Carlo di Svezia

nobile
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi con il nome di Carlo di Svezia, vedi Carlo di Svezia (disambigua).
Carlo di Svezia
Carl of Sweden (1861) 1929.jpg
Carlo di Svezia in una fotografia del 1929
Duca di Västergötland
Stemma
In carica 27 febbraio 1861 –
24 ottobre 1951
Predecessore Titolo creato
Successore Daniel Westling
Principe di Svezia
In carica 27 febbraio 1861 –
24 ottobre 1951
Predecessore Titolo creato
Successore Titolo estinto
Principe di Norvegia
In carica 27 febbraio 1861 –
7 giugno 1905
Nome completo svedese: Oscar Carl Wilhelm
italiano: Oscar Carlo Guglielmo
Trattamento Sua Altezza Reale
Nascita Palazzo del Principe Ereditario, Stoccolma, Svezia, 27 febbraio 1861
Morte Hovslagaregatan, Stoccolma, Svezia, 24 ottobre 1951
Sepoltura Cimitero Reale, Solna
Dinastia Bernadotte
Padre Oscar II di Svezia
Madre Sofia di Nassau
Consorte Principessa Ingeborg di Danimarca
Figli Margherita
Marta
Astrid
Carlo
Religione Luterana

Carlo di Svezia, nome completo Oskar Carl Vilhelm Bernadotte[1] (Stoccolma, 27 febbraio 1861Stoccolma, 24 ottobre 1951), fu principe di Svezia e duca di Västergötland dalla nascita, ed inoltre fu principe di Norvegia dalla nascita al 1905, anno in cui terminò l'Unione dinastica dei due regni[1].

BiografiaModifica

InfanziaModifica

 
Carlo in tenera età

Era il terzo figlio di re Oscar II di Svezia e della regina Sofia di Nassau[1], al momento della sua nascita principi ereditari di Svezia e di Norvegia.
I suoi nonni paterni erano re Oscar I di Svezia e di Norvegia e la regina Giuseppina di Leuchtenberg; quelli materni il duca Guglielmo di Nassau e la sua seconda moglie, la duchessa Paolina di Württemberg.

Era conosciuto come "il Principe Blu", perché indossava spesso l'uniforme di colore blu a cui apparteneva in modo cerimoniale[2]. Nella sua carriera militare raggiunse il grado di generale di cavalleria. Fu presidente della Croce Rossa svedese (1906-1945).

MatrimonioModifica

 
Ingeborg di Danimarca e Carlo di Svezia in una fotografia del 1920

Nel maggio 1897 il principe Carlo si fidanzò con la principessa Ingeborg di Danimarca, figlia di re Federico VIII di Danimarca e di Luisa di Svezia. La madre di Ingeborg era una cugina di primo grado del principe Carlo. Nel 1947, in occasione del loro 50º anniversario di matrimonio, Carlo ammise che il loro matrimonio era stato completamente organizzato dai rispettivi padri e Ingeborg stessa aggiunse: "Ho sposato un completo sconosciuto!".

La coppia si sposò il 27 agosto 1897 al Palazzo di Christiansborg, a Copenaghen, e trascorse il viaggio di nozze in Germania. Fu un matrimonio armonioso.

La coppia si stabilì a Stoccolma ed ebbe quattro figli.[1]

Discendenza realeModifica

 
La famiglia di Carlo e di Oscar II di Svezia

Tra i loro discendenti si annoverano le attuali famiglie regnanti di Norvegia, del Belgio e di Lussemburgo.

Pretendente al trono di NorvegiaModifica

 
Carlo di Svezia come Pretendente al trono di Norvegia

Il principe Carlo fu candidato al trono di Norvegia quando, nel 1905, fu sciolta l'unione dinastica con la Svezia. Si pensava che eleggere un principe svedese come re fosse un modo meno radicale per la Norvegia di separarsi dall'unione, e quindi un approccio più pacifico. Carlo fu scelto perché il fratello maggiore avrebbe ereditato il trono svedese ed il suo secondo fratello aveva rinunciato al suo status reale per contrarre un matrimonio ineguale.

 
Il principe Carlo ritratto da Anders Zorn nel 1898

Tuttavia, il padre di Carlo, il re Oscar II di Svezia, non approvò la proposta, poiché vide l'intera "sommossa" che fece precipitare la crisi norvegese come una cospirazione e un tradimento contro i suoi diritti come re di Norvegia e non volle che nessuno dei suoi figli venisse coinvolto con persone che considerava suoi nemici. Pertanto il principe Carlo non divenne re di Norvegia. Invece, un principe danese, Carlo di Danimarca, fratello maggiore di Ingeborg, fu eletto dopo alcune turbolenze diplomatiche, prendendo il nome di Haakon VII. In seguito, però, la figlia del principe Carlo, Marta, avrebbe sposato il figlio di Haakon VII, il futuro re di Norvegia Olav V. L'attuale re Harald V di Norvegia è quindi un nipote del principe Carlo.

MorteModifica

 
La tomba di Carlo di Svezia e Ingeborg di Danimarca

Il principe Carlo morì il 24 ottobre 1951 a Stoccolma ed è stato inumato nel Cimitero Reale di Solna.

DiscendenzaModifica

 
Carlo, duca di Västergötland fotografato con i figli

Carlo e Ingeborg di Danimarca ebbero quattro figli:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Carlo XIV Giovanni di Svezia Jean Henri Bernadotte  
 
Jeanne de Saint-Vincent  
Oscar I di Svezia  
Désirée Clary François Clary  
 
Françoise Rose Somis  
Oscar II di Svezia  
Eugenio di Beauharnais Alessandro di Beauharnais  
 
Giuseppina de Tascher de la Pagèrie  
Giuseppina di Leuchtenberg  
Augusta di Baviera Massimiliano I di Baviera  
 
Augusta Guglielmina d'Assia-Darmstadt  
Carlo di Svezia  
Federico Guglielmo di Nassau-Weilburg Carlo Cristiano di Nassau-Weilburg  
 
Carolina d'Orange-Nassau  
Guglielmo di Nassau  
Luisa Isabella di Kirchberg Guglielmo Georg di Sayn-Hachenburg  
 
Isabella Augusta Reuss di Greiz  
Sofia di Nassau  
Paolo Federico di Württemberg Federico I del Württemberg  
 
Augusta di Brunswick-Wolfenbüttel  
Paolina di Württemberg  
Carlotta di Sassonia-Hildburghausen Federico di Sassonia-Altenburg  
 
Carlotta di Meclemburgo-Strelitz  
 

OnorificenzeModifica

Stemma di Carlo, Principe di Svezia e di Norvegia, Duca di Västergötland (1861-1905)
Stemma di Carlo, Principe di Svezia, Duca di Västergötland (1907-1951)

Onorificenze svedesiModifica

  Cavaliere e Commendatore degli Ordini di S. M. (Reale Ordine dei Serafini, RoK av KMO)
— dalla nascita
  Commendatore di Gran Croce del Reale Ordine di Vasa (KmstkVO)
— 28 aprile 1892
  Cavaliere del Reale Ordine di Carlo XIII (RCXIII:sO)
— dalla nascita
  Cavaliere onorario del Baliaggio di Svezia dell'Ordine dei Cavalieri Ospitalieri di San Giovanni di Gerusalemme
— tra il 1921 e il 1925
  Medaglia commemorativa d'argento del Giubileo di re Oscar II (OII:sJmt)
— 1897
  Medaglia delle nozze d'argento del Principe della Corona Gustavo e della Principessa della Corona Vittoria (GVSbm)
— 1906
  Medaglia delle nozze d'oro di re Oscar II e della regina Sofia (OIISGbmt)
— 6 giugno 1907
  Medaglia commemorativa del Giubileo di re Gustavo V (1928, GV:sJmt)
— 25 maggio 1928
  Medaglia commemorativa del Giubilo di re Gustavo V (GV:sJmtII, 1948)
— 21 maggio 1948

Onorificenze norvegesiModifica

  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone norvegese (Svezia-Norvegia)
— 21 gennaio 1904
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav
  Croce della Libertà di re Haakon VII

Onorificenze straniereModifica

  Decorazione d'Onore per Servizi alla Repubblica austriaca (classe ignota, mod. 1922, Austria)
  Cavaliere dell'Ordine reale di Santo Stefano d'Ungheria (Impero austro-ungarico)
  Cavaliere dell'Ordine dinastico della Fedeltà (Granducato di Baden)
  Cavaliere dell'Ordine del Leone di Zähringen (Granducato di Baden)
  Cavaliere dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
  Cavaliere dell'Ordine di Sant'Alessandro (Regno di Bulgaria)
  Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 31 agosto 1883
  Gran Commendatore dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca)
  Medaglia della Libertà di re Cristiano X (Danimarca)
  Medaglia commemorativa delle nozze d'oro di re Cristiano IX e della regina Luisa (Gb.E.T.)
— 26 maggio 1892
  Medaglia dell'Ordine della Croce rossa estone (Estonia)
  Cavaliere di I classe dell'Ordine della croce della libertà (classe civile) (Finlandia)
  Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
  Commendatore dell’Ordine del Salvatore (Regno di Grecia)
  Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata (Regno d'Italia)
— 1913
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Regno d'Italia)
— 1913
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia (Regno d'Italia)
— 1913
  Commendatore dell'Ordine delle Tre Stelle (Lettonia)
  Membro di I Classe dell'Ordine di Osmanie (Impero ottomano)
  Cavaliere dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi)
  Cavaliere dell'Ordine della Polonia restituta (Polonia)
  Cavaliere del Reale Ordine militare della Torre e della Spada, del valore, lealtà e merito (Regno di Portogallo)
  Cavaliere dell'Ordine supremo dell'Aquila Nera (Regno di Prussia)
  Cavaliere di gran croce dell'Ordine dell'Aquila Rossa (Regno di Prussia)
  Cavaliere di gran croce onorario dell'Ordine Reale Vittoriano (G.C.V.O. (hon.), Regno Unito)
  Cavaliere dell'Ordine della Stella di Romania (Regno di Romania)
  Cavaliere dell'Ordine imperiale di Sant'Alexander Nevsky (Impero russo)
  Cavaliere dell'Ordine imperiale dell'Aquila Bianca (Impero russo)
  Cavaliere di I Classe dell'Ordine imperiale di Sant'Anna (Impero russo)
  Cavaliere di I Classe dell'Ordine imperiale di San Stanislao (Impero russo)
  Cavaliere dell'Illustrissimo Ordine della Casata Reale di Chakri (Regno di Siam ora Thailandia)

NoteModifica

  1. ^ a b c d Darryl Lundy, Genealogia del principe Carlo di Svezia, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 17 settembre 2009.
  2. ^ http://www.ne.se/uppslagsverk/encyklopedi/lång/blå-prinsen

BibliografiaModifica

  • Bomann-Larsen, Tor: Folket - Haakon & Maud II (2004; in norvegese)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN59069781 · ISNI (EN0000 0001 1064 5492 · GND (DE1153423863 · WorldCat Identities (ENviaf-59069781