Apri il menu principale
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Alatina alata
Alatina-alata-reynaud-1830.png
Esemplare di A. alata pescato nell'Oceano Atlantico, dalla tavola che accompagna la descrizione originale di Reynaud (1830).
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Cnidaria
Classe Cubozoa
Ordine Carybdeida
Famiglia Alatinidae
Genere Alatina
Specie A. alata
Nomenclatura binomiale
Alatina alata
Reynaud, 1830
Sinonimi

Carybdea alata
Gerswin, 2005

Alatina alata Menon, 1830 è una cubomedusa della famiglia delle Alatinidae, diffusa negli oceani Atlantico e Pacifico[1][2]. È stata fra le prime cubomeduse ad essere descritte, anche se è apparsa in letteratura spesso sotto il nome di Carybdea alata [2][3].

Distribuzione e habitatModifica

La A. alata vive nelle acque dell'Oceano Atlantico meridionale[1][2] e del Pacifico[4]; a volte la si è incontrata nel Oceano Indiano, lungo le coste del Pakistan[5][6], nel mar dei Caraibi e nel mar Rosso[7]. Nuota a nelle acque poco profonde, sulle barriere coralline o sui fondi sabbiosi, ma è stata anche avvistata a profondità di 675 m e oltre[8][9]. La si incontra sia solitaria che in gruppi e di notte viene attirata dalla luce.

Raggruppamenti di A. alata avvengono mensilmente, otto e nove giorni dopo la luna piena, presso Bonaire (Antille Olandesi)[9]. Si nutre di piccoli pesci, vermi e gamberi che insegue nuotando attivamente grazie a contrazioni del velarium ed uccide grazie ai nematocisti dei tentacoli.

CaratteristicheModifica

La A. alata ha un corpo traslucido e leggermente azzurrino, con grossi pedalia che le hanno dato l'epiteto di "alata"[10]. L'ectoderma è liscio e i tentacoli sono al numero di quattro con strisce giallo-rosa, mentre i padalia corrispondenti sono color ocra chiaro[11]. Le dimensioni degli esemplari dell'Atlantico sono di 130–250 mm di lungo per 51 mm di diametro per l'ombrella, mentre quelli catturati nel Pacifico (tranne ad Hawaii) sono spesso molto più grandi: 30 cm di lungo e 15 cm di diametro dell'ombrella; gli esemplari delle Hawaii hanno la campana lunga 15 cm e con un po' meno di 8 cm di diametro[4].

La riproduzione della A. alata è sessuata e ovovivipara. Le femmine assorbono gli spermatozoi rilasciati dal maschio in acqua nel proprio sistema gastro-vascolare e fecondano le uova al loro interno.

Alatina che nuota in acqua profonde, presso Johnoson Sea Link (Bahamas).

Gli embrioni circolano fra i tentacoli, nella cavità gastro-vascolare e nel subombrella della femmina già nell'arco di poche ore dopo la fecondazione. Dopo qualche giorno, vengono rilasciate le plantulae che si fissano come polipi sul fondo dell'oceano[8].

TossicitàModifica

La puntura della A. alata non è particolarmente pericolosa in generale, ma in alcune occasioni può causare reazioni simili alla sindrome di Irukandji, portando all'arresto cardiaco. Al contrario delle meduse Irukandji delle quali la puntura si nota poco inizialmente, il contatto con la A. alata è particolarmente doloroso e i sintomi della sindrome di Irukanji si iniziano ad avvertire fra i 5 minuti alle due ore dopo la puntura. Questi possono includere dolori al capo, dolori muscolari, all'addome, nausea, vomito, sudore, ipertensione, tachicardia ed edema polmonare[6].

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Alatina alata, in WoRMS (World Register of Marine Species).
  2. ^ a b c (EN) ITIS Standard Report Page: Carybdea alata (Reynaud, 1930), in Integrated Taxonomic Information System. URL consultato il 24 settembre 2014.
  3. ^ (EN) Gershwin, L., Us/Publications/Memoirs - Nature/N51/51-2-gershwin.pdf Carybdea alata auct. and Manokia stiasnyi, reclassification to a new family with description of a new genus and two new species. (PDF) [collegamento interrotto], in Memoirs of the Queensland Museum, vol. 52, 2005, pp. 501–523. URL consultato il 25 settembre 2014.
  4. ^ a b Lista di esemplari catturati di Alatina alata, su Smithsonian National Museum of Natural History - Department of Invertebrate Zoology. URL consultato il 22 settembre 2014.
  5. ^ (EN) Q.B. Kazmi e R. Sultana, Carybdea marsupialis (Cnidaria: Cubomedusae)—observed for the first time in Gwadar Bay waters (Arabian Sea), in JMBA2 - Biodiversity Records. URL consultato il 22 settembre 2014.
  6. ^ a b Q.B. Kazmi, Toxicity in marine organisms, in Al-Hayat, vol. 4, 1999, pp. 4-12.
  7. ^ (EN) Vine, P., Red Sea Invertebrates, Londra, Immel Publishing, 1986.
  8. ^ a b (EN) Cheryl Lewis, Bentlage Bastian, Yanagihara Angel, Gillan William, Blerk Johan Van, Keil Daniel P., Bely Alexandra E., Collins Allen G., Redescription of Alatina alata (Reynaud, 1830) (Cnidaria: Cubozoa) from Bonaire, Dutch Caribbean, in Zootaxa, vol. 3737, nº 4, 2013, pp. 473–487. URL consultato il 23 settembre 2014.
  9. ^ a b Cheryl Lewis Ames, Presenting Box Jellyfish Research in Japan, su No Bones, Smithsonian Institution. URL consultato il 19 settembre 2015.
  10. ^ Reynaud, M., Carybdea alata n. sp., in Lesson, R.P. (Ed), (a cura di), Centurie Zoologique, Parigi, Levrault, 1830, pp. 95.
  11. ^ (EN) Richmond, M. (a cura di), A guide to the seashores of Eastern Africa and the Western Indian Ocean islands, Stoccolma, Svezia, Sida/Department for Research Cooperation, SAREC, 1997, ISBN 91-630-4594-X.

Altri progettiModifica