Caroline Garcia

tennista francese
Caroline Garcia
Garcia RG22 (15) (52144571655).jpg
Caroline Garcia nel 2022
Nazionalità Francia Francia
Altezza 177 cm
Peso 61 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 336 - 266 (55,81%)
Titoli vinti 9 WTA, 1 WTA 125, 1 ITF
Miglior ranking 4ª (10 settembre 2018)
Ranking attuale 70ª (17 gennaio 2022)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 4T (2018)
Francia Roland Garros QF (2017)
Regno Unito Wimbledon 4T (2017, 2022)
Stati Uniti US Open 3T (2016, 2017, 2018, 2020)
Altri tornei
WTA logo 2010.svg Tour Finals SF (2017)
Olympic flag.svg Giochi olimpici 2T (2016)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 162 - 98 (62,31%)
Titoli vinti 8 WTA, 5 ITF
Miglior ranking 2ª (24 ottobre 2016)
Ranking attuale 194ª (17 gennaio 2022)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open SF (2017)
Francia Roland Garros V (2016, 2022)
Regno Unito Wimbledon QF (2016)
Stati Uniti US Open F (2016)
Altri tornei
WTA logo 2010.svg Tour Finals SF (2016)
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (2016, 2021)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte 1 - 2
Titoli vinti 0
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros 1T (2015, 2021)
Regno Unito Wimbledon 2T (2015)
Stati Uniti US Open
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (2016)
Palmarès
Oro Francia Francia Fed Cup 2019
Argento Francia Francia Fed Cup 2016
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 27 settembre 2020

Caroline Garcia (Saint-Germain-en-Laye, 16 ottobre 1993) è una tennista francese.

Ottima doppista, in coppia con la connazionale Kristina Mladenovic si è aggiudicata l'Open di Francia 2016 e l'edizione 2022 e si è spinta fino alla 2ª posizione del ranking a fine ottobre del 2016. Altrettanto valida giocatrice nel singolare, vanta un quarto di finale all'Open di Francia 2017. In seguito, raggiunge il quarto posto WTA, suo best ranking, nel settembre del 2018. Nel corso della sua carriera ha vinto un totale di sedici tornei WTA: 8 nel singolo, tra cui il prestigioso China Open 2017, e altrettanti in doppio, disciplina in cui, oltre ai due Slam vinti in patria, si è aggiudicata anche il Mutua Madrid Open 2016. Inoltre vanta una semifinale nel singolare alle WTA Finals 2017 e una nel doppio raggiunta l'anno precedente.

CarrieraModifica

 
Caroline Garcia al Roland Garros nel 2011

Prende parte a un torneo dello Slam per la prima volta agli Australian Open 2011 dove ottiene l'accesso grazie a una wild-card e, dopo avere superato al primo turno Varvara Lepchenko, viene eliminata da Ayumi Morita.

Al Roland Garros dello stesso anno prende parte ancora grazie a una wild-card e arriva nuovamente al secondo turno, dove affronta la testa di serie numero 7 Marija Šarapova. In questo match riesce a vincere il primo set e a portarsi in vantaggio 4-1 nel secondo set, prima di venire rimontata e sconfitta dalla tennista russa; dopo questa prestazione diversi grandi tennisti come Andy Murray e Martina Navrátilová l'hanno predetta futura numero uno.[1]

Dopo essere stata eliminata dal torneo senior partecipa comunque al singolare ragazze come terza testa di serie e raggiunge le semifinali. Al di fuori dei tornei del Grande Slam ha raggiunto tre finali ITF, due da 25 000$ e una da 50 000$, uscendone però sempre sconfitta. Riesce a vincere invece due tornei ITF in doppio, uno da 10 000$ nel 2009 insieme a Elixane Lechemia e uno da 50 000$ nel 2011 insieme a Aurélie Védy. Agli US Open 2011 raggiunge la finale del singolare ragazze ma perde in due set contro l'americana Grace Min.

 
Caroline Garcia nel 2014

Si avventura fino alle semifinali dell'Abierto Mexicano Telcel 2014, superando sulla sua strada le canadesi Fichman e Bouchard ma si arrende in un match lungo tre set all'americana Christina McHale.[2] Il 13 aprile 2014 vince il primo titolo in singolare, a Bogotá, battendo in due set la serba Jelena Janković. Nello stesso torneo vince anche il titolo di doppio in coppia con la spagnola Lara Arruabarrena.[3]

Nel 2015 raggiunge due finali WTA entrambe in Messico, ad Acapulco e Monterrey, ma in ambedue le occasioni viene sconfitta dall'elvetica Timea Bacsinszky nella prima occasione 6-3 6-0, nella seconda 6-4 2-6 4-6.

2016: un anno di successi sia in singolare che in doppioModifica

 
Caroline Garcia all'US Open nel 2016

In singolare ottiene tre finali: la prima a Strasburgo, che raggiunge battendo Flipkens e Teichmann in due set, approfittando di un W/O contro la Stosur e sconfiggendo la connazionale Razzano in semifinale. Nell'ultimo atto elimina Mirjana Lučić-Baroni con lo score di 6-4 6-1. Centra la seconda a Mallorca e vince il titolo piegando Anastasija Sevastova in due set; per la Garcia si tratta del 4º titolo della carriera, il primo sull'erba. Invece a Limoges viene battuta da Ekaterina Alexsandrova in due set.

A ottobre raggiunge anche il best-ranking di numero 23 del mondo, posizione che manterrà fino alla fine della stagione.

A livello di doppio, assieme alla connazionale Kiki Mladenovic, forma una delle coppie più forti del 2016: raggiungono otto finali e colgono quattro titoli, il più importante dei quali al Roland Garros: nel torneo di casa raggiungono l'ultimo atto e battono Makarova/Vesnina per 6-3 2-6 6-4. Era dal 2000 che una francese (in quell'annata Mary Pierce) non conquistava il titolo, mentre l'ultima coppia interamente francese a vincere il torneo è stato il team formato da Suzanne Lenglen/Julie Vlasto nel 1926. A ottobre raggiunge il numero 2 del mondo nella specialità, suo best-ranking. La coppia ottiene il successo anche nei premier di Charleston e Stoccarda e nel Premier Mandatory di Madrid, sconfiggendo nelle ultime 2 circostanze Hingis e Mirza. Le altre quattro finali, perse, vengono raggiunte a Sydney, a Dubai, a Pechino e soprattutto a New York, dove sono state piegate da Mattek-Sands e Safarova. Alle WTA Finals si sono presentate in qualità di numero 1 del seeding e, dopo il successo su Plíšková/Görges, hanno perso in semifinale nuovamente contro Mattek/Safarova.

2017: semifinale agli Australian Open in doppio, due vittorie nei tornei WTA e Top 10Modifica

La sua stagione inizia con la partecipazione agli Australian Open, dove le viene assegnata la 21ª testa di serie. Sconfigge Kateryna Bondarenko per 7-6 6-4 e la connazionale Océane Dodin per 6-7 6-4 6-4, per poi essere eliminata dalla testa di serie n° 16, Barbora Strýcová, per 2-6 5-7. Nel doppio è testa di serie n° 1; sempre in coppia con la connazionale Kristina Mladenovic arriva fino alla semifinale, dove sono costrette ad arrendersi a Peng Shuai/Andrea Sestini Hlaváčková per 6-7 2-6. Questo diventa il loro miglior risultato nel primo Grand Slam. A Taiwan è testa di serie n° 3 ottenendo così un bye. Sconfigge con facilità Marina Eraković, ma viene eliminata a sorpresa da Mandy Minella con un doppio 4-6. A Qatar, dopo avere battuto per 6-3 nel terzo set Madison Brengle, viene estromessa da Karolína Plíšková, testa di serie n° 2, per 5-7 4-6. A Dubai è testa di serie n° 15; supera con un doppio 6-3 Johanna Larsson, per poi essere fermata da Mónica Puig per 2-6 nel terzo set. Nel doppio lei e Kristina Mladenovic sono teste di serie n° 1, ma vengono fermate nei quarti di finale per 3-10 nel set decisivo da Jaroslava Švedova/Chan Hao-ching. In Malesia è testa di serie n° 3, ma non va oltre al primo turno dove viene fermata da Anna Kalinskaja per 5-7 2-6. Si presenta agli Indian Wells come testa di serie n° 21. Dopo avere usufruito di un bye sconfigge Evgenija Rodina con un doppio 6-3 e Johanna Konta per 3-6 6-2 7-6, per poi venire sconfitta da Svetlana Kuznecova per 1-6 4-6. Nel doppio, in coppia con Karolína Plíšková, non va oltre il secondo turno, perdendo per 11-13 nel set decisivo. A Miami esce di scena a sorpresa per mano di Peng Shuai che la batte per 4-6 0-6.

Si presenta come testa di serie n° 3 nel Monterrey Open. Qui si spinge fino alla semifinale battendo Renata Zarazúa (4-6 6-2 6-3), Nadia Podoroska (6-0 6-3), Julia Boserup (6-3 6-2), per poi perdere contro la testa di serie n° 2, Anastasija Pavljučenkova, per 2-6 4-6. A Madrid esce di scena subito per mano di Wang Qiang, la quale la sconfigge per 4-6 3-6. A Roma non fa meglio: raggiunge solamente il secondo turno dove, dopo avere sconfitto per 7-6 3-6 7-6 Donna Vekić, perde contro Dar'ja Gavrilova (5-7 6-3 3-6). A Strasburgo è 5ª testa di serie e centra la seconda semifinale dell'anno. Dopo avere sconfitto Jennifer Brady per 6-3 6-4, Magda Linette per 6-3 6-3 e Kristýna Plíšková per 7-6 6-2 perde nuovamente contro Dar'ja Gavrilova per 4-6 2-6. Al Roland Garros è testa di serie n° 28 e raggiunge i quarti di finale, suo miglior risultato. Sconfigge Nao Hibino con un doppio 6-2, Chloé Paquet per 7-5 6-4, Hsieh Su-wei per 6-4 4-6 9-7, Alizé Cornet per 6-2 6-4, per poi perdere contro la testa di serie n° 2, Karolína Plíšková, per 6-7 4-6. A Maiorca è testa di serie n° 3; qui raggiunge la terza semifinale dell'anno. Dopo avere superato Jelena Janković (6-4 6-4), Jana Čepelová (6-3 6-7 6-3) e Roberta Vinci (6-2 7-6) perde contro Anastasija Sevastova per 4-6 2-6.

A Wimbledon è testa di serie n° 21 e arriva fino al quarto turno, suo miglior risultato, dove viene sconfitta dalla 6ª testa di serie, Johanna Konta, per 6-7 6-4 4-6.

In Svizzera è testa di serie n° 1, ma viene sorprendentemente eliminata al terzo turno da Tereza Martincová per 5-7 6-7. In Svezia è 3ª testa di serie e centra la sua quarta semifinale. Supera Irina-Camelia Begu (5-7 6-3 6-4), Sara Errani (6-1 6-0), Barbora Krejčíková (6-2 4-6 7-5); viene fermata da Kateřina Siniaková (2-6 5-7).

A Montreal si spinge fino ai quarti di finale, dove incontra Simona Halep che la sconfigge per 4-6 2-6. A Cincinnati viene eliminata subito da Elena Vesnina per 6-4 4-6 4-6. Agli US Open è 18ª testa di serie; qui ripete il terzo turno dell'anno precedente venendo sconfitta da Petra Kvitová per 0-6 6-4. A Tokyo è testa di serie n° 9 e arriva fino ai quarti di finale: dopo avere sconfitto Aljaksandra Sasnovič per 6-4 6-3 e Kurumi Nara per 6-1 6-3 perde contro Garbiñe Muguruza per 2-6 4-6. Il 30 settembre vince il torneo di Wuhan battendo Angelique Kerber per 3-6 6-3 6-1, Christina McHale per 6-1 6-1, Dominika Cibulková per 6-3 7-5, Ekaterina Makarova per 7-63 6-4, Maria Sakkarī per 6-3 6-2 e Ashleigh Barty per 36-7 7-64 6-2. L'8 ottobre vince un altro torneo, stavolta il China Open. Qui sconfigge Elise Mertens per 7-64 6-4, Alizé Cornet per 6-2 6-1, Elina Svitolina per 56-7 7-5 7-68, Petra Kvitová per 6-3 7-5 e Simona Halep per 6-4 7-63. A Singapore prende parte alle WTA Finals arrivando alla semifinale, dove perde contro Venus Williams per 7-63 2-6 3-6.

Chiude l'anno all'8ª posizione del ranking mondiale, suo miglior piazzamento della stagione. Nel doppio scivola di 71 posizioni, arrivando alla n° 73.

2018: settimo titolo WTA e Top 5Modifica

 
Caroline Garcia agli US Open nel 2018

Inizia la nuova stagione prendendo parte al Brisbane International, dove è testa di serie n° 4. Dopo un bye è costretta al ritiro al secondo turno contro Alizé Cornet su un punteggio di 6-3 3-6 0-0. Si presenta come testa di serie n° 8 agli Australian Open, dove migliora il suo risultato spingendosi fino al quarto turno. Qui, dopo avere sconfitto Carina Witthöft (7-5 6-3), Markéta Vondroušová (36-7 6-2 8-6) e Aljaksandra Sasnovič (6-3 5-7 6-2) perde contro Madison Keys per 3-6 2-6. Grazie a questo risultato raggiunge la posizione n° 7, migliorando il precedente best ranking. Al St. Petersburg Ladies Trophy è 3ª testa di serie, ma viene eliminata a sorpresa da Elena Rybakina per 6-4 66-7 56-7. In Qatar è 7º testa di serie e si spinge fino ai quarti di finale dove, dopo avere superato Dominika Cibulková (6-3 36-7 6-0) e Anna Blinkova (7-63 7-5), il suo cammino si interrompe per mano di Garbiñe Muguruza, la quale la sconfigge per 6-3 1-6 4-6. A Dubai è 5ª testa di serie e dopo avere sconfitto Lucie Šafářová per 6-3 7-5 e Ekaterina Makarova per 6-4 6-2 viene fermata nuovamente da Garbiñe Muguruza (5-7 2-6). Agli Indian Wells è testa di serie n° 7; supera Jennifer Brady per 6-4 6-4 e Dar'ja Gavrilova per 7-5 6-4, poi viene estromessa per mano di Angelique Kerber, che la batte con un doppio 1-6. A Miami, dopo avere usufruito del bye al primo turno, viene sconfitta con un netto 3-6 1-6 da Alison Riske.

Prende parte al torneo di Charleston dove è la 1ª testa di serie. Dopo avere estromesso senza difficoltà Varvara Lepchenko (6-2 6-3) viene rimontata dalla connazionale Alizé Cornet per 7-5 1-6 4-6. Si presenta a Stoccarda dove gioca un ottimo torneo, arrivando fino alla semifinale. Qui, prima di cedere a Coco Vandeweghe per 4-6 2-6, elimina Marija Šarapova per 3-6 7-66 6-4, Marta Kostjuk per 6-1 3-6 7-5 ed Elina Svitolina per 46-7 6-4 6-2. A Madrid centra un'altra semifinale, stavolta eliminando Dominika Cibulková per 6-1 7-5, Petra Martić per 6-3 7-5, Julia Görges per 6-2 6-4 e Carla Suárez Navarro per 6-2 6-3, prima di perdere con un doppio 2-6 per mano di Kiki Bertens. A Roma estromette Tímea Babos per 6-3 6-4, Sloane Stephens per 6-1 7-67, ma viene fermata nei quarti di finale dalla n° 1, Simona Halep, per 2-6 3-6. Nell'Open di Francia supera con agilità Duan Yingying per 6-1 6-0, Peng Shuai per 6-4 3-6 6-3, Irina-Camelia Begu per 6-1 6-3; viene fermata negli ottavi di finale da Angelique Kerber per 2-6 3-6, non riuscendo a ripetere il risultato dell'anno precedente. Sulla terra battuta di Maiorca è la 1ª testa di serie. Qui supera Hsieh Su-wei per 7-64 1-6 6-4, Johanna Larsson per 6-4 6-3; viene estromessa da Sofia Kenin nei quarti con un doppio 3-6.

A Wimbledon, sebbene sia la 6ª testa di serie, esce a sorpresa nel primo turno per mano di Belinda Bencic, la quale la liquida con il risultato di 26-7 3-6. Nonostante questa prematura sconfitta raggiunge il best ranking, entrando per la prima volta in Top 5, precisamente alla posizione n° 5.

A Toronto, dopo avere sconfitto Magdaléna Rybáriková e Marija Šarapova, si spinge fino ai quarti di finale, dove viene battuta dalla futura finalista, Simona Halep, per 5-7 1-6. Nel torneo di Cincinnati esce clamorosamente al secondo turno, venendo sconfitta da Aryna Sabalenka, futura vincitrice, per 4-6 6-3 5-7. In Connecticut non fa meglio, uscendo già ai quarti di finale contro Mónica Puig in tre set. Agli US Open supera Johanna Konta e nuovamente la Puig, prima di venire sconfitta da Carla Suárez Navarro per 7-5 4-6 64-7. Per quanto riguarda la classifica sale alla quarta posizione del ranking a causa della sconfitta della detentrice del titolo, Sloane Stephens. Nel torneo di Tokyo viene fermata nei quarti di finale da Donna Vekić. Inizia il tour cinese, dove deve difendere i titoli conquistati a Wuhan e Pechino. Sfortunatamente a Wuhan viene sconfitta all'esordio da Kateřina Siniaková per 6-3 65-7 64-7, mentre a Pechino viene battuta agli ottavi di finale da Aryna Sabalenka per 7-5 63-7 0-6. A causa di queste sconfitte premature perde punti preziosi scivolando fino alla 16ª posizione. Nonostante ciò si aggiudica il torneo di Tianjin avendo la meglio in finale su Karolína Plíšková per 7-6 6-3. Nel corso del torneo liquida in due set anche Xun Fangying per 6-4 6-1, Zhang Yuxuan per 6-3 6-4, Petra Martić per 6-2 1-0 (a causa del ritiro della croata) e Hsieh Su-wei per 6-3 6-4. Prende parte al torneo secondario del Masters di fine anno ottenendo solamente una vitoria contro Aryna Sabalenka, non sufficiente per passare la fase a gironi.

Termina la stagione alla 18ª posizione della classifica WTA.

2019: ottavo titolo WTA ed uscita dalla Top 30Modifica

 
Caroline Garcia nel 2019

Inizia malamente la stagione venendo sconfitta da Ivana Jorović a Shenzhen per 4-6 2-6, mentre a Hobart da Sofia Kenin per 3-6 2-6. All'Australian Open si impone sulla connazionale Jessika Ponchet per 6-2 6-3 e su Zoe Hives per 6-3 6-3, prima di cedere a Danielle Collins per 3-6 2-6. Nel torneo in Tailandia viene sconfitta all'esordio da Jennifer Brady, che ripeterà la vittoria a Dubai (secondo turno) e a Miami (primo turno). A Miami supera agevolmente Viktoryja Azaranka per 6-3 6-4 e Julia Görges per 6-0 7-5, prima di perdere contro Petra Kvitová con un doppio 3-6.

Inaugura la stagione sulla terra a Stoccarda con una sconfitta al primo turno inflittale da Anett Kontaveit. A Madrid supera i primi due turni contro Hsieh Su-wei e Sorana Cîrstea, per poi cedere nuovamente alla Kvitova. Agli Internazionali d'Italia viene sconfitta a sorpresa dalla connazionale Kristina Mladenovic, che le lascia solamente tre game. Si rifà a Strasburgo, dove raggiunge la finale ma senza aggiudicarsi il trofeo, persa contro Dajana Jastrems'ka (4-6 7-5 6-7). Nel corso del torneo si impone su Shelby Rogers, Rebecca Peterson, Marta Kostjuk e Chloé Paquet. Si presenta al Rolad Garros dove, dopo avere eliminato Mona Barthel per 6-2 6-4, cede in rimonta ad Anna Blinkova per 6-1 4-6 4-6.

Inizia la stagione sull'erba a Nottingham, dove si aggiudica l'ottavo titolo in carriera. Durante la corsa al titolo sconfigge Naiktha Bains per 6-1 6-2, Maia Lumsden per 6-3 6-1, Elena Gabriela Ruse per 4-6 7-6 6-1, Jennifer Brady per 4-6 6-3 6-3 e, nell'atto finale, Donna Vekić per 2-6 7-64 7-64. Disputa il torneo di Maiorca, dove viene fermata nei quarti di finale da Angelique Kerber (3-6 65-7) dopo avere estromesso in tre set Viktoryja Azaranka per 1-6 6-4 7-5 e Paula Badosa Gibert per 6-2 61-7 6-3. Nello Slam londinese soccombe nel primo turno a Zhang Shuai, che ha la meglio in due netti parziali.

Successivamente ritorna sulla terra a Losanna e in Lettonia. Qui viene fermata nel secondo turno rispettivamente da Bernarda Pera (2-6 4-6) e dalla connazionale Chloé Paquet (6-4 4-6 3-6). In preparazione allo Slam statunitense disputa i torneo Premier di Toronto e Cincinnati, uscendo in entrambe le occasioni all'esordio; viene estromessa rispettivamente da Jeļena Ostapenko (doppio 3-6) e da Iga Świątek (61-7 1-6). Non fa meglio nemmeno allo US Open, dove viene sorpresa da Ons Jabeur, che ha la meglio per 7-68 6-2. Per quanto riguarda la classifica precipita al 31º posto del ranking WTA. Inizia lo swing asiatico partecipando al nuovo torneo Premier, lo Zhengzhou Open. Qui al primo turno riesce a imporsi su Tereza Martincová con il punteggio di 6-4 4-6 7-5, prima di perdere nuovamente contro la Mladenovic, stavolta per 7-5 6-2. Nel resto della tournée asiatica non ottiene risultati di rilievo, cogliendo a Tianjin e Wuhan il secondo turno come migliori prestazioni. A novembre viene chiamata da Bennateau per disputare la sfida finale contro l'Australia: Garcia esordisce nel secondo match contro la n°1 del mondo Barty. Caroline cede 0-6 0-6 mentre in doppio, assieme a Mladenovic, conquista il punto decisivo contro la coppia australiana. Garcia vince la sua prima Fed Cup in carriera.

Termina l'anno al n°45 del mondo.

2020Modifica

Caroline inizia l'anno a Auckland: batte Taylor Townsend per 5-7 6-3 7-5 prima di perdere contro Bouchard in due set. A Hobart esce all'esordio, mentre all'Australian Open supera Madison Brengle in rimonta (6(5)-7 6-2 6-2) prima di cedere a Ons Jabeur per 6-1 2-6 3-6. A San Pietroburgo si arrende subito a Fiona Ferro; stessa sorte a Doha, dove viene immediatamente eliminata (da Bernarda Pera). A Lione raggiunge il primo quarto di finale della stagione battendo due belghe, ovvero Minnen (6-4 1-6 7-6(5)) e Bonaventure (7-5 6-2); tra le ultime otto il suo torneo si interrompe per mano di un'altra belga, la 5° testa di serie Alison Van Uytvanck.

Da marzo ad agosto il circuito WTA è costretto a una pausa forzata dovuta all'epidemia mondiale di COVID-19, che costringe all'annullamento di tutti i tornei previsti (compreso Wimbledon) e al rinvio dei giochi olimpici di Tokyo al 2021.

 
Garcia a Limoges nel 2021

La francese riprende a giocare al Western & Southern Open (straordinariamente disputato a New York): al primo turno elimina Sloane Stephens in due set, mentre al secondo soccombe alla futura campionessa del torneo Azarenka (2-6 6(8)-7). Agli US Open esordisce bene contro Jasmine Paolini, imponendosi per 6-3 6-2. Al secondo turno estromette Karolína Plíšková, n°3 del mondo, per 6-1 7-6(2). Garcia torna a battere una top-ten dopo quasi un anno e mezzo dall'ultima volta, quando aveva sconfitto Svitolina (n°4) a Stoccarda 2018. Al terzo turno la sua corsa si arresta per mano di Jennifer Brady, poi semifinalista.

Sulla terra non raccoglie buoni risultati a Istanbul (2º turno) e a Roma (1º turno), mentre fa bene nello slam di casa: all'esordio elimina la testa di serie n°17 Anett Kontaveit (6-4 3-6 6-4) e, al secondo round, sconfigge Aliaksandra Sasnovich in due set. Al terzo turno si impone in rimonta su Elise Mertens (testa di serie n°16) per 1-6 6-4 7-5, accedendo agli ottavi: qui viene battuta da Elina Svitolina (1-6 3-6).

Termina l'anno al n°43 del mondo.

2021Modifica

La francese inizia l'anno al Gippsland Trophy di Melbourne, dove è testa di serie n°12: giunge agli ottavi, con le vittorie in due set su Arina Rodionova e Timea Babos; al terzo turno, cede alla futura vincitrice Mertens (6(1)-7 3-6). Agli Australian Open, esordisce contro Polona Hercog: vince per 7-6(6) 6-3, accedendo al secondo turno, dove trova la vincitrice del 2019 Naomi Ōsaka, alla quale Garcia si arrende alla nipponica in due set, 2-6 3-6. Al Phillip Island Trophy, da testa di serie n°10, perde all'esordio contro Misaki Doi (5-7 3-6). Chiude la trasferta australiana all'Adelaide International, dove viene sconfitta subito da Anastasija Sevastova in due set. A Lione, da 3° forza del seeding, cede al secondo turno a Golubic. A Dubai, dopo un successo in rimonta su Angelique Kerber (3-6 6-2 6-4), regola in due set Martina Trevisan, accedendo agli ottavi di finale: nella circostanza si arrende a Elise Mertens per la seconda volta in stagione. A Miami viene estromessa al secondo turno da Simona Halep. Sulla terra ottiene come miglior risultato il quarto di finale di Parma, dove viene eliminata dalla ceca Siniaková. Sull'erba, invece, il miglior piazzamento è solo un secondo turno a Birmingham. A Losanna vince nettamente su Dulgheru (6-2 6-2) per poi battere Astra Sharma in tre set e Zarina Dijas per 7-5 6-2, accedendo così alla prima semifinale WTA del 2021: in questa occasione viene superata dalla connazionale Burel con lo score di 7-5 2-6 2-6. Sul cemento americano raccoglie quattro secondi turni e una sconfitta al primo turno alla Rogers Cup. A Ostrava esce di scena subito contro Potapova, mentre a Indian Wells batte Flipkens prima di cedere a Coco Gauff. Termina l'anno con i quarti di finale nel WTA 125 di Limogés.

Chiude l'anno al n°74 del mondo.

2022 - 2° slam in doppio e 8° titolo WTA in singolareModifica

Dopo un primo turno al '250' di Melbourne la francese raccoglie i primi quarti di finale dell'anno a Sydney, grazie al successo su Jessica Pegula (6-4 7-6(3)) e al walkover di Elena Rybakina; tra le ultime otto cede alla top-5 Krejčíková in due set. Successivamente incassa due sconfitte all'esordio, all'Australian Open e a Dubai, e un secondo turno a Doha, dove cede a Coco Gauff (2-6 6(3)-7). A Lione la francese estromette la n°1 del tabellone Camila Giorgi (5-7 6-4 6-0) e Martina Trevisan (6-4 2-6 6-3); nei quarti elimina Alison Van Uytvanck per 7-5 al terzo set, accedendo alla prima semifinale WTA del 2022. A quel punto cede il passo alla futura campionessa Shuai Zhang con il punteggio di 2-6 5-7. A Indian Wells esce di scena al secondo turno (contro Raducanu), mentre a Miami esce al primo round. Sulla terra colleziona un secondo turno al Roland Garros, dove perde contro Madison Keys (4-6 6(3)-7). Sull'erba esce di scena al secondo turno sia a Nottingham (contro Riske) che a Birmingham (contro Boulter). Prende allora parte al torneo di Bad Homburg: dopo un successo in rimonta su Sasnovič (2-6 6-3 6-4) la francese estromette in due set Kamilla Rachimova e la wild-card locale Lisicki, accedendo alla sua seconda semifinale WTA in stagione. Vince il derby contro Alizé Cornet (nona testa di serie) con lo score di 7-6(9) 3-6 7-5, accedendo così alla sua prima finale nel circuito maggiore dal 2019; nell'ultimo atto Garcia recupera un set e un break di svantaggio all'ex top-5 Bianca Andreescu (6(5)-7 6-4 6-4), conquistando così il suo 8° titolo WTA[4], il secondo consecutivo sull'erba dopo l'ultimo vinto a Nottingham nel 2019.

In doppio Caroline ottiene il secondo turno all'Australian Open; grazie a una wild-card torna a giocare nella specialità nello slam di casa del Roland Garros, assieme alla connazionale Kiki Mladenovic. Le due, come successo nel 2016, riescono a cogliere la finale del torneo e nell'ultimo atto superano in rimonta Gauff/Pegula per 2-6 6-3 6-2, vincendo il secondo slam assieme a sei anni esatti di distanza dal primo.

Statistiche WTAModifica

SingolareModifica

Vittorie (10)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Finals (0)
WTA Elite Trophy (0)
Dal 2009 al 2020 Dal 2021
Premier Mandatory (1) WTA 1000 (0)
Premier 5 (1)
Premier (0) WTA 500 (0)
International (5) WTA 250 (2)
WTA 125 (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 13 aprile 2014   Copa Colsanitas, Bogotà Terra rossa   Jelena Janković 6-3, 6-4
2. 15 novembre 2015   Engie Open de Limoges, Limoges Cemento (i)   Louisa Chirico 6-1, 6-3
3. 21 maggio 2016   Internationaux de Strasbourg, Strasburgo Terra rossa   Mirjana Lučić-Baroni 6-4, 6-1
4. 19 giugno 2016   Mallorca Open, Maiorca Erba   Anastasija Sevastova 6-3, 6-4
5. 30 settembre 2017   Wuhan Open, Wuhan Cemento   Ashleigh Barty 6(3)-7, 7-6(4), 6-2
6. 8 ottobre 2017   China Open, Pechino Cemento   Simona Halep 6-4, 7-6(3)
7. 14 ottobre 2018   Tianjin Open, Tianjin Cemento   Karolína Plíšková 7-6(7), 6-3
8. 17 giugno 2019   Nature Valley Open, Nottingham Erba   Donna Vekić 2-6, 7-6(4), 7-6(4)
9. 25 giugno 2022   Bad Homburg Open, Bad Homburg Erba   Bianca Andreescu 6(5)-7, 6-4, 6-4
10. 31 luglio 2022   BNP Paribas Poland Open, Varsavia Terra rossa   Ana Bogdan 6-4, 6-1

Sconfitte (4)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
Argenti Olimpici (0)
WTA Finals (0)
WTA Elite Trophy (0)
Dal 2009 al 2020 Dal 2021
Premier Mandatory (0) WTA 1000 (0)
Premier 5 (0)
Premier (0) WTA 500 (0)
International (3) WTA 250 (0)
WTA 125 (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 28 febbraio 2015   Abierto Mexicano Telcel, Acapulco Cemento   Timea Bacsinszky 3-6, 0-6
2. 8 marzo 2015   Monterrey Open, Monterrey Cemento   Timea Bacsinszky 6-4, 2-6, 4-6
3. 20 novembre 2016   Engie Open de Limoges, Limoges Cemento (i)   Ekaterina Alexandrova 4-6, 0-6
4. 25 maggio 2019   Internationaux de Strasbourg, Strasburgo Terra rossa   Dajana Jastrems'ka 4-6, 7-5, 6(3)-7

DoppioModifica

Vittorie (8)Modifica

Legenda
Grande Slam (2)
Ori Olimpici (0)
WTA Finals (0)
WTA Elite Trophy (0)
Dal 2009 al 2020 Dal 2021
Premier Mandatory (1) WTA 1000 (0)
Premier 5 (0)
Premier (3) WTA 500 (0)
International (1) WTA 250 (0)
WTA 125 (1)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 10 novembre 2013   OEC Taipei Ladies Open, Taipei Sintetico (i)   Jaroslava Švedova   Anna-Lena Friedsam
  Alison Van Uytvanck
6-3, 6-3
2. 12 aprile 2014   Copa Colsanitas, Bogotà Terra rossa   Lara Arruabarrena-Vecino   Vania King
  Chanelle Scheepers
7-6(5), 6-4
3. 27 giugno 2015   AEGON International, Eastbourne Erba   Katarina Srebotnik   Chan Yung-jan
  Zheng Jie
7-6(5), 6-2
4. 10 aprile 2016   Volvo Car Open, Charleston Terra verde   Kristina Mladenovic   Bethanie Mattek-Sands
  Lucie Šafářová
6-2, 7-5
5. 24 aprile 2016   Porsche Tennis Grand Prix, Stoccarda Terra rossa (i)   Kristina Mladenovic   Martina Hingis
  Sania Mirza
2-6, 6-1, [10-6]
6. 7 maggio 2016   Mutua Madrid Open, Madrid Terra rossa   Kristina Mladenovic   Martina Hingis
  Sania Mirza
6-4, 6-4
7. 5 giugno 2016   Open di Francia, Parigi Terra rossa   Kristina Mladenovic   Ekaterina Makarova
  Elena Vesnina
6-3, 2-6, 6-4
8. 5 giugno 2022   Open di Francia, Parigi (2) Terra rossa   Kristina Mladenovic   Coco Gauff
  Jessica Pegula
2-6, 6-3, 6-2

Sconfitte (10)Modifica

Legenda
Grande Slam (1)
Argenti Olimpici (0)
WTA Finals (0)
WTA Elite Trophy (0)
Dal 2009 al 2020 Dal 2021
Premier Mandatory (1) WTA 1000 (0)
Premier 5 (2)
Premier (5) WTA 500 (0)
International (1) WTA 250 (0)
WTA 125 (0)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 27 settembre 2014   Wuhan Open, Wuhan Cemento   Cara Black   Martina Hingis
  Flavia Pennetta
4-6, 7-5, [10-12]
2. 12 ottobre 2014   Generali Ladies Linz, Linz Cemento (i)   Annika Beck   Ioana Raluca Olaru
  Anna Tatišvili
2-6, 1-6
3. 18 ottobre 2014   Kremlin Cup, Mosca Cemento (i)   Arantxa Parra Santonja   Martina Hingis
  Flavia Pennetta
3-6, 5-7
4. 10 gennaio 2015   Brisbane International, Brisbane Cemento   Katarina Srebotnik   Martina Hingis
  Sabine Lisicki
2-6, 5-7
5. 26 aprile 2015   Porsche Tennis Grand Prix, Stoccarda Terra rossa (i)   Katarina Srebotnik   Bethanie Mattek-Sands
  Lucie Šafářová
4-6, 3-6
6. 16 agosto 2015   Rogers Cup, Toronto Cemento   Katarina Srebotnik   Bethanie Mattek-Sands
  Lucie Šafářová
1-6, 2-6
7. 15 gennaio 2016   Apia International Sydney, Sydney Cemento   Kristina Mladenovic   Martina Hingis
  Sania Mirza
6-1, 5-7, [5-10]
8. 20 febbraio 2016   Dubai Tennis Championships, Dubai Cemento   Kristina Mladenovic   Chuang Chia-jung
  Darija Jurak
4-6, 4-6
9. 11 settembre 2016   US Open, New York Cemento   Kristina Mladenovic   Bethanie Mattek-Sands
  Lucie Šafářová
6-2, 6(5)-7, 4-6
10. 9 ottobre 2016   China Open, Pechino Cemento   Kristina Mladenovic   Bethanie Mattek-Sands
  Lucie Šafářová
4-6, 4-6

Statistiche ITFModifica

SingolareModifica

Vittorie (1)Modifica

Torneo $100.000 (1)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (0)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 12 maggio 2013   Open GDF SUEZ de Cagnes-sur-Mer Alpes-Maritimes, Cagnes-sur-Mer Terra rossa   Maryna Zanevs'ka 6-0, 4-6, 6-3

Sconfitte (3)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (1)
Torneo $25.000 (2)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 11 luglio 2010   Schönbusch Open, Aschaffenburg Terra rossa   Mădălina Gojnea 1-6, 0-6
2. 17 aprile 2011   Oaks Club $25,000 USTA Challenger, Osprey Terra verde   Claire De Gubernatis 4-6, 4-6
3. 13 agosto 2011   Tatarstan Open, Kazan' Cemento   Julija Putinceva 4-6, 2-6

DoppioModifica

Vittorie (4)Modifica

Torneo $100.000 (1)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (1)
Torneo $25.000 (1)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (1)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 27 settembre 2009   $10 000 Espinho, Espinho Terra rossa   Elixane Lechemia   Mishel Okhremchuk
  Morgane Pons
7-5, 6-1
2. 15 maggio 2011   Open International Féminin Midi-Pyrénées Saint-Gaudens Comminges, Saint-Gaudens Terra rossa   Aurélie Védy   Anastasija Pivovarova
  Ol'ga Savčuk
6-3, 6-3
3. 14 ottobre 2012   ITF Women's Circuit Suzhou, Suzhou Cemento   Timea Bacsinszky   Yang Zhaoxuan
  Zhao Yijing
7-5, 6-3
4. 28 ottobre 2012   ITF Women's Circuit Taipei, Taipei Cemento   Chan Chin-wei   Kao Shao-yuan
  Lee Hua-chen
4-6, 6-4, [10–6]

Sconfitte (2)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (2)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (0)
Nr. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 10 ottobre 2010   Open GDF SUEZ Région Limousin, Limoges Cemento (i)   Claire Feuerstein   Ljudmyla Kičenok
  Nadežda Kičenok
7-6(5), 4-6, [8-10]
2. 21 ottobre 2012   Gosen Cup, Makinohara Erba   Monique Adamczak   Eri Hozumi
  Miyu Katō
6(6)-7, 3-6

Grand Slam JuniorModifica

SingolareModifica

Sconfitte (1)Modifica

Tornei del Grande Slam
Australian Open (0)
Open di Francia (0)
Torneo di Wimbledon (0)
US Open (1)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 10 settembre 2011   US Open, New York Cemento   Grace Min 5-7, 6(3)-7

Risultati in progressioneModifica

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

SingolareModifica

Aggiornato a fine Zhengzhou Open 2019

Torneo 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 Titoli V–S
Grande Slam
  Australian Open, Melbourne 2T Q3 1T 1T 3T 1T 3T 4T 3T 0 / 8 10-8
  Roland Garros, Parigi 2T 1T 2T 1T 1T 2T QF 4T 2T 0 / 9 11–9
  Wimbledon, Londra Q2 Q1 2T 3T 1T 2T 4T 1T 1T 0 / 7 7–7
  US Open, New York Q1 Q2 2T 1T 1T 3T 3T 3T 1T 0 / 7 7–7
Vittorie-sconfitte 2–2 0–1 3–4 2–4 2-4 4–4 11–4 8–4 3-4 0 / 31 35–31
Giochi olimpici
  Giochi olimpici ND A Non disputati 2T Non disputati 0 / 1 1-1
Tornei di fine anno
  WTA Finals Non qualificata SF Non qualificata 0 / 1 2-2
  WTA Elite Trophy Non qualificata RR 0 / 1 1-1
WTA Premier Mandatory
  Indian Wells A Q1 A 2T 4T 1T 4T 4T 2T 0 / 6 11-6
  Miami A Q1 A 3T 2T 3T 2T 2T 4T 0 / 6 11-6
  Madrid A A A QF 3T 2T 1T SF 3T 0 / 6 12-6
  Pechino A A Q1 2T 2T 3T V 3T 1 / 5 12-4
WTA Premier 5
  Doha /   Dubai[1] A A A 1T 2T 1T 2T QF 2T 0 / 6 6-6
  Roma A A A A 1T 1T 2T QF 1T 0 / 5 4-5
  Montréal / Toronto A A Q2 2T 1T 1T QF QF 1T 0 / 6 7-6
  Cincinnati A A Q1 Q1 3T 1T 1T 3T 1T 0 / 5 4-5
  Tokyo /   Wuhan[2] A 1T A QF 2T 2T V 2T 1 / 6 12-6
Carriera
Tornei giocati 4 6 14 24 17 28 23 23 22 161
Titoli-Finali 0–0 0–0 0-0 1–1 1–2 2–2 2–2 1-1 1-2 8-12
Vittorie-Sconfitte 2–4 1–6 8–14 24–23 21–17 40–26 48–22 51-22 25-21 220–155
Vittorie % 25% 14% 36% 51% 55% 61% 69% 70% 54% 59%
Ranking di fine anno 146 138 75 38 35 23 8 18 $ 10.113.232

DoppioModifica

Torneo 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 Titoli V–S
  Australian Open, Melbourne A A A 3T 3T 3T SF 0 / 4 10-4
  Roland Garros, Parigi 1T 1T 2T 1T 3T V A 1 / 6 9–5
  Wimbledon, Londra A A Q1 2T 2T QF A 0 / 3 5–3
  US Open, New York A A 2T 2T QF F A 0 / 4 10–4
Vittorie-sconfitte 0–1 0–1 2–2 4–4 8–4 16–4 4–1 0 / 16 34–16

NoteModifica

  1. ^ Andy Murray: ´Caroline Garcia prossima numero 1
  2. ^ WTA ACAPULCO: Cibulkova in semi, fuori Bouchard e Kanepi, su ubitennis.com, 28 febbraio 2014. URL consultato il 1º marzo 2014.
  3. ^ Wta Bogota: Garcia trionfa in singolo e in doppio, su ubitennis.com, 14 aprile 2014. URL consultato il 14 aprile 2014.
  4. ^ Paolo Di Lorito, WTA Bad Homburg: Garcia in rimonta batte Andreescu, il titolo è suo, su Ubitennis, 25 giugno 2022. URL consultato il 25 giugno 2022.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica