Apri il menu principale

Castel San Pietro Romano

comune italiano
Castel San Pietro Romano
comune
Castel San Pietro Romano – Stemma Castel San Pietro Romano – Bandiera
Castel San Pietro Romano – Veduta
Panorama al tramonto
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
Città metropolitanaProvincia di Roma-Stemma.png Roma
Amministrazione
SindacoGianpaolo Nardi (lista civica Uniti per crescere) dal 25-5-2014
Territorio
Coordinate41°50′45″N 12°53′42″E / 41.845833°N 12.895°E41.845833; 12.895 (Castel San Pietro Romano)Coordinate: 41°50′45″N 12°53′42″E / 41.845833°N 12.895°E41.845833; 12.895 (Castel San Pietro Romano)
Altitudine763 m s.l.m.
Superficie15,29 km²
Abitanti872[4] (31-3-2018)
Densità57,03 ab./km²
Comuni confinantiCapranica Prenestina, Cave, Palestrina, Poli, Rocca di Cave, Roma
Altre informazioni
Cod. postale00030
Prefisso06
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT058025
Cod. catastaleC266
TargaRM
Cl. sismicazona 2B (sismicità media)
Nome abitantiCastellani[1][2][3]
Patronosan Rocco
Giorno festivo16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castel San Pietro Romano
Castel San Pietro Romano
Castel San Pietro Romano – Mappa
Posizione del comune di Castel San Pietro Romano nella città metropolitana di Roma Capitale
Sito istituzionale
Via del paese.

Castel San Pietro Romano è un comune italiano di 872 abitanti della città metropolitana di Roma Capitale, nel Lazio.

Dal 14 novembre 2017, Castel San Pietro Romano è stato inserito nel club dei "Borghi più Belli d'Italia", inoltre dal 16 novembre è stato premiato come una delle "100 mete d'Italia". Sempre nello stesso anno il Comune ha ricevuto da parte della Lega Ambiente il premio "Comune Riciclone del Lazio".

Il 12 ottobre 2018, Castel San Pietro Romano, ha la sua prima cittadina onoraria, Gina Lollobrigida.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Castel Prenestino sorge sulle estreme propaggini occidentali del monti Prenestini, in posizione dominante rispetto Palestrina a 765 m s.l.m. I rilievi più importanti del territorio comunale sono quelli di Colle Perrazzo, 973 m s.l.m., La Montagnozza, 894 m s.l.m., e Colle Cervino, 874 m s.l.m.[5]

ClimaModifica

StoriaModifica

Secondo la tradizione su questi rilevi predicò l'apostolo Pietro, ma le sue origini sono da ricercare nel Medioevo, quando su queste alture si trasferirono abitanti di Palestrina, per trovare un luogo più facilmente difendibile.[6]

Castel San Pietro fu testimone di alcuni fasi di quella che passò alla storia come la Battaglia di Palestrina, combattuta nel 1848 dai soldati della Repubblica Romana guidati da Giuseppe Garibaldi, e quelli del Regno delle Due Sicilie.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Il centro storico, oltre a possedere piacevoli stradine e piazze caratteristiche, possiede diversi punti panoramici da cui è possibile osservare begli scorci della sottostante Valle del Sacco nonché le prime propaggini della città di Roma.

Architetture religioseModifica

  • Chiesa di Santa Maria della Costa

La chiesa sorge sul luogo dell'eremo di Beata Margherita Colonna, vergine romana ritiratasi in povertà a Castel San Pietro Romano, fondando nella cittadina un piccolo monastero con annessa chiesa. La piccola chiesa di Santa Maria, realizzata nel 1700, sorge nello stesso punto in cui era il monastero, già in rovina all'epoca della costruzione dell'attuale edificio.

  • Chiesa di San Pietro Apostolo
 
Chiesa di San Pietro

La chiesa, che domina la principale piazza cittadina, sorge sui resti di una precedente costruzione romana, distrutta nell'VIII secolo. In seguito ad un recupero duecentesco, e dopo un tentativo irrealizzato di restauro progettato da Pietro da Cortona, la struttura assunse la configurazione attuale nel 1732, anno in cui, per volontà diClemente XII, fu ingrandita e ristrutturata su progetto di Nicola Michetti. In tale periodo furono realizzati il porticato esterno e la quasi totalità dell'apparato decorativo interno. Nella parete di sinistra sono conservate le spoglie di un martire cristiano, rinvenuto nel cimitero di S. Caledopio, a cui fu dato il nome di Clemente.

  • Chiesa di Santa Maria del Montirolo

Piccola chiesa rurale, è posta all'incrocio tra le strade che collegano Castel San Pietro, Palestrina e Capranica Prenestina.

  • Chiesetta dell'Addolorata

Piccola costruzione dei primi del novecento, in stile neogotico. Collocata all'inizio della strada che conduce alla città dalla sottostante Palestrina, conserva al suo interno una lapide posta da Orazio Marucchi, che riassume la storia di Castel San Pietro Romano.

Architetture civiliModifica

 
Palazzo Mocci
  • Palazzo Mocci

Architetture militariModifica

  • Rocca dei Colonna

La Rocca dei Colonna fu eretta nel punto più alto dell'Acropoli nel 970 d.C. da Stefania dei Conti di Tuscolo sorella dell’allora pontefice Giovanni XIII. L’iniziale edificio, sin dall’ora noto come “Rocca di Preneste”, era semplice ed essenziale: a pianta quadrata con torrioni angolari anch’essi a base quadrata, ospitava all’interno un torrione cilindrico a scopo carcerario. Intorno all’anno 1.100 passò di proprietà a Pietro “De Columna”. Fino all’anno 1630 la Rocca rimase di dominio della famiglia Colonna, per passare poi alla famiglia Barberini.

Fu testimone delle lotte tra i Colonna e il Papato e vide imprigionati al suo interno alcuni personaggi famosi tra cui San Berardo Vescovo dei Marsi, Jacopone da Todi che qui compose lo “Stabat Mater" e Corradino di Svevia, che vi fu rinchiuso nel 1268 prima di essere trasferito a Napoli per la decapitazione. nel corso dei secoli la rocca venne più volte distrutta. Nel 1436 Papa Eugenio IV ordina ai Vitelleschi di cacciare i Colonna da Preneste, che infatti nel 1437 dovette subire l’ennesimo scempio armato. Soltanto nel 1448 Lorenzo Colonna pacificatosi con il Papa Nicolò V, avrebbe beneficiato del consenso di ricostruire la città e parte delle fortificazioni. Nel 1482 la rocca fu ristrutturata e l’avvenimento è ricordato dall’iscrizione posta sulla torretta del ponticello, che recita: “magnificus dominus Stephanus Columna readificavit civitatem cum monte et arte MCDLXXXII"

  • Mura ciclopiche

Altra caratteristica degna di nota di questo piccolo borgo arroccato sono le antichissime mura ciclopiche, di origine pre-romana, presenti in una parte del centro antico.

Aree naturaliModifica

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[7]

 

CulturaModifica

CinemaModifica

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

  • SP 58a, che collega Castel San Pietro Romano a Palestrina e Capranica Prenestina.

AmministrazioneModifica

Nel 1872 Castel San Pietro cambia denominazione in Castel San Pietro Romano.

Altre informazioni amministrativeModifica

NoteModifica

Castel San Pietro Romano, borgo più bello d'Italia e pluripremiato dal 2017

  1. ^ Castel San Pietro Romano (RM) - Italia: Informazioni
  2. ^ Castel San Pietro Romano
  3. ^ Comune di Castel San Pietro Romano (RM) - CAP e Informazioni utili
  4. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2018.
  5. ^ Geo.On-line, su cartografia.regione.lazio.it. URL consultato il 30 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2015).
  6. ^ Lazio, non compresa Roma e dintorni, Touring club italiano, Touring Editore, 1981 - 830 pagine
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN315523494 · WorldCat Identities (EN315523494
  Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Lazio