Apri il menu principale
Castel Rigone Calcio
Calcio Football pictogram.svg
Lacustri, Biancoblù
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px White bordered Blue HEX-161384.svg Bianco, blu
Simboli Borgo medievale
Dati societari
Città Passignano sul Trasimeno (Castel Rigone)
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Fondazione 1998
Scioglimento2014
Stadio San Bartolomeo
(800 posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Castel Rigone Calcio, meglio noto come Castel Rigone è stata una società calcistica italiana con sede nell'omonima frazione di Passignano sul Trasimeno, in provincia di Perugia.

Nata nel 1998 come emanazione di una frazione di poco più di quattrocento abitanti, nell'arco di quindici anni la formazione umbra è stata protagonista di una veloce scalata alla piramide calcistica dilettantistica fino a raggiungere nella stagione sportiva 2012-2013 l'approdo al professionismo, vincendo il campionato e facendo al contempo di Castel Rigone il più piccolo paese italiano a vantare una squadra nel calcio professionistico.[1] Nel 2014 la società è stata sciolta.

I colori sociali erano il bianco e il blu e disputava le partite di casa allo Stadio San Bartolomeo.

Indice

StoriaModifica

Il Castel Rigone venne fondata nel 1998 da un gruppo di amici dell'omonimo borgo umbro, i quali decisero di creare una società sportiva allo scopo di valorizzare e promuovere la piccola realtà in cui vivono. Sotto la guida dell'imprenditore Brunello Cucinelli il quale nello stesso anno, quando militava in Terza Categoria, ne acquisì la proprietà e ne assunse la presidenza, la squadra approdò in Lega Pro al termine della stagione 2012-2013, diventando così la nona società umbra nella storia del calcio professionistico.[2]

Cucinelli chiese ai giocatori della sua squadra il rispetto di alcune regole, come ad esempio lasciare in ordine gli spogliatoi delle squadre ospiti,[1] impegnandosi dal canto suo a non multare i calciatori per i ritardi agli allenamenti.[1] La promozione in Serie D, salutata come un primo "miracolo sportivo" alla luce della piccola realtà castelrigonese, si concretizzò nel 2009.[1] Infine nel campionato 2012-2013 arrivò la storica promozione in Lega Pro, che fece di Castel Rigone, emanazione di un borgo di poco più di 400 anime, la più piccola società nella storia del calcio italiano ad aver mai raggiunto il professionismo;[1] questo exploit permise inoltre ai biancoblù di partecipare alla poule dello Scudetto Dilettanti, dove non superò il primo turno.

La prima e unica esperienza della squadra umbra nel calcio professionistico risultò tuttavia effimera. Il campionato di Seconda Divisione iniziò sopra le aspettative per la matricola biancoblù, che a metà torneo stazionava nelle prime posizioni di classifica; tuttavia un disastroso prosieguo di stagione vanificò ciò, col Castel Rigone che ricadde immediatamente tra i dilettanti.[3]

Al termine della suddetta stagione, la società decise di non iscriversi ai campionati 2014-2015 e venne quindi sciolta, di fatto inglobata nel nuovo progetto sportivo di Cucinelli denominato "Oratorio Laico Contemporaneo" e dedicato al calcio giovanile.[4]

CronistoriaModifica

Cronistoria del Castel Rigone Calcio
  • 1998 - Fondazione dell'Associazione Sportiva Castel Rigone.
  • 1998-1999 - 1° in Terza Categoria Umbria. Promosso in Seconda Categoria.
  • 1999-2000 - 1° in Seconda Categoria Umbria. Promosso in Prima Categoria.

  • 2000-2001 - 1° nel girone A di Prima Categoria Umbria. Promosso in Promozione.
  • 2001-2002 - 1° in Promozione Umbria. Promosso in Eccellenza.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Dilettanti Umbria.
  • 2002-2003 - 5° in Eccellenza Umbria. Perde la semifinale play-off.
Primo turno di Coppa Italia Dilettanti Umbria.
  • 2003-2004 - 12° in Eccellenza Umbria. Vince i play-out.
Ottavi di finale di Coppa Italia Dilettanti Umbria.
  • 2004-2005 - 3° in Eccellenza Umbria. Perde la finale play-off.
Quarti di finale di Coppa Italia Dilettanti Umbria.
 ? di Coppa Italia Dilettanti Umbria.
  • 2006-2007 - 12° in Eccellenza Umbria. Vince lo spareggio salvezza.
Semifinalista di Coppa Italia Dilettanti Umbria.
  • 2007-2008 - 5° in Eccellenza Umbria. Perde la semifinale play-off.
Primo turno di Coppa Italia Dilettanti.
  • 2008-2009 - 2° in Eccellenza Umbria. Perde lo spareggio promozione. Promosso in Serie D per delibera FIGC.
Vince la Coppa Italia Dilettanti Umbria (1º titolo).
Finalista di Coppa Italia Dilettanti.
  • 2009-2010 - 3° nel girone E della Serie D. Perde il turno preliminare play-off nazionali.
Quarti di finale di Coppa Italia Serie D.

  • 2010-2011 - 2° nel girone E della Serie D. Perde la semifinale play-off.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2011-2012 - 4° nel girone E della Serie D. Perde la finale play-off.
Secondo turno di Coppa Italia.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2012-2013 - 1° nel girone E della Serie D. Promosso in Lega Pro Seconda Divisione.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
Primo turno dello Scudetto Dilettanti.
Primo turno di Coppa Italia Lega Pro.
  • 2014 - Rinuncia all'iscrizione in Serie D e la società viene sciolta.

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

I colori ufficiali del Castel Rigone Calcio erano il bianco e il blu, da cui la tradizionale divisa casalinga del club, composta da un semplice completo bianco con dettagli blu.[5]

Simboli ufficialiModifica

StemmaModifica

Lo stemma della squadra aveva disegnato un semplice borgo stilizzato su sfondo bianco, che rappresentava la tradizione medievale del paese, arricchito nella zona superiore dalla denominazione sociale «Castel Rigone Calcio 1998».

I soprannomi con cui venivano chiamati i giocatori erano Biancoblù, per i colori sociali del club e Lacustri, così come le popolazioni che vivono nei dintorni di un lago.

StruttureModifica

StadioModifica

Il Castel Rigone disputava le partite interne allo stadio San Bartolomeo, intitolato al patrono del piccolo borgo: con una disponibilità di circa 800 posti, il campo da gioco era costituito da una tribuna centrale coperta e realizzata in legno.

Allenatori e presidentiModifica

Allenatori
  • 2008-2011   Federico Nofri Onofri
  • 2011-2012   Davide Mezzanotti
  • 2012-2013   Riccardo Bocchini
  Federico Giunti
  Luca Quarta
  • 2013-2014   Marco Di Loreto
  Luca Fusi
Presidenti

PalmarèsModifica

Competizioni interregionaliModifica

2012-2013 (girone E)

Competizioni regionaliModifica

2001-2002
2000-2001 (girone A)
1999-2000
2008-2009

Competizioni provincialiModifica

1998-1999

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 2009-2010 (girone E), 2010-2011 (girone E)
Secondo posto: 2008-2009
Terzo posto: 2004-2005
Semifinalista: 2006-2007
Finalista: 2008-2009

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Lega Pro Seconda Divisione 1 2013-2014 1
Serie D 4 2009-2010 2012-2013 4

Statistiche di squadraModifica

Nella stagione 2013-2014, Castel Rigone divenne il più piccolo paese italiano a vantare una squadra nel calcio professionistico;[1] inoltre fu anche il più piccolo paese umbro, e cronologicamente la nona squadra della regione, a essere mai approdata a un campionato professionistico.

Tra i migliori risultati ottenuti dal Castel Rigone nei campionati, spiccò il primo posto nella Serie D 2012-2013, e la successiva quinta piazza nella poule scudetto, che gli valse il 116° miglior titolo sportivo nazionale della stagione. Per quanto concerne invece le coppe, i massimi traguardi raggiunti furono il secondo turno nella Coppa Italia 2011-2012 (unica partecipazione), il primo turno nella Coppa Italia Lega Pro 2013-2014 (unica partecipazione), i quarti di finale nella Coppa Italia Serie D 2009-2010 (alla quale competizione partecipò per quattro volte dal 2009 al 2013) e il raggiungimento della finale nella Coppa Italia Dilettanti 2008-2009 (unica partecipazione); nella Coppa Italia Lega Pro 2013-2014 il Castel Rigone ebbe inoltre l'occasione di disputare il suo primo e unico derby contro una squadra umbra in una competizione professionistica, perdendo 0-1 in casa del Perugia.

In ambito ufficiale, la partita al più alto livello del calcio italiano giocata dal Castel Rigone fu quella contro l'AlbinoLeffe (una sconfitta 1-2 in trasferta) nell'ambito della Coppa Italia 2011-2012, coi seriani all'epoca militanti in Serie B, ovvero tre categorie sopra i lacustri all'ora in Serie D; in precedenza, nella stessa manifestazione maturò la vittoria al più alto livello dei biancoblù, col successo esterno per 2-1 sul campo del Lanciano militante all'epoca in Prima Divisione.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Massimiliano Cocchi, Il record del Castel Rigone, su ilpost.it, 8 maggio 2013.
  2. ^ (EN) EPFL Menber Profile – Lega Pro, su epfl-europeanleagues.com.
  3. ^ Nicola Agostini, Castel Rigone, addio alla Lega Pro, su giornaledellumbria.it, 14 aprile 2014. URL consultato il 19 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  4. ^ Cucinelli "chiude" il Castel Rigone: al via l'oratorio laico contemporaneo, su corrieredellumbria.corr.it, 1º luglio 2014.
  5. ^ Daniele Costantini, L'esordio del Castel Rigone nel calcio professionistico con le divise adidas 2013-2014, su passionemaglie.it, 1º novembre 2013.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica