Apri il menu principale
Carol Channing

Carol Channing (Seattle, 31 gennaio 1921[1]Palm Springs, 15 gennaio 2019) è stata un'attrice e cantante statunitense. Ha ricevuto tre Tony Award (incluso uno per la durata della sua vita), un Golden Globe e una nomination per un Oscar. La Channing è meglio conosciuta per aver dato vita, a Broadway, a Lorelei Lee, personaggio della commedia musicale Gli uomini preferiscono le bionde, ed alla vedova Dolly Gallagher Levi in Hello, Dolly!.

Indice

Infanzia e studiModifica

La Channing è nata a Seattle (Washington), da George Channing, il cui vero nome era George Christian Stucker, cambiato poi dopo la nascita di Carol (1880-1952) e Adelaide Glaser (1886-1984), e fu la loro unica figlia. Suo padre era un editore del Seattle Star, la cui carriera da giornalista portò la famiglia a trasferirsi a San Francisco quando la Channing aveva solo due settimane di vita. Suo padre George divenne poi un professionista di scienza cristiana ed insegnante. Carol frequentò l'Aptos Middle School e la Lowell High School di San Francisco. Alla Lowell, la Channing fu membro del suo famigerato Lowell Forensic Society, il gruppo di discussione liceale più vecchio della nazione.

A quanto dicono le memorie di Carol, quando lasciò la sua casa per frequentare il Bennington College nel Vermont, sua madre la informò che suo padre, un giornalista che Carol credeva fosse nato nel Rhode Island, in realtà nacque in Augusta (Georgia), da un padre di origini tedesche e da un'afroamericana. Secondo il resoconto di Carol, sua madre le rivelò questo fatto in modo in cui lei non rimanesse sorpresa nel caso che "avesse avuto un figlio di colore"[2][3]. La Channing conservò questo segreto per evitare qualunque problema a Broadway oppure ad Hollywood. Lo rivela soltanto nella sua autobiografia, Just Lucky I Guess, pubblicata nel 2002 ad 82 anni. Quest'ultima contiene una fotografia della madre, ma riporta alcuna fotografia del padre o del figlio.[4] Il suo libro riporta inoltre che il certificato di nascita del padre è andato distrutto in un incendio. (Il 4 novembre 2002 il Jet magazine riportò in un servizio, basato sulla sua autobiografia, che il padre di Carol Channing era Afro-Americano).

CarrieraModifica

Carol Channing debuttò a Broadway nel 1941, come sostituta di Eve Arden nel musical Let's Face It!. Sette anni dopo tornò sulle scene di Broadway con un ruolo regolare da non protagonista in Lend an Ear, per cui vinse il Theatre World Award. Fu notata dal caricaturista ed illustratore Al Hirschfeld, di cui divenne uno dei soggetti preferiti: l'immagine della Channing sul programma di sala ebbe un successo ben oltre la produzione teatrale, la rese un volto riconoscibile che le fece ottenere il suo ruolo successivo.[5] Nel 1949 ottenne il ruolo di Lorelei Lee nel musical di Jule Styne Gli uomini preferiscono le bionde, che le portò il successo e la canzone Diamonds Are a Girl's Best Friend, di cui fu la prima interprete. Negli anni cinquanta cominciò a lavorare anche in televisione e ottenne la sua prima candidatura al Tony Award alla miglior attrice protagonista in un musical per la sua interpretazione in The Vamp a Broadway.[6]

Dopo una seconda candidatura per Show Girl nel 1961, la Channing vinse il premio nel 1964, per la sua interpretazione nel ruolo di Dolly Gallagher Levi. La Channing, infatti, era stata scelta come protagonista nel musical di Jerry Herman e Michael Stewart Hello, Dolly!, debuttato a Broadway nel 1964. Il musical fu uno straordinario successo, rimase in scena per oltre tremila repliche e divenne il musical più longevo della storia di Broadway. Il musical le portò premi teatrali, recensioni entusiastiche e inviti ad esibirsi in sedi prestigiose come la Casa Bianca; divenne una delle attrici preferite di Lady Bird Johnson.[7]

Negli anni cinquanta aveva affiancato alla carriera televisiva e teatrale anche quella cinematografica. Sul grande schermo ottenne il suo più grande successo con Millie, diretto da George Roy Hill e con Julie Andrews nel ruolo della protagonista. Per la sua interpretazione nel ruolo di Muzzy, la Channing vinse il Golden Globe per la migliore attrice non protagonista e fu candidata all'Oscar alla miglior attrice non protagonista. Dopo Millie tornò a Broadway con Lorelei (1974) e a recitare nei panni di Dolly in Hello, Dolly!, in tournée negli Stati Uniti nel 1977, di nuovo a Broadway nel 1978 e a Londra nel 1979. Interpretò nuovamente l'eccentrica vedova in un tour del 1982, in uno del 1994, a Broadway nel 1995 e in una tourné d'addio nel 1996. La sua ultima volta come Dolly avvenne il 23 febbraio 1997 e, per allora, aveva già ricoperto il ruolo per oltre cinquemila repliche.[8]

È morta per cause naturali nella sua casa in California il 15 gennaio 2019; in suo onore le luci di Broadway sono state spente per un minuto.[9]

Filmografia parzialeModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DoppiaggioModifica

TeatroModifica

 
Peter Balmer e Carol Channing in Lorelai a Broadway, 1973
  • No for an Answer, Mecca Temple di New York (1941)
  • Let's Face It!, Imperial Theatre di Broadway (1941)
  • Proof Thro' the Night, Morosco Theatre di Broadway (1942)
  • Lend an Ear, Mansfield Theatre di Broadway (1948)
  • Gentlemen Prefer Blondes, Ziegfeld Theatre di Broadway (1949)
  • Gentlemen Prefer Blondes, tour statunitense (1952)
  • Pigmalione, Ivoryton Playhouse di Essex (1953)
  • Wonderful Town, Winter Garden Theatre di Broadway (1954)
  • Wonderful Town, tour statunitense (1954)
  • The Vamp, Winter Garden Theatre di Broadway (1955)
  • Show Business, tour statunitense (1959)
  • Show Girl, Eugene O'Neill Theatre di Broadway (1961)
  • La miliardaria, Brown Theatre di Louisville (1963)
  • Hello, Dolly!, St James Theatre di Broadway (1964)
  • Hello, Dolly!, tour statunitense (1966)
  • Four on a Garden, Broadhurst Theatre di Broadway (1971)
  • Lorelei, Palace Theatre di Broadway (1973)
  • Julie's Friends at the Palace, Palace Theatre di Broadway (1974)
  • The Bed Before Yesterday (1976)
  • Hello, Dolly!, Lunt-Fontanne Theatre di Broadway e tour USA (1978)
  • Hello, Dolly!, Theatre Royal Drury Lane di Londra (1979)
  • Sugar Babies, tour statunitense (1980)
  • Jerry's Girls, tour statunitense (1984)
  • Legends!, tour statunitense (1985)
  • Hello, Dolly!, Lunt-Fontanne Theatre di Broadway e tour USA (1995)
  • Carol Channing: The First Eighty Years Are the Hardest, Feinstein's at the Regency (2005)

Doppiatrici italianeModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) , consultato il 17 agosto 2010
  2. ^ (EN)
  3. ^ (EN)
  4. ^ (EN)
  5. ^ Steven Winn, Chronicle Arts, Culture Critic, Looking swell / Carol Channing's back in the spotlight with memoir and plans for new show, su SFGate, 24 ottobre 2002. URL consultato il 16 gennaio 2019.
  6. ^ Ovarian Cancer: The Reality, su OUTInPerth - LGBTIQ News and Culture, 4 febbraio 2011. URL consultato il 16 gennaio 2019.
  7. ^ (EN) ‘Hello, Lyndon!’ Joins Campaign At Democratic Parley Next Week; Herman, Composer, to Play Song for Carol Channing at Atlantic City Meeting, in The New York Times, 21 agosto 1964. URL consultato il 16 gennaio 2019.
  8. ^ Redirecting..., su t.umblr.com. URL consultato il 16 gennaio 2019.
  9. ^ (EN) Ryan McPhee, Broadway Theatres to Dim Marquees for the Late Carol Channing, su Playbill, Tue Jan 15 14:40:36 EST 2019. URL consultato il 16 gennaio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN42029623 · ISNI (EN0000 0000 6309 9352 · LCCN (ENn81080999 · GND (DE124259030 · BNF (FRcb139378746 (data)