Apri il menu principale
Casimiro IV Jagellone
Casimir IV Jagiellon.PNG
Casimiro IV, di Marcello Bacciarelli
Granducato di Lituania
In carica 29 giugno 1440 - 7 giugno 1492
Incoronazione 29 giugno 1440, Cattedrale del Wawel
Predecessore Sigismund Kęstutaitis
Successore Alessandro Jagellone
Re di Polonia
In carica 25 giugno 1447 - 7 giugno 1492
Incoronazione 25 giugno 1447, Cattedrale del Wawel
Predecessore Ladislao III
Successore Giovanni I Alberto
Nascita Cracovia, 30 novembre 1427
Morte Grodno, 7 giugno 1492
Sepoltura Cracovia
Luogo di sepoltura Cattedrale del Wawel
Dinastia Jagelloni
Padre Ladislao II
Madre Sofia di Halshany
Consorte Elisabetta d'Asburgo
Figli Ladislao II di Boemia

Edvige
Casimiro di Cracovia
Giovanni I Alberto
Alessandro
Sofia
Elisabetta I
Sigismondo I
Fryderyk
Elisabetta II
Anna
Barbara
Elisabetta III

Casimiro IV Jagellone (pol.: Kazimierz IV Jagiellończyk - IPA:( ascolta) kaˈʑimi̯ɛʒ jaɡi̯ɛlˈlɔɲt͡ʃɨk; lituano: Kazimieras IV Jogailaitis) (Cracovia, 30 novembre 1427Grodno, 7 giugno 1492) re di Polonia dal 1447 al 1492 e granduca di Lituania, portò il Regno di Polonia a una posizione di predominanza nell'Europa orientale.

Fu uno dei più attivi governanti polacchi, sotto il quale la Polonia, sconfiggendo i Cavalieri Teutonici nella Guerra dei tredici anni, recuperò la Pomerania, e la dinastia degli Jagelloni divenne una delle case reali principali in Europa. Era un forte oppositore dell'aristocrazia e contribuì a rafforzare l'importanza del Parlamento e del Senato. Entro il XV secolo la Polonia aveva ridotto la distanza che la separava dall'Europa occidentale e divenne un fattore significativo nelle relazioni internazionali. La domanda di materie prime e semilavorati ha stimolato il commercio, producendo un saldo positivo e contribuito alla crescita di attività artigianali e minerarie nell'intero paese[1].

Indice

BiografiaModifica

Era figlio di Ladislao II Jagellone, e della sua quarta moglie, Sofia di Halshany[2]. Stranamente, poco è stato fatto per la sua educazione; non imparò il latino, né educato per le responsabilità di governo, nonostante il fatto che fosse l'unico fratello del legittimo sovrano[3]. Spesso si affidava al suo istinto e ai suoi sentimenti e aveva poca conoscenza politica, ma condivideva un grande interesse per la diplomazia e gli affari economici del paese. Durante tutta la giovinezza di Casimiro, il vescovo Zbigniew Oleśnicki era il suo mentore e tutore, tuttavia, il chierico sentì una forte riluttanza nei suoi confronti.

Granduca di LituaniaModifica

L'improvvisa morte di Sigismund Kęstutaitis lasciò il posto vacante nel Granducato di Lituania. Il Voivoda di Trakai, Jonas Goštautas e altri magnati della Lituania, hanno sostenuto Casimiro come candidato al trono. Tuttavia molti nobili polacchi speravano che il tredicenne diventasse un vice-reggente per il re polacco in Lituania[4]. Casimiro fu invitato dai magnati lituani in Lituania, e quando arrivò a Vilnius nel 1440, fu proclamato Granduca di Lituania il 29 giugno 1440 dal Consiglio dei Lord, contrariamente al volere dei nobili signori polacchi[4]. Quando arrivò la notizia nel Regno di Polonia riguardante la proclamazione di Casimiro come granduca, fu accolta con ostilità, fino alle minacce militari contro la Lituania[4]. Poiché il giovane granduca era minorenne, il controllo supremo del Granducato era nelle mani del consiglio, presieduto da Goštautas. A Casimiro era stata insegnata la lingua lituana e le usanze del paese da funzionari giudiziari nominati[5].

Durante il regno di Casimiro, i diritti della nobiltà lituana - duchi, magnati e boiardi (nobili minori), indipendentemente dalla loro religione ed etnia - erano messi sullo stesso piano di quelli dello szlachta polacca. Inoltre, Casimiro promise di proteggere i confini del Granducato e di non nominare persone dal Regno polacco agli uffici del Granducato. Accettò che le decisioni su questioni riguardanti il Granducato non sarebbero state prese senza il consenso del consiglio. Ha anche concesso alla regione della Samogizia il diritto di eleggere il proprio anziano. Casimiro fu il primo sovrano della Lituania battezzato alla nascita, diventando il primo Granduca cattolico.

Re di PoloniaModifica

Casimir succedette a suo fratello Władysław III (ucciso nella battaglia di Varna nel 1444) come re di Polonia dopo un interregno triennale il 25 giugno 1447. Nel 1454 sposò Elisabetta d'Asburgo, figlia del defunto re dei romani Alberto II d'Asburgo dalla sua defunta moglie Elisabetta di Boemia. Il matrimonio rafforzò i legami tra la casa di Jagelloni e i sovrani dell'Ungheria-Boemia e mise Casimiro in disaccordo con il Sacro Romano Impero attraverso la rivalità interna degli Asburgo.

Nello stesso anno, Casimiro fu contattato dalla Confederazione prussiana per l'aiuto contro l'Ordine Teutonico, che promise, rendendo le regioni separatiste prussiane un protettorato del Regno polacco. Tuttavia, quando le città si ribellarono contro l'Ordine, resistette e ne seguì la Guerra dei tredici anni (1454-1466). Casimiro e la Confederazione prussiana sconfissero l'Ordine Teutonico, entrando nella sua capitale abbandonata a Marienburg. Nella Seconda trattato di Torun (1466) garantì alla Polonia la Prussia occidentale e costrinse i cavalieri a mantenere il resto come feudo della corona polacca.

L'unico fratello di Elisabetta, Ladislao, re di Boemia e Ungheria, morì nel 1457, e in seguito gli interessi dinastici di Casimiro ed Elisabetta furono diretti anche verso gli ex regni di suo fratello.

Politiche estereModifica

L'intervento della curia romana, che fino ad allora era stato ostile a Casimiro a causa della sua costante e patriottica resistenza all'aggressione papale, era dovuto alle permutazioni della politica europea. Il papa era ansioso di liberarsi del re ussita di Boemia, Giorgio di Podebrad, come primo passo verso la formazione di una lega contro il turco. Casimiro doveva essere un fattore principale in questa combinazione, e ne approfittò per procurarsi l'elezione di suo figlio Vladislao II come re di Boemia. Ma non si sarebbe impegnato troppo lontano, e i suoi piani ulteriori furono frustrati dalla rivalità di Mattia Corvino, re d'Ungheria, che arrivò addirittura a stimolare l'ordine teutonico di insorgere contro Casimiro. La morte di Mattia nel 1490 fu un grande sollievo per la Polonia, e Casimiro impiegò i due anni rimanenti del suo regno nel consolidare ulteriormente la sua posizione. Intorno al 1480 fu alleato della Grande Orda contro la Moscovia e la Crimea e perse il controllo di un certo numero di stati vassalli lituani, tra cui due importanti porti sulla costa lituana.

Politica internaModifica

Negli politica interna Casimiro era relativamente passivo ma ansioso di preservare le prerogative della corona, in particolare il suo diritto di nominare vescovi. Nella questione dei territori in conflitto tra i suoi due stati (Volinia e Podolia) favorì la Lituania. Durante la guerra contro l'Ordine Teutonico fu costretto a concedere alla nobiltà polacca sostanziose concessioni. La caratteristica della personalità di Casimiro che impressionò maggiormente i suoi contemporanei fu la sua straordinaria semplicità e sobrietà. Lui, uno dei più grandi monarchi d'Europa, usava abitualmente abiti di Cracovia, non beveva altro che acqua e teneva il più austero dei tavoli. La sua unica passione era la caccia. Tuttavia la sua liberalità verso i suoi ministri e servi era proverbiale, e i suoi nemici vinti lo trattavano sempre con magnifica generosità.

Casimir non era né uno splendido sovrano né un buon e saggio amministratore, ma un capo diffidente, cauto e sobrio di una grande famiglia che considerava la Lituania come la sua proprietà personale, tuttavia il suo regno fu ricordato come il più riuscito e il più pacifico della storia della Polonia[3].

CulturaModifica

Durante il regno di Casimiro, il progresso culturale segnò molto il regno, con la ricostituita e ampliata Università di Cracovia che giocò un ruolo importante. Le tendenze umanistiche trovarono un promotore a Cracovia nello studioso italiano Filippo de Buonacorsi, noto come Callimaco. Dalla penna di Jan Długosz venne la prima grande storia reale della Polonia.

Matrimonio e discendenzaModifica

Il 10 febbraio 1454 Casimiro IV sposò Elisabetta d'Asburgo e da questo matrimonio nacquero:[6]

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Poland - history - geography, su britannica.com. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  2. ^ Marian Biskup, Karol Górski: Kazimierz Jagiellończyk: Zbiór studiów o Polsce drugiej połowy XV wieku. Warszawa: 1987. ISBN 83-01-07291-1.
  3. ^ a b Casimir IV - king of Poland, su britannica.com. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  4. ^ a b c J. Kiaupienė Valdžios krizės pabaiga ir Kazimieras Jogailaitis. Gimtoji istorija 2: Nuo 7 iki 12 klasės (Lietuvos istorijos vadovėlis). CD. (2003). Elektroninės leidybos namai: Vilnius.
  5. ^ Lietuvių kalba ir literatūros istorija Archiviato il 26 ottobre 2007 in Internet Archive.
  6. ^ (DE) Schallaburg, 1986: Polen im Zeitalter der Jagiellonen 1386 - 1572, Katalog zur Ausstellung 8. Mai - 2. Nov., Wien 1986, S. 573

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN50568612 · ISNI (EN0000 0001 0814 5982 · LCCN (ENn82058615 · GND (DE118990217 · BNF (FRcb13505235v (data) · CERL cnp00544286 · WorldCat Identities (ENn82-058615