Castello-Molina di Fiemme

comune italiano, in provincia autonoma di Trento
Castello-Molina di Fiemme
comune
Castello-Molina di Fiemme – Stemma
Castello-Molina di Fiemme – Veduta
Chiesa di Castello di Fiemme
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrentino CoA.svg Trento
Amministrazione
SindacoMarco Larger (lista civica) dal 10-5-2015
Territorio
Coordinate46°16′19.49″N 11°25′01.92″E / 46.27208°N 11.4172°E46.27208; 11.4172 (Castello-Molina di Fiemme)Coordinate: 46°16′19.49″N 11°25′01.92″E / 46.27208°N 11.4172°E46.27208; 11.4172 (Castello-Molina di Fiemme)
Altitudine963 m s.l.m.
Superficie54,56 km²
Abitanti2 316[1] (30-4-2020)
Densità42,45 ab./km²
FrazioniCastello di Fiemme (sede comunale; Castèl), Molina di Fiemme (Molìna), Predaia (Pradaia), Stramentizzo (Stramentìz)
Comuni confinantiAnterivo (BZ), Capriana, Cavalese, Pieve Tesino, Telve, Valfloriana, Ville di Fiemme
Altre informazioni
Cod. postale38030
Prefisso0462
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT022047
Cod. catastaleC189
TargaTN
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanticastellani - molinari
Patronosan Giorgio per Castello - sant'Antonio da Padova per Molina
Giorno festivo23 aprile per Castello - 13 giugno per Molina
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castello-Molina di Fiemme
Castello-Molina di Fiemme
Castello-Molina di Fiemme – Mappa
Posizione del comune di Castello-Molina di Fiemme nella provincia autonoma di Trento
Sito istituzionale

Castello-Molina di Fiemme (Castèl e Molina in dialetto fiammazzo[2]) è un comune italiano sparso di 2 316 abitanti della provincia di Trento, situato nella parte medio-bassa della Val di Fiemme. Prende il nome dai due abitati principali, Castello di Fiemme e Molina di Fiemme.

Geografia fisicaModifica

La sede municipale è Castello di Fiemme, che sorge a 963 m.s.l.m., mentre Molina di Fiemme sorge a 853 m s.l.m., Predaia a 880 m s.l.m. e Stramentizzo a 820 m s.l.m. (sebbene la Stramentizzo vecchia, abbandonata nel 1956, sorgesse a 780 m s.l.m.).

È presente un lago artificiale in territorio comunale, sulla Stramentizzo vecchia, il Lago di Stramentizzo creato nel 1956 con una diga.

Molina di Fiemme si trova nel fondovalle sulla sponda destra dell'Avisio presso la confluenza del Rio Predaia, mentre Predaia forma urbanisticamente con la parte alta di Molina un unico aggregato, è allungata in sponda sinistra del Rio Predaia fino ad inoltrarsi con alcuni masi (antichi mulini) in una stretta valle.

ClimaModifica

Il clima è salubre, asciutto, si registrano le minori precipitazioni annue della valle (ca.740 mm. annui, valori tra i più bassi anche dell'intera provincia).

Origini del nomeModifica

Originariamente il nome era San Giorgio come il castello posto sul colle roccioso a S-O dell'abitato. Successivamente cambiò nome come Contea di Castello per volere dei Conti del Tirolo- Gorizia. dal 1777 prese il nome di Castello di Fiemme. Dal 1973 un ulteriore cambiamento voluto per la riunificazione degli abitati di Molina e Castello prese il nome di Castello-Molina di Fiemme.

StoriaModifica

Castello di FiemmeModifica

Castello di Fiemme è un tipico villaggio fiemmese di antica costruzione (III d.C.; inoltre ha una zona archeologica risalente all'età del bronzo). Ora vi sorge la chiesa parrocchiale di San Giorgio, edificata nel 1856.

Nel XII secolo la giurisdizione di Castello era sotto il controllo dei Signori di Enn-Caldiff, al servizio dei Conti d'Eppan. I Conti d'Eppan ed i Conti del Tirolo ebbero in questo periodo grossi attriti che scoppiarono in una vera e propria guerra che terminò con la vittoria dei Conti del Tirolo, i quali invasero tutti i castelli dei Conti d'Eppan e i loro alleati e ne rasero al suolo parecchi tra cui quello di San Valerio (oggi sul suolo del comune di Cavalese) mentre mantennero quello di San Giorgio sopra l'abitato di Castello fino al 1296 dove gli arimanni della Contea di Castello decisero di darlo alle fiamme. L'edificio danneggiato parzialmente non perse le sue funzioni fino al 1310, poi abbattuto per volere di Ottone d'Austria, al suo posto venne edificata nello stesso anno la chiesetta oggi dedicata alla Madonna di Lourdes.

I Conti del Tirolo videro da subito che il villaggio ed il castello erano posizionati in un punto strategico per la gestione dei commerci dei Vicini della Magnifica Comunità e del Principe Vescovo di Trento. Venne così istituita da Mainardo I la Contea di Castello (1214) gestita da un Comitato e non da un feudatario. La contea si ritrovò ad avere dei beni di Regola, cioè dei beni di uso comune per i soli residenti. Venne istituito un Degano di cui si hanno tracce certe in documenti del 1245, questa figura si occupava della parte economico -amministrativa della Regola. L'amministrazione della giustizia (tributi e sanzioni) venne data ad un Vicario gestito direttamente dai Conti del Tirolo. Il successore Mainardo II sfruttò molto questo castello per poter organizzare scorrerie verso la Comunità di Fiemme e contro il Principe-Vescovo di Trento. La Contea ebbe modo di estendersi con la caduta dei Conti d'Ulten (ramo dei Conti d'Eppan) che comprendevano i territori di Valfloriana, Capriana, Anterivo e Trodena. Nel 1473 Sigismondo d'Austria permutò la Contea di Castello con il Castel Formigaro di proprietà dei Conti Firmian. Molto probabilmente in seguito a questa permuta i masi che costituivano il primo insediamento di Trodena passarono al controllo diretto della Giurisdizione di Enn. I Conti Firmian ottennero i beni ed i redditi della Contea mentre il diritto giurisdizionale rimaneva in mano a Sigismondo attraverso il controllo del Vicario di Enn. Ferdinando Carlo d'Austria cedette nel 1648 per indebitamento la giurisdizione di Enn alla casa Zenobrio di Venezia la quale la mantenne fino al 1777. il 24 luglio 1777 il Principe Vescovo Pietro Vigilio Thunn e l'Imperatrice Maria Teresa d'Austria firmarono il trattato dove dichiararono che la Contea di Castello veniva sciolta e non più vincolata a feudo. I diritti di regola rimasero invariati per gli abitanti dell'ex contea e vennero inglobati nel sistema della Comunità di Fiemme. vennero considerate libere anche le case Romane, le Ville di Molina, Stramentizzo, Capriana, Valfloriana, Rover, Capriana, Carbonare, Anterivo e Paneveggio. Il Paese venne colpito ripetutamente nel tempo da incendi che ne devastarono gran parte dell'abitato e tra il XVIII e XIX secolo ne scoppiarono ben cinque: il 29 novembre 1733, il 19 settembre 1805 partito dal laboratorio di un cappellaio, il 6 agosto 1815 a causa di un fulmine, il 21 agosto 1853 per mano di un piromane ed il 17 agosto 1860 per il gioco di alcuni ragazzi con dei petardi all'interno di un fienile.[3]

Ora sul colle dove un tempo sorgeva il castello, a fianco alla chiesetta della Madonna di Lourdes vi sorge la chiesa parrocchiale di San Giorgio, edificata nel 1856.

Molina di FiemmeModifica

Molina di Fiemme è un abitato sviluppatosi piuttosto recentemente, attorno al 1700. fino alla metà del Novecento vi erano una ventina di segherie veneziane e di mulini (da cui il paese prese il nome) spazzati via quasi in toto dall'alluvione del 1966. Tra il 1750 ed il 1918 ebbe una rapidissima crescita demografica fino a superare per diversi anni il numero di abitanti della stessa sede municipale di Castello divenendo per un breve periodo comune a sé. Questo sviluppo era dovuto alle fiorenti attività di trasformazione e commercio del legname proveniente dalle vicine foreste della val Cadino (segherie, mobilifici, produzione di imballaggi), produzione di laterizi, stufe in ceramica, lavorazione del ferro, attività oggi fortemente ridimensionate.

Tra queste attività spiccò per un breve periodo anche una fabbrica di vetri e cristalli in località Piazol. Costruita attorno al 1767 dove se ne registra l'atto di fondazione a nome di Baldironi & Co.. Il terreno venne venduto dalla Regola di Castello ma senza mai ricevere compenso portando la questione ad una lunga controversia. Sulla storia della vetreria non sono state trovate molte tracce se non le documentazioni sulle problematiche dovute alla gestione e lavorazione del vetro. Con un censimento delle aziende in Fiemme del 1810 fatto dai francesi (conquiste napoleoniche) la vetreria non compare probabilmente perché già dismessa. Oggi ne restano ancora alcuni ruderi. Le cause del declino di questa particolare attività è da ricercarsi in più fattori come la concorrenza con i vetri e cristalli della Val Rendena e della Valsugana, la carenza di quarzi nei minerali della Val Cadino dove venivano effettuate estrazioni minerarie e le lotte per l'indipendenza del Tirolo del 1809.[4]

Un'attività estremamente redditizia fu la lavorazione dell'argilla. l'estrazione principale veniva effettuata presso località Piazol. Di grande pregio sono da ricordare le ole per la realizzazione delle stufe e le tegole impiegate anche per la realizzazione del tetto del duomo di Bolzano. Altra importante produzione erano i mattoni dove oggi ne rimane come cimelio il fabbricato con l'antica ciminiera. Anche in questo settore vi fu grande spinta fino al 1918, con il passaggio al Regno d'Italia il mercato locale dei mattoni e delle tegole un tempo commerciati in tutto il Tirolo ed oltre venne meno a causa delle grosse aziende italiane specializzate nel settore che fornivano gli stessi prodotti a prezzi migliori. L'alluvione del 1966 causò ingenti danni anche a questo settore portandolo alla chiusura. Solo le ole vengono ancora oggi realizzate da pochissimi artigiani con argilla proveniente da fuori zona dato che località Piazol è stata tutelata come area di pregio per evitare ulteriori scavi.

La Parrocchiale dedicata a Sant'Antonio da Padova, importante edificio storico della frazione, è stata costruita nell'anno 1852 e sorge nella parte alta del paese, affrescata con opere dall'artista locale G. B. Daprà.

StramentizzoModifica

Stramentizzo nuovo (Scales) (820 m) fu costruito nel 1958 a monte del bacino in località Scales, per risistemare gli abitanti del vecchio paesino.

Tra il 2 e il 4 maggio 1945 vi furono le stragi di Ziano, Stramentizzo e Molina di Fiemme, dove le truppe tedesche in ritirata alla fine della seconda guerra mondiale uccisero 45 persone. In seguito proprio a Stramentizzo vecchio, mentre i partigiani attaccarono un convoglio di SS morì in combattimento il 4 maggio 1945 Giorgio Marincola, medaglia d'oro al valore militare.[5][6][7]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

Architetture civiliModifica

Architetture militariModifica

  • Fronte della Prima Guerra Mondiale Austro-Ungarico, Passo Manghen.

Aree naturalisticheModifica

  • Area archeologica Doss Zelòr, a Castello di Fiemme.
  • Lago delle Buse e Lago delle Stelune. Val Cadino.
  • Biotopo di Brozin.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[8]


Istituzione, enti e associazioniModifica

Feudo RucadinModifica

Il feudo Rucadin è un feudo ad uso popolare disposto a sole poche famiglie iscritte nel libro mastro del feudo. Le sue proprietà si identificano in alcuni caseggiati nel centro di Castello di Fiemme e della proprietà terriera ad uso feudo sita sulla sinistra orografica del torrente Cadino presso la sua foce a confine con le proprietà del Barone Longo e delle foreste Demaniali. Venne donato dai conti Firmian nel 1516 alla popolazione di Castello di Fiemme. La leggenda vuole che fosse stato donato a due domestiche a titolo di legato da passare ai posteri di esse, ma probabilmente per motivi territoriali questi terreni vennero ceduti alla popolazione affinché non finissero nelle mani del vescovo di Trento. La sua gestione amministrativa, ancor oggi attiva viene esercitata da un Regolano che viene eletto annualmente dalla maggioranza dei vicini (capi famiglia aventi diritto di voto). I vicini vengono convocati a consiglio per gli affari del taglio del bosco dal quale ognuno riceve un ragguardevole importo. La regola possiede un guardia boschi che viene pagato con gli introiti del legname. all'inizio il sistema di vicinia era aperto a tutti i parenti e discendenti, ma nel 1776 venne stabilito il diritto di successione ai figli maschi naturali (non adottati o acquisiti da altri parenti) figli di vicino. Le figlie potevano ereditare tale diritto alla sola condizione di risiedere a vita in Val di Fiemme. I maschi hanno diritto solo alla morte del padre e solo se residenti nel paese di Castello di Fiemme, se uno cambia abitato come residenza perde questo diritto ma se ritorna ad essere residente in questo comune può riacquisire questo diritto dopo 1 anno e 1 giorno. Se il padre dopo aver fatto residenza fuori paese muore i figli anche se vivono nel paese di Castello non hanno più diritto. Nei tempi passati ogni vicino doveva donare alla famiglia Firmian mezzo stajo (misurazione del grano che variava da zona a zona) di segale e al giusto prezzo gli si conduceva il legname ad Egna e poi lungo fiume Adige con le zattere fino a Mezzocorona (all'epoca Mezzotodesco), dove aveva il castello. Questo dovere venne perso o andò in disuso col passare del tempo.

Foresta Demaniale P.A.T.Modifica

Si trova in Val Cadino sul lato orografico sinistro e si estende per 1265 ettari partendo da un'altitudine di 950 m s.l.m. e raggiungendo una quota massima di 2412 m s.l.m. La storia di quest'area risale al medioevo: prima di proprietà dei Signori di Enn Caldiff passò successivamente ai Conti del Tirolo. Successivamente ne divenne proprietario il Demanio dell'Impero Austriaco e poi Austro Ungarico. Caduto l'Impero venne annesso al servizio foreste del Demanio Italiano ed infine al servizio foreste della Provincia Autonoma di Trento.[9]

La flora a fusto è prevalentemente di conifere : abete rosso, abete bianco, larice, cirmolo, l'abete del Colorado (introdotto ad inizi '900) e la Douglasia (introdotta nel 1910). Le latifoglie sono solo in aree miste con le conifere e comprendono aceri, sorbi degli uccellatori, betulle, faggio ed ontano verde.

CulturaModifica

Geografia antropicaModifica

La denominazione del comune fino al 1973 era Castello di Fiemme. Dal 1925 comprende anche il territorio del soppresso comune di Stramentizzo.[10]

EconomiaModifica

L'economia locale si basa principalmente su turismo, industria del legname e derivati, allevamenti, produzioni agricole di piccoli frutti.

Infrastrutture e trasportiModifica

FerrovieModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ferrovia della Val di Fiemme e Stazione di Castello di Fiemme.

Dal 1917 al 1963 era in funzione la ferrovia della Val di Fiemme che collegava Ora con Predazzo passando appunto per la Val di Fiemme e a Castello di Fiemme aveva la sua stazione ferroviaria oggi adibita in abitazione privata. Il servizio di collegamento tra Ora e Cavalese al termine del servizio del treno è stato sostituito dalla Provincia di Bolzano con trasporto su ruota mediante autobus garantendo così il collegamento tra le due province. Le fermate nel paese di Castello sono aumentate a quattro: loc. Stazione, via Stazione, piazza Segantini e via Roma.

AutobusModifica

Il comune di Castello-Molina di Fiemme è divenuto col tempo uno snodo importante per i trasporti pubblici. Nella piazza Segantini (piazza degli autobus) convergono le linee di andata e ritorno:

Trento-Segonzano-Cavalese

Trento-Cembra-Cavalese

Trento-Egna-Cavalese

Ora-Cavalese

Cavalese-le Ville-Castello di F.(solo andata)

AmministrazioneModifica

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2020.
  2. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  3. ^ curatore Don Bonelli Giovanni Batta, Occasione e Ricordanza: «Notizie intorno Castello di Fiemme e suo Comitato»: occasione di ricordanza giubilico di regno di sua Maestà Imperatore Francesco Giuseppe I, Trento, tipografia editrice Artigianelli, 1899.
  4. ^ curatore Angelo March ed Antonio Betta, Vetreria e segherie veneziane in Castello di Fiemme tra Molina e Cadino, NOVA GRAFICA divisione NOVA PRINT, 2004.
  5. ^ Wu Ming 2 e Antar Mohamed, Timira-Romanzo meticcio, Einaudi 2012
  6. ^ Le stragi tedesche in val di Fiemme, maggio 1945
  7. ^ curatore Lorenzo Gardumi, Maggio 1945: «a nemico che fugge ponti d'oro»: la memoria popolare e le stragi di Ziano, Stramentizzo e Molina di Fiemme, Fondazione museo storico del Trentino, 2008, ISBN 978-887197-105-6.
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ [1] Foreste Demaniali Provincia Autonoma di Trento
  10. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN248303703 · GND (DE4825719-9 · WorldCat Identities (ENviaf-248303703
  Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Trentino-Alto Adige