Apri il menu principale
Castagnola-Cassarate-Ruvigliana
quartiere
Castagnola-Cassarate-Ruvigliana – Stemma
Castagnola-Cassarate-Ruvigliana – Veduta
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneWappen Tessin matt.svg Ticino
DistrettoLugano
ComuneLugano-coat of arms.svg Lugano
Territorio
Coordinate46°00′13″N 8°58′25″E / 46.003611°N 8.973611°E46.003611; 8.973611 (Castagnola-Cassarate-Ruvigliana)Coordinate: 46°00′13″N 8°58′25″E / 46.003611°N 8.973611°E46.003611; 8.973611 (Castagnola-Cassarate-Ruvigliana)
Altitudine300 m s.l.m.
Superficie2,97 km²
Abitanti6 366 (2016)
Densità2 143,43 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale6900
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Castagnola-Cassarate-Ruvigliana
Castagnola-Cassarate-Ruvigliana
Castagnola-Cassarate-Ruvigliana – Mappa
Localizzazione del quartiere di Castagnola-Cassarate-Ruvigliana nel territorio comunale di Lugano

Castagnola-Cassarate-Ruvigliana (fino al 1972 Castagnola[1]) è un quartiere di 6 366 abitanti del comune svizzero di Lugano, nel Canton Ticino (distretto di Lugano).

Indice

Geografia fisicaModifica

Cassarate si trova sulla sponda opposta del Lago di Lugano rispetto al centro di Lugano, mentre Castagnola è situata sul versante meridionale del Monte Brè[1].

StoriaModifica

 
Il territorio del comune di Castagnola prima degli accorpamenti comunali del 1972

Già comune autonomo, nel 1972 è stato accorpato a Lugano assieme all'altro comune soppresso di Brè-Aldesago.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[1]:

Abitanti censiti

 

AmministrazioneModifica

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale e ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini del quartiere.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Antonio Gili, Castagnola, in Dizionario storico della Svizzera, 15 settembre 2003. URL consultato il 23 ottobre 2017.

BibliografiaModifica

  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 278, 395.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 270-272.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • AA.VV., Franco Ponti Architetto 1921-1984, Quaderno numero 2, Fondazione Archivi Architetti Ticinesi, Edizioni Istituto grafico Casagrande SA, Bellinzona 1998.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003, 52, 124.
  • Francesca Pozzoli, Christian Luchessa, Lugano 1939-1945. Guida ai luoghi, ai personaggi e agli avvenimenti della città e dei suoi dintorni in tempo di guerra, La memoria delle Alpi, Fotocomposizione Taiana, Lugano, 2006.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 318, 319,320.
  • Rodolfo Rezzonico, Da 70 anni sul palco, in Rivista di Lugano, Anno LXXII, numero 3 del 22 gennaio 2010.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4470728-9
  Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino