Castello Peveril

castello nel Derbyshire

Il castello Peveril (in inglese: Peveril Castle), noto anche come Peak Castle[1][2] o castello di Castleton (in inglese: Castleton Castle)[1] è un castello fortificato in rovina del villaggio inglese di Castleton, nel Peak District (Derbyshire): costruito a partire dal 1080 per volere di William Peverel o Peveril[1][2][3][4], ma per circa due secoli di proprietà dei reali d'Inghilterra[1], è uno dei più antichi castelli normanni del Paese[3].

Veduta di Castleton con il castello Peveril (Peveril Castle)
Castello Peveril
(EN) Peveril Castle
Peveril Castle Keep.JPG
Ubicazione
Stato attualeRegno Unito Regno Unito
Regione/area/distrettoInghilterra
CittàCastleton
Coordinate53°20′24.36″N 1°46′37.56″W / 53.3401°N 1.7771°W53.3401; -1.7771
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Castello Peveril
Informazioni generali
Tipofortezza
Inizio costruzione1080
CostruttoreWilliam Peveril
Visitabile
Sito webwww.english-heritage.org.uk/visit/places/peveril-castle/
[1]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Il maschio del castello
Rovine del castello

L'edificio, classificato come castello di primo grado e considerato un sito nazionale di grande importanza archeologica[1], è posto sotto la tutela dell'English Heritage[4].

StoriaModifica

L'edificio originario fu costruito in legno nel 1080 da William Peverel o Peverel, che si riteneva fosse un figlio illegittimo di Guglielmo il Conquistatore[1][2][3],ma fu rifatto in pietra non molto tempo dopo.[2] Fu tra i pochi castelli ad essere menzionati nel Domesday Book (1086).[3]

Dopo la morte di William Peveril, avvenuta nel 1114/1115, il castello passò nelle mani del figlio, che portava lo stesso nome del padre.[1][2][3] Dopo però che quest'ultimo fu accusato dell'omicidio del conte di Chester, in seguito al quale Peveril si ritirò in un monastero[3], nel 1155 re Enrico II d'Inghilterra decise di confiscare la tenuta dei Peveril, castello compreso.[1][2][4]

In seguito, fu assunto da Enrico II d'Inghilterra, che soleva recarsi molte volte nel castello (una prima volta nel 1157, quando incontrò re Malcolm IV di Scozia[1][2][3][4]) un guardiano, che veniva pagato tra le 4 e le 10 sterline l'anno[3]. Lo stesso Enrico II nel 1176 fece costruire il maschio del castello, visibile tuttora e che in origine misurava 60 piedi in altezza.[1]

Il successore di Enrico II, Enrico III d'Inghilterra, che aveva visitato il castello Peveril nel 1235, invistì molto denaro per il restauro dell'edificio.[3]

L'ultimo re che visitò il castello Peveril fu nel 1331 re Edoardo III d'Inghilterra, il quale cedette la proprietà dell'edificio alla moglie, Filippa di Hainault.[3] A quell'epoca il valore del castello ammontava a circa 291 sterline.[3]

Il castello rimase di proprietà dei re d'Inghilterra fino al 1369, quando fu ceduto da Edoardo III al suo secondo figlio Giovanni di Gand in cambio del castello e della tenuta di Richmond, divenendo così parte della tenuta dei duchi di Lancaster.[1][3]

Il castello fu abbandonato agli inizi del XIV secolo[3] e già intorno 1480 era in uno stato di rovina[3].

In seguito, negli anni sessanta del XVI secolo, il maschio del castello tornò ad essere usato, segnatamente come tribunale o come prigione.[2] Fu però l'unica parte dell'edificio che rimase ancora in uso nel XVII secolo.[2]

Infine, nel corso del XX secolo fu intrapresa un'opera di restauro.[2]

ArchitetturaModifica

 
Veduta panoramica del castello

Il castello si erge su una collina triangolare, nota localmente come "The Devil's Arse", che sovrasta per 220 metri il villaggio di Castleton.[3]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Peveril Castle, su castleton.co.uk. URL consultato il novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2016).
  2. ^ a b c d e f g h i j (EN) Ross, David, Peveril Castle, su britainexpress.com. URL consultato il 29 novembre 2016.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (EN) Peveril Castle, su peakdistrictonline.co.uk. URL consultato il 29 novembre 2016.
  4. ^ a b c d (EN) Peveril Castle, su peakdistrictinformation.com. URL consultato il novembre 2016.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica