio
2007-2008 S.S. Lazio Under-17
2008-2009 Rugby Roma All. 2ª
2009-2010 Rugby Roma
2010-2011 Italia Italia Under-19
2012-2013 Avezzano
2013-2014 I Cavalieri
2015-2016 S.S. Lazio
2016- Prato Sesto
2017- Italia CFP Under-18 di Prato All. 2ª

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 12 febbraio 2019

Carlo Pratichetti (Roma, 20 settembre 1963) è un ex rugbista a 15, allenatore di rugby a 15 e imprenditore italiano, fu tallonatore della Rugby Roma Campione d'Italia 1999-2000 e in seguito allenatore di varie squadre della Capitale e non, nonché tecnico federale.


Cenni biograficiModifica

Ha trascorso tutta la carriera agonistica nella Capitale, dove debuttò nel 1983 nel Rugby Roma, club con cui rimase fino al 1993. Quell'anno si trasferì al CUS Roma, dove fu per la prima volta allenatore-giocatore. Continuò a ricoprire tale doppio ruolo alla S.S. Lazio, con cui rimase le tre stagioni successive, l'ultima delle quali fu anche allenatore dell'Italia Under-16. Nel 1997 tornò al Rugby Roma, stavolta solo come giocatore, con cui vinse la Coppa Italia nel 1998[1] e lo scudetto nel 1999-2000, il quinto per il club a 51 anni di distanza dal precedente[2]. Al termine di quella vittoriosa stagione Pratichetti chiuse la carriera agonistica.

Vanta due presenze in Nazionale tra il 1988 e il 1990, entrambe in Coppa FIRA, contro Romania e Polonia.

Dopo il ritiro ha allenato la Capitolina di Roma per cinque stagioni, portandola dalla serie C1 all'A1[3]; ha successivamente guidato la prima squadra della Lazio dal 2005 al 2007, curandone la sezione giovanile Under-17 nel 2007-08[4].

Nel 2008 tornò al Rugby Roma, richiesto dall'allenatore Stefano Bordon come assistente e tecnico degli avanti[5] ma, dopo l'improvviso esonero di Bordon nel gennaio 2009, Pratichetti ebbe l'incarico di guidare la squadra fino a fine campionato, confermato per la stagione seguente.

Dopo due stagioni nei ranghi federali passati ad allenare la Nazionale Under-19 e alla consulenza tecnica del comitato regionale laziale della F.I.R., Pratichetti guidò nella stagione 2012-2013 l'Avezzano in serie A2[6]. La stagione seguente tornò nella massima serie come allenatore dei Cavalieri Prato.

Possiede e gestisce a Roma un negozio di memorabilia sul rugby, chiamato On Scrum[7]. È lo zio dei fratelli Andrea e Matteo Pratichetti[8], entrambi internazionali per l'Italia e militanti in Pro12 rispettivamente con il Benetton e le Zebre.

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ Fabio Maccheroni, Ultima meta, coppa Italia alla Rds, in Corriere della Sera, 10 dicembre 1998. URL consultato il 28 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  2. ^ Alessandro Tommasi, Il terzo scudetto di Roma, in la Repubblica, 18 giugno 2000. URL consultato il 3 giugno 2012.
  3. ^ Valerio Vecchiarelli, Rugby, non c'è solo la Capitolina, in Corriere della Sera, 19 settembre 2005 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  4. ^ Nuova Tor Tre Teste Lazio Rugby Under-17 imbattuta e prima assoluta, in Abitare a…, 1º maggio 2008. URL consultato il 28 gennaio 2013.
  5. ^ Eduardo Lubrano, Rugby Roma, tris d´ingaggi per il Super Ten, in la Repubblica, 9 giugno 2008. URL consultato il 28 gennaio 2013.
  6. ^ Gianfranco Di Cicco, Avezzano, l’obiettivo è la salvezza, in il Centro. URL consultato il 28 gennaio 2013.
  7. ^ Valerio Vecchiarelli, Quelli che il rugby, dall'Off Side Café ai maniaci dell'Unione Capitolina, in Corriere della Sera, 14 febbraio 2003. URL consultato il 28 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  8. ^ Maurilio Rigo, Sogno una meta all'ombra del Colosseo, in la Repubblica, 15 febbraio 2009. URL consultato il 28 gennaio 2013.

Collegamenti esterniModifica