Apri il menu principale
Casalromano
comune
Casalromano – Stemma
Casalromano – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Mantova-Stemma.png Mantova
Amministrazione
SindacoLuca Bonsignore (lista civica) dal 14-6-2004
Territorio
Coordinate45°12′N 10°22′E / 45.2°N 10.366667°E45.2; 10.366667 (Casalromano)Coordinate: 45°12′N 10°22′E / 45.2°N 10.366667°E45.2; 10.366667 (Casalromano)
Altitudine42 m s.l.m.
Superficie12,03 km²
Abitanti1 494[1] (31-5-2017)
Densità124,19 ab./km²
FrazioniFontanella Grazioli
Comuni confinantiAsola, Canneto sull'Oglio, Fiesse (BS), Isola Dovarese (CR), Volongo (CR)
Altre informazioni
Cod. postale46040
Prefisso0376
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT020012
Cod. catastaleB911
TargaMN
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanticasalromanesi
Patronosan Giovanni Evangelista
Giorno festivo27 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Casalromano
Casalromano
Casalromano – Mappa
Posizione del comune di Casalromano nella provincia di Mantova
Sito istituzionale

Casalromano (Casarimà in dialetto alto mantovano[2][3]) è un comune italiano di 1.494 abitanti della provincia di Mantova in Lombardia. È il paese più occidentale della provincia, distante circa quarantadue chilometri ad ovest dal capoluogo e fa parte dei comuni dell'Alto Mantovano.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Alto Mantovano.

Il territorio del comune risulta compreso tra i 31 e i 42 m sul livello del mare.

L'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 11 metri.

ClimaModifica

Origini del nomeModifica

Il nome di Casalromano deriva da casale e dal nome proprio di Romano.[4]

StoriaModifica

SimboliModifica

Lo stemma municipale, reso ufficiale nel 1934, rappresenta simbolicamente la struttura dell'accampamento romano. Su di esso sono disegnate delle tende.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Parrocchiale di San Giovanni Apostolo ed EvangelistaModifica

La chiesa parrocchiale, dedicata a San Giovanni Apostolo ed Evangelista, settecentesca, è armonica, imponente, con una bella facciata a due ordini. L'interno, con altari in marmo, ricchi di intarsi, è raccolto a accogliente. Dopo i restauri del 1923, l'edificio e il campanile sono stati oggetto di un nuovo intervento nel 1989. Già nel 1987 era stata rifatta la scalinata in marmo, insieme ad altri lavori.

Santuario della MalongolaModifica

 
Santuario della Malongola

La più rinomata delle chiese della frazione di Fontanella, per devozione e arte, è il santuario della Madonna della Malongola, la cui costruzione iniziò verso la fine del Duecento. Pregevoli gli affreschi datati 1392. Il vescovo Caporello l'ha indicata come "stazione" per il Giubileo del 2000.

Parrocchiale di San Bartolomeo apostoloModifica

 
San Bartolomeo Apostolo

La seconda chiesa, per importanza, è quella parrocchiale, dedicata a San Bartolomeo apostolo. Costruita intorno al 1195, fu demolita nel 1751 e al suo posto edificata l'odierna. Possiede un organo realizzato dagli Amati di Pavia (1790). Il monumentale altare maggiore reca la data del 5 settembre 1623.

La parrocchia di Fontanella ricevette, fra le tante, la visita di due santi vescovi: san Carlo Borromeo, che istituì la Confraternita del Santissimo Sacramento e il Triduo dei Morti, e san Pio X, allora vescovo di Mantova, in visita nel 1886. Di lui si conservano una pianeta bianca e alcune lettere autografe.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[5]

 

Geografia antropicaModifica

UrbanisticaModifica

 
Base catastale

EconomiaModifica

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

Ferrovie e tranvieModifica

La stazione ferroviaria più vicina è quella di Asola posta lungo la ferrovia Parma-Brescia.

Tra il 1929 e il 1955, il territorio comunale era servito dalla linea tranviaria Cremona-Asola, gestita in ultimo dalla società Tramvie Provinciali Cremonesi.. Erano presenti due stazioni: una a servizio dell'abitato principale e l'altra della frazione di Fontanella Grazioli. Entrambi gli scali erano dotati di binario di raddoppio e di fabbricato viaggiatori.

AmministrazioneModifica

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2017.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p.153.
  3. ^ Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996.
  4. ^ Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

BibliografiaModifica

  • Renato Bonaglia, Mantova, paese che vai..., Mantova, 1985. ISBN non esistente.
  • Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia