Carlo di Limburg-Stirum

politico e filantropo belga

Carlo Gaetano Cornelio Maria Francesco-Saverio Ghislain Liutprando di Limburg-Stirum (Huldenberg, 15 settembre 1906Bruxelles, 14 giugno 1989) è stato un politico e filantropo belga.

Apparteneva ad un'antichissima famiglia aristocratica del Lussemburgo, ed era figlio del conte Everardo di Limburg-Stirum e della baronessa Louise Gericke d'Herwijnen, mentre sua zia la contessa Maria possedeva e posseggono ancora oggi i suoi discendenti, il castello di Bois Saint Jean nel sud del Belgio.

BiografiaModifica

Il conte Carlo fu educato al ginnasio di Liegi e conseguì la laurea in filologia germanica all'Università di Gand, intraprendendo dal 1937 un'intensa attività politica per il Partito Liberale Belga, divenendo uno dei capi principali del gruppo politico belga dei "cittadini del mondo", anti-nazionalisti e di spinte sia liberali che democratiche. Nonostante ciò, il conte Carlo, che amava molto la tradizione culturale del suo paese, si arruolò nell'artiglieria belga contro i tedeschi che durante la Seconda Guerra Mondiale avevano invaso il Belgio; catturato, passò due anni di detenzione in Germania, per poi essere rilasciato e si unì alla resistenza locale nelle Ardenne, trasformando il suo castello di Bois Saint Jean in uno dei fulcri delle attività anti-naziste e in un deposito di armi per i partigiani belgi. Durante l'offensiva von Rundstedt nel 1944, il castello fu occupato e l'attività partigiana scoperta, quindi il gruppo fu arrestato e detenuto nel campo di concentramento di Buchenwald.

Dopo la guerra il conte fu liberato da un corpo d'armata americano e tornò in Belgio, dove come atto di riconoscenza all'aristocratico partigiano, la gente di Huldenberg raccolse una colletta per ricostruire quelle parti del castello di Bois Saint Jean andate distrutte durante la guerra. Fu eletto senatore per il partito della Democrazia Christiana (1949-1950) e fu Gentiluomo Guardasigilli per Leopoldo III prima della sua abdicazione, per poi abbandonare la carica nel 1971 e dedicarsi agli aiuti umanitari ai paesi dell'Africa e si prodigò per l'indipendenza del Congo belga; inoltre versò ingenti somme di denaro all'U.N.I.C.E.F. e condusse alcune missioni umanitarie in Giappone in aiuto ai colpiti dagli effetti della bomba atomica.

OnorificenzeModifica

Onorificenze belgaModifica

  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Leopoldo II
  Cavaliere dell'Ordine di Leopoldo
  Croix de guerre belga (1939-1945)
  Medaglia commemorativa alla guerra del 1940-1945 (Belgio)
  Prisoner of War Medal
  • Medaglia della resistenza

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano (Regno Unito)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Gregorio Magno (Stato Pontificio)
  Cavaliere di Gran Croce della Corona di Quercia (Lussemburgo)
  Gran Croce dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile)
  Cavaliere di I Classe dell'Ordine del Sol Levante (Giappone)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Orange-Nassau (Paesi Bassi)
  Gran Decorazione d'Onore in Oro con Fascia dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito (Senegal)
  Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare (Svezia)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona della Thailandia
  Grand'Ufficiale dell'Ordine della Bandiera di Jugoslavia
  Medaglia della liberazione della Francia

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie