Carlo Sigonio

storico italiano
Carlo Sigonio

Carlo Sigonio (Modena, 1520 circa – presso Modena, 28 agosto 1584) è stato uno storico italiano di espressione latina. Tra i primi studiosi a dedicarsi alla storia medievale, Sigonio è considerato «il vero scopritore del Medioevo, quello che lo aperse agli studi e ne accennò la strada.»[1]

BiografiaModifica

Nato a Modena intorno al 1520, ebbe, giovanetto, a maestro nella sua città natale Francesco Porto, dal quale fu addestrato nel greco; si recò poi agli studi di Bologna e di Pavia; quindi fu al servizio del cardinale Marino Grimani, finché fu chiamato a Modena a succedere al Porto nel 1546. Nel periodo del suo insegnamento modenese entrò come precettore in casa Rangoni. Passò a Venezia nel 1552 a insegnare umanità e, otto anni dopo, quando la sua fama si era già affermata, a Padova, dove rimase sino al 1563, nel quale anno accolse l'invito dello studio di Bologna, che fu sua dimora sino alla morte. Morì in una sua villa al Ponte Basso, presso Modena, il 28 agosto 1584.

Fra i cultori di storia nel XVI secolo, Sigonio si distingue per la sua passione erudita, per la quale può essere avvicinato al suo amico Onofrio Panvinio, per il suo amore e rispetto del documento, per la sua attività di ricercatore di biblioteche e di archivi, per le sue doti di equilibrio e di saggezza nella discriminazione e nell'uso delle fonti, tutte doti che fanno di lui il maggiore e più vero precursore del Muratori. Il carattere più spiccato e nuovo della sua storia è di aver sentita l'importanza e la forza del diritto nello svolgimento delle istituzioni. Suo merito precipuo è di avere volto il suo studio al Medioevo ancor troppo dimenticato e di averlo fatto oggetto di lungo e vario esame nei libri De Regno Italiae (ab anno 570 ad annum 1200) che, insieme con quelli pubblicati, dopo la sua morte, da Alessandro Caprara (sino al 1268), restano il suo maggior lavoro, frutto di tenaci fatiche e di lunghe indagini archivistiche, opera che può dirsi originale, edita nel 1574, cioè nel periodo della sua piena maturità. Fra i suoi numerosi lavori di storia romana, variamente giudicati dai contemporanei e dai posteri, ma rilevanti tutti per l'ampiezza dell'informazione e per un forte e vivo bisogno di precisione e di esattezza; fra gli altri suoi scritti di storia e di letteratura greca e latina, questo De Regno Italiae ha una sua fisionomia caratteristica per la nuova passione che lo ispira e che si traduce qua e là in un accento agitato e commosso, come quando l'autore viene a discorrere dei comuni e in particolare del carroccio milanese. Vengono poi, in ordine di merito, altre opere scritte tutte in un latino elegante, da perfetto umanista quale era Sigonio: i Regum, consulum, dictatorum ac censorum romanorum Fasti (1550), il De nominibus Romanorum (1553-56), le tre opere De antiquo iure (Civium romanorum; Italiae; Provinciarum) edite nel 1560 e i cinque libri De Repubblica Atheniensium (1564), per non discorrere degli studi filologici, fra cui le Emendationes liviane (1555; 1557) e i Fragmenta e libris deperditis Ciceronis collecta (1559-60). Sigonio rappresentò la filologia classica fra gli altri filologi modenesi cinquecenteschi che studiarono la lingua italiana (Castelvetro) e il provenzale e francese (Barbieri). Anche sotto un altro rispetto egli va considerato: per avere, cioè, dato opera alla storia regionale (sei libri Historiarum Bononiensium ab initio civitatis usque ad an. MCCLVII). Ebbe talvolta accese polemiche come quella con Francesco Robortello.

NoteModifica

  1. ^ Ferruccio de Carli, Lodovico Antonio Muratori: la sua vita, la sua opera e la sua epoca, Macrì, 1955, p. 137.

OpereModifica

  • De nominibus Romanorum
  • Fasti consulares (1550; nova ed., Oxoniae, 1802)
  • De antiquo jure Romanorum, Italiae, provinciarum (1560)
  • De dialogo liber (1562)
  • De Romanae jurisprudentiae judiciis (1574)
  • De republica Atheniensium (1564)
  • De Atheniensium et Lacedaemoniorum temporibus (1565)
  • Historia bononiensis (1578)
  • De occidentali imperio (1579)
  • De regno Italiae (1580)
  • De republica Hebraeorum (1582)

BibliografiaModifica

  • Ludovico Antonio Muratori, Vita, premessa all'ediz. degli Opera omnia, I, Milano 1732;
  • Girolamo Tiraboschi, Storia della letteratura italiana, VIII, ii; Biblioteca modenese, V, 1784, p. 76 segg.;
  • Giovanni Franciosi, Della vita e delle opere di Carlo Sigonio, in Scritti varii, Firenze 1878, p. 7 segg.;
  • Giulio Bertoni, Emilio Paolo Vicini, Nota sigoniana, Modena 1906;
  • Umberto Benassi, in Archivio storico per le province parmensi, n. s., XII (1912);
  • D. Fava, in Atti e memorie della Deputazione di storia patria per le provincie modenesi, s. 7ª, VII (1930);
  • A. Sorbelli, Storia della stampa in Bologna, Bologna 1929, p. 115;
  • Giovanni Zaccagnini, Storia della stampa in Bologna, Bologna 1929, p. 115;
  • Giovanni Zaccagnini, Storia dello studio di Bologna durante il Rinascimento, Ginevra 1930, p. 288;
  • Luigi Simeoni, Documenti sulla vita e la biblioteca di Carlo Sigonio, in Studi e mem. per la storia dell'università di Bologna, XI, Imola 1933.
  • Johann Philipp Krebs, Carl Sigonius, einer der grössten Humanisten des sechszehnten Jahrhunderts, ein Vorbild aller Studirenden, 1840;
  • Hessel, De regno Italiae libri XX. von Carlo Sigonio, eine quellenkritische Untersuchung, 1900;
  • William McCuaig, Carlo Sigonio, the Changing World of the Late Renaissance. Princeton University Press 1989.
  • Guido Bartolucci, Carlo Sigonio, in Il contributo italiano alla storia del Pensiero: Storia e Politica, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2013.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN79727 · ISNI (EN0000 0000 7969 2775 · SBN IT\ICCU\SBLV\293699 · LCCN (ENn88282599 · GND (DE118797174 · BNF (FRcb123203633 (data) · BNE (ESXX1626917 (data) · NLA (EN35650564 · BAV ADV11554350 · CERL cnp00884229 · WorldCat Identities (ENlccn-n88282599