Carno

indovino nella mitologia greca

Carno (in greco antico: Κάρνος?, Kárnos), noto anche come Carneio o Carneo, è un personaggio della mitologia greca. Fu un Indovino.

Carno
Nome orig.Κάρνος
Caratteristiche immaginarie
SessoMaschio
ProfessioneIndovino

Genealogia modifica

Figlio di Zeus e di Europa, fu adottato da Apollo e Leto.[1]

Mitologia modifica

Carno era un indovino proveniente dall'Acarnania. Quando giunse presso l'esercito degli Eraclidi che, riuniti a Naupatto si apprestavano ad invadere il Peloponneso, Ippote (figlio di Filante)[2] ordinò che venisse ucciso, credendolo una spia.
Alcuni giorni dopo scoppiò un'epidemia di peste che sconvolse l'esercito e l'oracolo, consultato, rivelò che la causa di ciò era l'ira di Apollo, sdegnato per l'uccisione del suo sacerdote.[2]

Per punizione Ippote fu cacciato via[2] mentre gli Eraclidi tributarono un culto ad Apollo «Carneio».[3]

Note modifica

  1. ^ (EN) Pausania, Periegesi della Grecia, III, 13.5, su Theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  2. ^ a b c (EN) Apollodoro, Biblioteca, II, 8.5. URL consultato il 20 agosto 2019.
  3. ^ (CA) Pierre Grimal, Diccionari de mitologia grega i romana, Barcelona, Edicions de 1984, 2008, p. 90, ISBN 978-84-96061-97-2.

Voci correlate modifica