Apri il menu principale

Casa del Fascio

edificio costruito come sede locale del Partito Nazionale Fascista
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Casa del Fascio (disambigua).
Il Palazzo Littorio di Montevarchi
La ex Casa del Fascio, ora Caserma dei Carabinieri, di Asciano

Con casa del Fascio, casa Littoria o casa del Littorio, si intendono gli edifici che erano sedi locali, dislocate nei comuni d'Italia, del Partito Nazionale Fascista. Nei centri urbani importanti presero la denominazione di palazzo del Littorio o palazzo Littorio.

StoriaModifica

Dopo l'avvento al potere del fascismo vennero costruiti, come sedi del PNF, edifici ad hoc, una stima calcola che ne venissero realizzati circa 5.000[1], alcuni adattando strutture esistenti, e molti altri creati ex-novo. Tra questi ultimi se ne contarono molti realizzati da architetti del movimento razionalista, tra i quali Adalberto Libera, Saverio Muratori, Ludovico Quaroni, Giuseppe Samonà e Giuseppe Terragni, mentre altri furono costruiti secondo le tendenze storiciste e "novecentiste".

Le case del Fascio istituite furono in tutto circa 11.000. Non tutte furono ospitate in edifici costruiti ad hoc, anzi, la maggioranza, soprattutto nei centri minori, fu istituita semplicemente affittando, acquistando o acquisendo in uso edifici esistenti, non di rado senza neanche condurre significative ristrutturazioni funzionali ed estetiche, pur previste in diversi casi[2].

La casa del Fascio divenne un elemento irrinunciabile nelle successive città di fondazione e in molti dei nuovi borghi rurali, assieme alla chiesa e al municipio, in quelli destinati a essere eletti a comune. Oltre che in Italia, tali edifici vennero costruiti anche nelle colonie, dall'Africa al Dodecaneso.

Durante il periodo della Repubblica Sociale Italiana alcune diventarono sedi del Partito Fascista Repubblicano (1943-1945), erede del Partito Nazionale Fascista.

Nel secondo dopoguerra, tali immobili furono devoluti allo Stato per effetto delle disposizioni contenute nell'articolo 38 del DLL 27 luglio 1944, n. 159, recante "Sanzioni contro il fascismo".

NoteModifica

  1. ^ Flavio Mangione, Soffitta, L'architettura delle Case del Fascio nella Regione Lazio, presentazione di Maurizio Fallace, p. 9.
  2. ^ Flavio Mangione, Le case del fascio in Italia e nelle terre d'oltremare, p. XVII e elenchi descrittivi per Federazione, pp. 153-491.

BibliografiaModifica

  • Flavio Mangione, Le case del fascio in Italia e nelle terre d'oltremare, Roma, MiBACT, 2003, ISBN 978-88-7125-220-9.
  • Flavio Mangione e Andrea Soffitta (a cura di), L'architettura delle Case del Fascio nella Regione Lazio, Firenze, Alinea Editrice, 2006, ISBN 978-88-8125-924-3.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica