Apri il menu principale

Carolyn Pickles (Wakefield, 8 febbraio 1952) è un'attrice britannica apparsa in ruoli teatrali e televisivi, e principalmente nota per aver interpretato Shelly Williams in Valle di luna.

Biografia e carrieraModifica

Nata nello Yorkshire da James Pickles, Carolyn è nipote dell'attrice Christina Pickles e pronipote di Wilfred Pickles, una personalità della BBC. È cresciuta ad Halifax, dove ha anche perseguito la propria istruzione. Successivamente, si è trasferita a Manchester per studiare arti drammatiche all'Università di Manchester, periodo nel quale ha preso parte ad un certo numero di produzioni studentesche, tra le quali Narrow Road to the Deep North di Edward Bond e Madre Coraggio e i suoi figli di Brecht, spettacolo del quale è stata protagonista.

Nel 1986 è stata scelta per interpretare la protagonista Miss Bluebell nell'omonima serie della BBC. Nel 1995 interpreta Linda Livingstone nel film Io no spik inglish con Paolo Villaggio, mentre successivamente ha recitato nel ruolo dell'ispettrice capo Kim Reid in The Bill, nel ruolo di Simone Trevelyan in May to December e nel ruolo di Lady Catherine Ramsay nella scozzese The Tales of Para Handy.

Oltre ad essere apparsa nella serie educativa per bambini della BBC Through The Dragon's Eye, Carolyn ha preso parte in diversi lungometraggi, tra i quali Tess di Roman Polański, Il segreto di Agatha Christie e The Mirror Crack'd[1]. Infine ha interpretato l'insegnante di Babbanologia di Hogwarts Charity Burbage nel film Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1.

È sposata con l'artista Tarquin Butler ed ha due figlie, Hettie e Lucy.

Filmografia parzialeModifica

Doppiatrici italianeModifica

NoteModifica

  1. ^ Carolyn Pickles[collegamento interrotto], Royal National Theatre. URL consultato il 26 maggio 2009.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN296972104 · LCCN (ENno2015014373 · BNF (FRcb16666270f (data) · WorldCat Identities (ENno2015-014373
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie